“Stendale. L’abbraccio delle Muse” il progetto artistico visitabile dal 3 agosto al 6 ottobre 2019 nell’ambito della 55^ edizione del Corciano Festival

“Stendale. L’abbraccio delle Muse” il progetto artistico visitabile dal 3 agosto al 6 ottobre 2019 nell’ambito della 55^ edizione del Corciano Festival

“Stendale. L’abbraccio delle Muse” il progetto artistico visitabile dal 3 agosto al 6 ottobre 2019 nell’ambito della 55^ edizione del Corciano Festival – Corciano, l’antico borgo umbro selezionato tra i più belli d’Italia e riconosciuto come Destinazione Europea d’Eccellenza, ospita ” STENDALE. L’abbraccio delle Muse”, il grande progetto artistico ed espositivo, unico nel suo genere, che coinvolgerà più di 120 artisti e che sarà inaugurato il 3 agosto, nell’ambito della 55a edizione del Corciano Festival (in programma dal 3 al 15 agosto) fondando il suo senso sulla ‘Corrispondenza delle arti’ e il ‘Girotondo delle Muse’.

Il progetto, nato da un’idea di Fabrizio Fabbri e affidato alla curatela dello scrittore, critico e docente universitario Gabriele Perretta, si articola in più segmenti: ” Stendale“, una scenografica installazione artistica a cielo aperto – in esposizione fino al 6 ottobre 2019 – che attraverserà per 1000 metri le storiche mura di Corciano, composta da oltre 70 opere di diversi artisti, create per l’occasione con tecniche e linguaggi espressivi che spaziano dalla figurazione all’astrattismo, dall’arte concettuale alla fotografia, dalla video art alla street art; e “XD3.0 InsideExpo“, una serie di opere, performance, happening, film, libri, parole, poesie, suoni, web art, immagini mediali realizzate da artisti di tutto il mondo negli ambienti della città.

Abbiamo considerato il Corciano Festival come ricca possibilità di linguaggio e Stendale ed XD3.0 InsideExpo come operatività concreta, che si esprime nel Cover Up alle Pareti della Città, attraverso il Teatro degli Elementi nei Luoghi e i Live Act sui palcoscenici che troviamo presenti nelle varie arti – Le parole del curatore Gabriele Perretta – “Questa sinestesia deve venire interpretata nella rete di condizionamenti e situazioni storiche, culturali e in generale nella possibilità di una reciproca comprensione.”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi