“Andrea Emiliani. Presente e futuro”, il volume, edito da Carta Bianca. La presentazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna

In meno di un giorno è stato già registrato il tutto esaurito per l’evento di presentazione del libro Andrea Emiliani. Presente e futuro, prevista per lunedì 22 novembre alle ore 11.30 presso l’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. L’incontro prevede un’introduzione del curatore Pier Luigi Cervellati e una lezione sull’opera di Emiliani tenuta da Claudio Strinati.

Il volume, edito da Carta Bianca, raccoglie in 240 pagine gli atti del Convegno dedicato ad Andrea Emiliani – grande storico dell’arte, considerato uno dei migliori soprintendenti delle passate stagioni – svoltosi nel febbraio 2020, con alcuni approfondimenti di straordinaria attualità e una ricchissima bibliografia degli scritti dello studioso.

Il convegno, organizzato dall’Accademia Clementina il 17 febbraio 2020, a circa un anno dalla scomparsa di Andrea Emiliani (Predappio, 1931 – Bologna, 2019) vede la partecipazione di Fabio Alberto Roversi Monaco, Bruno Toscano, Anna Marina Foschi, Maria Pia Guermandi, Giuseppina Tonet, Simone Verde, Franco Farinelli, Tomaso Montanari, e un saluto di Pierre Rosenberg. Non si tratta di una celebrazione accademica rituale, bensì di un primo momento di analisi del suo insegnamento e l’inizio di un percorso riflessivo sulla sua attività, nella consapevolezza che molto di ciò che lo fa protagonista meriti un successivo e ulteriore approfondimento.

Con l’aiuto primario di Maria Pia Guermandi e con il contributo di Giuseppina Tonet, Maria Luigia Pagliani, Luisa Ciammitti, Giovanna Battistini e Giuseppe Gherpelli si è ampliato il percorso iniziato con il convegno, dando alle stampe questo libro, che presenta brevi approfondimenti su alcuni degli aspetti della poliedrica e instancabile attività di Emiliani, in qualità di soprintendente, storico dell’arte, professore universitario, direttore di pinacoteche, editore, museologo e progettista di musei, urbanista, paesaggista e pianificatore del patrimonio della città storica.

In quest’operazione, ampio è il ricorso alla citazione diretta dei testi di Andrea Emiliani, testimonianza puntuale e analitica di quanto lui stesso compie per ben più di mezzo secolo. La sua scrittura, sorvegliatissima e dall’andamento quasi manzoniano, spesso incisiva – talora tagliente – applicata anche a temi complessi, diventa protagonista inevitabile della sua personale, lunghissima battaglia in difesa del patrimonio, bene pubblico da restituire a una consapevole fruizione della collettività cui appartiene.

Nel rispetto delle norme vigenti in materia di tutela e prevenzione da Covid-19, per l’accesso all’evento è disposta l’obbligatorietà del Green Pass e la prenotazione obbligatoria.

Al momento, i posti disponibili sono esauriti, è possibile essere inseriti in coda di prenotazione in caso di disdette scrivendo una mail all’indirizzo: archivio.storico@ababo.it

Accademia di Belle Arti di Bologna, Aula Magna
Via delle Belle Arti, 54, Bologna
www.ababo.it