La casa maldetta di Cona

La casa maldetta di Cona – A Cona, in provincia di Ferrara, vi è una casa maledetta. Si tratta di una villa, piuttosto imponente, situata all’interno di un bellissimo parco. Dall’unica finestra che non è stata murata, si racconta che, si affacci una vecchia signora che insulta ed inveisce contro chi si avvicina all’abitazione. La cosa inquietante non è l’apparizione di questo strano fantasma ma il fatto che, a seguito di una delle sue comparse, persero la vita tre ragazzi. Siamo agli inizi degli anni 80 quando un gruppetto di quattro amici decide di entrar nel giardino di Villa Magnoni.

La villa all’esterno sembra in buone condizioni nonostante la mancanza di manutenzione da molti anni. I quattro temerari entrano nella casa, ridendo si aggirano tra le stanze stando ben attenti a dove mettono i piedi in quanto, in molti punti, il pavimento è crollato. Si trovavano al piano di superiore quando hanno sentito delle voci di bimbi provenire dal giardino. Incuriositi sono scesi per andare a vedere ma, quando si sono trovati all’esterno si sono resi conto che erano soli e che dei bambini non vi era alcuna traccia. Ad attirare la loro attenzione fu la voce stridula di una signora anziana che, affacciata dall’unica finestra aperta li insultava e diceva loro di andarsene.

I quattro, spaventatissimi, sono rimontati in macchina  sono fuggiti a gran velocità. A poca distanza dalla villa però, i quattro ebbero un bruttissimo incidente dove tre di loro persero la vita. Il quarto, si salvò e raccontò alle forze dell’ordine la loro disavventura. La storia di questi ragazzi suscitò l’interesse di molte persone che, curiose, andarono a vedere la casa e, molti, videro la vecchia signora affacciata che li insultava. Il Comune per evitar altri probabili incidenti decise di murare tutte le finestre tranne una dove mancava il pavimento e per evitare che la struttura subisse ulteriori danneggiamenti.

Questa operazione però non ha fatto desistere i curiosi che, incuranti del pericolo o non credendo alla leggenda, sono entrati nel parco ed hanno visto la signora affacciarsi proprio dall’unica finestra rimasta aperta.