La grande musica Nera. A ParmaJazz Frontiere si parla del volume di Paul Steinbeck sull’Art Ensemble di Chicago

La grande musica Nera. A ParmaJazz Frontiere si parla del volume di Paul Steinbeck sull’Art Ensemble di Chicago – ParmaJazz Frontiere Festival: concerti ma anche formazione e incontri. Lunedì 29 ottobre alle ore 18 (ingresso libero) appuntamento a La Feltrinelli Libri e Musica per la presentazione di La grande Musica Nera, il volume di Paul Steinbeck dedicato alla storia del celeberrimo Art Ensemble di Chicago, gruppo jazz d’avanguardia divenuto celebre negli anni 60. Il volume sarà presentato dal giornalista e critico musicale Claudio Sessa (Corriere della Sera). A condurre l’incontro Alessandro Rigolli, critico musicale de La Gazzetta di Parma, Il Giornale della Musica e Musica Jazz.

In questo volume Paul Steinbeck esplora in chiave moderna, i dettagli della lunga e gloriosa storia dell’Art Ensemble di Chicago, senza mai allontanarsi dalla tradizione musicale afroamericana.

I membri dell’Art Ensemble di Chicago, Joseph Jarman, Roscoe Mitchell, Malachi Favors, Don Moye e Lester Bowie, fin dalla metà degli anni Sessanta, hanno regalato al pubblico un irresistibile e entusiasmante spettacolo creato da un intreccio di esperienze spettacolari, suonando centinaia di strumenti, recitando poesie, dando vita ad episodi teatrali, mascherandosi e usando costumi d’ogni provenienza. Proponendo al mondo, un jazz sperimentale in opposizione alla tradizionale estetica jazz, attraverso l’uso di diversi modelli di interpretazione e con un ampio repertorio di composizioni.

Con una approfondita esposizione, Paul Steinbeck analizza gli elementi innovativi presenti nelle loro performance visive e sonore, unendo l’analisi musicale alla ricerca storica. Il libro curato da Claudio Sessa, conduttore in radio di Jazz Anthology tra gli anni ‘70 e ‘90, direttore del mensile Musica Jazz dal 1997 al 2000, oggi è collaboratore del Corriere della Sera e docente di Storia del Jazz presso il Conservatorio di Cuneo. Ha curato la collana musicale Quodlibet Chorus dell’editore Quodlibet, inaugurata appunto dal libro di Steinbeck.