Sarà il Trentino la location delle riprese italiane di “Climbing IRAN” documentario di Francesca Borghetti. Al via la campagna di crowdfunding

Sarà il Trentino la location delle riprese italiane di “Climbing IRAN” documentario di Francesca Borghetti. Al via la campagna di crowdfunding

Sarà il Trentino la location delle riprese italiane di “Climbing IRAN” documentario di Francesca Borghetti. Al via la campagna di crowdfunding – Nella cornice del 66. Trento Film Festival (26 aprile – 6 maggio 2018) si svolgeranno alcune delle riprese italiane preparatorie di “Climbing IRAN” film documentario di Francesca Borghetti, prodotto con Nanof e incentrato sulla storia di Nasim Eshqi, alpinista e climber iraniana capace di aprire vie su roccia e unica donna professionista che pratica all’aperto in Iran, dove ha all’attivo diverse prime ascese e aperture di vie.

Sarà il Trentino e in particolare le pareti nella zona del Tonale, la location delle riprese italiane del documentario che sarà girato prevalentemente in Iran.

Ospite del Trento Film Festival, Nasim terrà martedì 1 maggio alle 18.30, alla sede della SOSAT (Via Malpaga, 17) una presentazione delle sue imprese nell’incontro “Climbing in Iran e libertà. Come la gravità porta all’uguaglianza” e con l’occasione, insieme al team di produzione, farà i sopralluoghi per le riprese dell’estate.

Per finanziare parte delle riprese in Iran e sostenere il documentario, finalista al Premio Solinas 2017, al PerSo 2017 e a Visioni Incontra 2017, sarà lanciata il 1 maggio su Eppela la campagna di crowdfunding: www.eppela.it/climbingiran .

Scalare le montagne ha di per sé il valore simbolico della sfida personale per superare i propri limiti”, afferma l’autrice e produttrice Francesca Borghetti, all’esordio nella regia di un lungometraggio, “penso che Nasim possa raccontarci qualcosa di nascosto che anima le donne iraniane di oggi e che sfugge all’abituale “discorso” sull’Iran, ma anche sul potere della montagna, che riposiziona l’uomo di fronte ai suoi limiti e relativizza la sua smania di controllo, l’onnipotenza delle sue ideologie”.

 Nasim Eshqi

Nata e cresciuta a Teheran ed ex campionessa di Kick Boxing, Nasim è un’alpinista e climber iraniana esperta in arrampicata all’aperto in Iran. È l’unica donna professionista che pratica all’aperto in Iran, dove ha all’attivo diverse prime ascese e aperture di vie, così come in Armenia, Georgia, India e Turchia. Come autodidatta è riuscita a raggiungere il livello 8B in parete. Insegna la pratica dell’arrampicata all’aperto, in particolare ai giovani.

 Francesca Borghetti

Con un background in Antropologia Culturale, Francesca si occupa di documentari dal 2000, ed ha maturato esperienza nell’ideazione, scrittura, produzione, regia di prodotti audiovisivi in particolare nel documentario narrativo. Ha collaborato a lungo con DocLab, Fabulafilm e Babel Tv. Tra gli ultimi lavori, ha firmato come autrice la serie doc “Dancing Stories” prodotta da Rai 5,  e come autrice e regista la serie doc “Un mondo di Donne” prodotta da Userfarm per Rai Storia.

Nanof è una società di produzione indipendente, fondata da Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni  nel 2001 a Roma. Si occupa di cinema, progetti cross-mediali, cortometraggi, installazioni, televisione. Ha realizzato progetti cinematografici e tv distribuiti in Italia e all’estero e sviluppa progetti di documentario creativo su temi della società contemporanea, la cultura, lo sport, l’arte, la storia.

La pioniera dell’arrampicata sportiva all’aperto sarà al 66. Trento Film Festival per l’incontro “Climbing in Iran e libertà. Come la gravità porta all’uguaglianza”, tra amore per lo sport, condizione della donna in Medio Oriente e desiderio di uguaglianza

 Nasim Eshqi: la free climber iraniana

dalle unghie rosa shocking in ascesa per la libertà

In occasione dell’incontro, che si terrà martedì 1 maggio ore 18.30,

sarà presentato “Climbing Iran”, documentario di Francesca Borghetti

in corso di lavorazione che segue la sfida di Nasim

per l’apertura di nuove vie sulle vette persiane

Mani forti spolverate di magnesio e unghie color rosa shocking. Una donna alle prese con una vetta da scalare: roccia solida e reale, ma anche la grande metafora di un paese in trasformazione. Sarà Nasim Eshqi, free climber iraniana e pioniera dell’arrampicata sportiva outdoor, una tra le ospiti speciali del 66. Trento Film Festival (26 aprile – 6 maggio). Unica donna in Iran a fare dell’arrampicata all’aperto la sua professione (su 80 milioni di abitanti sono circa 300 le donne che in orari separati dagli uomini praticano indoor, e poco più di una decina outdoor), Nasim terrà martedì 1 maggio ore 18.30 alla sede della SOSAT (Via Malpaga, 17) un talk dal titolo “Climbing in Iran e libertà. Come la gravità porta all’uguaglianza”, tra sport, condizione della donna in Medio Oriente e desiderio di uguaglianza. Nell’occasione saranno presentate le prime immagini di “Climbing Iran”, documentario in corso di lavorazione firmato da Francesca Borghetti che segue la sfida dell’atleta per l’apertura di una nuova via sul monte Behistun. Il Trentino sarà inoltre il set della parte italiana delle riprese. Dove Nasim sarà impegnata in una prima ascensione nella zona Tonale.

 Cresciuta a Teheran in un contesto popolare e tradizionalista, Nasim ha seguito il richiamo delle immense montagne persiane per esplorare territori nuovi, aggirando le norme che impongono alle donne di praticare su pareti “indoor”, separate dagli uomini e col capo coperto dal velo. Sola, con le unghie laccate di smalto rosa che mette prima di ogni ascesa per trovare l’energia giusta, ha schiuso la strada dell’arrampicata femminile all’aperto, e oggi porta con sé un manipolo di ragazze. Ma nell’arrampicata è fondamentale avere un buon compagno di cordata, ed è difficile per Nasim trovare la persona giusta con cui assumersi nuove sfide. La montagna da scalare infatti non è solo fisica, ma anche fatta di barriere culturali: gli uomini più esperti non sono disponibili, se sono religiosi o sposati non vanno in parete con una donna, e nessuna delle ragazze, al momento, è esperta quanto lei.

Il velo poi, come dice lei, “il vento lo porta via”, dichiarando che di fronte alla montagna sono le forze della natura a prendere il sopravvento sulle leggi degli uomini.

“Scalare le montagne ha di per sé il valore della sfida personale, del superare i propri limiti. Trovo cruciale che sia una donna a sperimentarlo in Iran. Muoversi liberamente nello spazio pubblico per lei non è affatto scontato, e farlo senza velo ancora meno” spiega l’autrice e produttrice del documentario Francesca Borghetti all’esordio nella regia di un lungometraggio, raccontando l’origine del suo film “Climbing Iran” finalista nel 2017 al Premio Solinas, prodotto con Nanof di Filippo Macelloni e Lorenzo Garzella. Per portarlo a termine affronterà insieme a Nasim l’ascesa del monte Behistun, enorme promontorio nel deserto e antico luogo sacro, oggi patrimonio dell’Unesco. È questo lo scenario che Nasim ha scelto per la sua nuova impresa: l’apertura di una via che porterà il suo nome, in un percorso di autodeterminazione e di lotta lontano da Teheran e dalle sue regole, dove la gravità diventa legge suprema uguale per tutti e non fa differenza tra uomini e donne.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi