Continua l’estate culturale di Verbania

Domani, giovedì 17 giugno appuntamento con ROBERTA LIDIA DE STEFANO, ALESSANDRA FAIELLA, SILVIA GIULIA MENDOLA, MARINA ROCCO, LUCIA VASINI 

E lo spettacolo I MONOLOGHI DELLA VAGINA

Di Eve Ensler – traduzione italiana di Monica Capuani

Regia EMANUELA GIORDANO

Produzione Teatro Franco Parenti 

Biglietti disponibili al link

https://toptix1.mioticket.it/fondazioneilmaggiore/

Dopo il grande successo registrato dai primi spettacoli, continua l’ESTATE CULTURALE del CENTRO EVENTI IL MAGGIORE che, dopo quasi un anno di chiusura, è pronto a “riaprirsi alla vita” e riaccendere i riflettori sul meglio della prosa, della musica, dell’opera, della danza e una serie di appuntamenti dedicati al 700° anniversario della morte di Dante Alighieri. 

Il terzo appuntamento della stagione è per domani, GIOVEDÌ 17 GIUGNO (ore 21.00 – sala teatrale) con ROBERTA LIDIA DE STEFANO, ALESSANDRA FAIELLA, SILVIA GIULIA MENDOLA, MARINA ROCCO, LUCIA VASINI e il pluripremiato spettacolo I MONOLOGHI DELLA VAGINA, con la regia di EMANUELA GIORDANO (produzione Teatro Franco Parenti, traduzione italiana del testo di Monica Capuani).

Cosa sono e come nascono i Monologhi della Vagina? Ripercorriamo brevemente la storia di questo successo planetario.

Il testo nasce da duecento interviste che Eve Ensler realizza con donne di etàetnieprofessioni e classi sociali diverse. Dopo cinque anni di ricerche, di scrittura, di letture in spazi off, di premi prestigiosi e di sold out, il 5 febbraio del 2001, Jane Fonda, Alanis Morisette, Glenn Close e molte altre artiste dello stesso calibro, salgono sul palco del Madison Square Garden per celebrare il primo grande V-Day.

Aderiscono attrici, cantanti ed intellettuali di tutto il mondo. Il V-Day si replica ovunque. Con gli incassi vengono finanziati importanti iniziative contro la violenza sulle donne. Anche l’Italia partecipa al progetto.

Sempre nel 2001, con il Patrocinio dei Beni Culturali e del Ministero delle Pari Opportunità, in tutti i maggiori teatri Italiani, si moltiplicano i V-Day e si replicano i Monologhi della vagina con l’adesione di decine di artiste.

La traduzione del testo è di Monica Capuani, la regia di Emanuela Giordano.

Sono passati vent’anni ma ancora oggi i Monologhi della Vagina rappresentano un felice esempio di intelligenza, di ironia e di denuncia. Ha senso riproporli nel 2021? Certamente sì, perché sessualità, dignità e rispetto della donna sono temi più che mai attuali.

Lo spettacolo è corale, le attrici si dispongono all’ascolto e alla partecipazione di ogni storia, sono racconti veri, alcuni esilaranti, altri terribili, perché evocano l’inaudita e barbara violenza che si compie sul corpo femminile.

La donna parla di sé attraverso il suo organo genitale e lo fa senza enfasi, senza vittimismo, con orgoglio ed eleganza.

In un’estate in cui ci dedicheremo prevalentemente al turismo in Italia, gli appuntamenti proposti da Il Maggiore di Verbania si arricchiscono così di ulteriore valore: non solo il consentire di tornare, finalmente, alle attività che più ci sono mancate in questi mesi, ma anche il permettere di scoprire e riscoprire, proprio grazie alla cultura, a visitatori e viaggiatori provenienti da tutta Italia, le meraviglie del territorio del Verbano.

Questo l’ultimo spettacolo del mese di giugno, solo una parte di un ricchissimo cartellone in grado di dare vita a una stagione che, dopo mesi di chiusura, permetterà di ritrovarsi in platea, tornando a condividere emozioni assistendo fisicamente agli spettacoli nel pieno rispetto delle normative attualmente in vigore.

Mercoledì 30 giugno (ore 21.00 – arena): BESTIA CHE SEI

Reading a due voci di Stefano Benni con ANGELA FINOCCHIARO e DANIELE TRAMBUSTI

La stagione teatrale che presentiamo quest’anno non ha solo nomi importanti in calendario – commenta Silvia Marchionini, Sindaco di Verbania – ma ha l’obiettivo di contribuire a rilanciare il turismo del territorio e di proseguire il percorso iniziato con Verbania Capitale della Cultura”. 

“Il mio augurio, il nostro augurio, è che la gente possa così ritrovare sé stessa, soprattutto la parte che è andata persa in questi ultimi mesi – continua Rita Nobile, Presidente della Fondazione Il Maggiore – Perché, come dimostrato, la cultura nelle sue varie forme crea e induce benessere psicologico”. 

“Sono emozionata come non sono mai stata  ha proseguito Renata Rapetti, Direttrice Artistica da Il Maggiore – perché ho la sensazione che quello di oggi sia proprio un vero nuovo inizio, con una stagione estremamente importante, con spettacoli di qualità, che sapranno farci riflettere ma anche ridere”.

“Il Maggiore ha un ruolo fondamentale – commenta Manuela Ronchi che, con la sua Action Agency, si sta occupando della comunicazione strategica Verbania e del Teatro – Infatti non sarà solo la casa di una stagione teatrale e culturale ricchissima, ma un vero e proprio media, l’epicentro che racconta la vita del territorio e le sue eccellenze, diventando la VOCE di Verbania”. 

I biglietti sono in vendita con le seguenti modalità:

Diritti di prevendita 1,50 euro (fino a 2 ore prima di ogni evento)

Informazioni generali

I posti nella sala Teatrale sono numerati rispettando il distanziamento imposto dell’emergenza COVID 19 – la mascherina è obbligatoria per tutta la durata dello spettacolo (il distanziamento va rispettato anche per congiunti e familiari).

Nell’Arena i posti non sono numerati, la disposizione rispetta il distanziamento imposto dell’emergenza COVID 19, raggiunto il posto a sedere si può togliere la mascherina (il distanziamento va rispettato anche per congiunti e familiari)

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.ilmaggioreverbania.it