Oriolo Romano lungo la via Clodia

Oriolo Romano lungo la via Clodia

Presentazione guida “Oriolo Romano lungo la via Clodia”. Verrà presentata il 16 settembre 2017 alle ore 17.30, con il Patrocinio del Polo Museale del Lazio, del Comune di Oriolo Romano, nella Sala degli Avi di Palazzo Altieri, in piazza Umberto I, a Oriolo Romano.

La Guida, curata da Roberta Ferrini, è il risultato di un attento lavoro eseguito da professionisti e studiosi di Oriolo Romano: Roberto Bellini, Luisa Caporossi,  Martina Castroni, Patrizia Di Filippo, Augusto Farnetti, Maurizio Farnetti, Massimo Felicetti, Beatrice Fochetti, Carlo Mascioli, Dino Michelin, Chiara Pelizzi, Marcello Piccioni, Fiorella Proietti, Simona Raccuia, Silvia Sarli. 

I contributi fotografici sono stati messi a disposizione da: Antonio Amaduzzi, Daniela Antinucci, Roberto Bellini, Martina Castroni, Patrizia Di Filippo, Tito Ferretti, Roberta Ferrini, Chiara Pelizzi, Pino Pesci, Fiorella Proietti e Luciano Ughi.  
Le Cartoline storiche provengono dalle collezioni Augusto Farnetti, Maurizio Farnetti,  Enrico Guidoni, Fiorella Proietti.

“Oriolo Romano lungo la via Clodia”, è un racconto erudito che accompagna il visitatore. Non vi è alcun tentativo di dare una completa elencazione di luoghi, informazioni, e nozioni, ma la certezza di condurre verso i luoghi peculiari di questa città felice, dove anche lo stemma ha radici profonde e riflette scelte precise.
All’interno il visitatore può trovare tranquilli percorsi nel verde, che si sviluppano dentro e fuori l’abitato, ma anche escursioni piú impegnative e itinerari dove i fili conduttori sono archeologia, architettura, arte, e storia. Gli approfondimenti tematici completano e diversificano i tracciati, questi hanno la possibilità di essere effettuati a piedi o in biciletta o a cavallo, abbandonando l’auto. Alcuni itinerari esulano dall’ordinario, indirizzano il turista a divenire osservatore e lettore di visuali non manifeste e ancora scopritore e testimone di cose che stanno scomparendo.

Dalla prefazione di Roberta Ferrini

Oriolo Romano è situato in Tuscia, costruito in zona collinare a 410 s. l. m. sulle propaggini dei Monti Sabatini, lungo l’anticavia Clodia. La zona ècaratterizzata,perla presenza di un microclima, da boschi con castagni e faggi cresciuti a bassa quota, che, testimoni residui della Selva Cimina, circondano l’abitato. Poco distanti sono i laghi di Bracciano e di Vico; il paese, facilmente raggiungibile da Roma e da Viterbo, conserva nelle sorgenti presso la mola l’eco della attivitá vulcanica.
Lo sviluppo di Oriolo rientró nella crescita economica e demografica che interessò il viterbese a partire dal 1540, quando molti feudatari scelsero questo territorio per edificare le proprie residenze estive: Caprarola (1559-63 Palazzo Farnese), Bagnaia (Villa Lante 1566-88), sono altri esempi.
Il termine Orioli si trova documentato per la prima volta in un atto stipulato a Bracciano il 10 gennaio del 1234, dove nel dichiarare i confini per la spartizione di  terreni, si cita il fossatum Orioli.
Questa guida non è la prima per Oriolo e come le precedenti è un invito ad avvicinarsi a questo paese, che si distingue da molti centri della Tuscia perchè costruito ex novo, secondo un progetto che seguiva ideali e concetti precisi e mantiene nei secoli l’originario disegno, nonostante la crescita demografica e l’espansione edilizia.
La guida vuole essere un racconto erudito che accompagna il visitatore; non vi è alcun tentativo di dare una completa elencazione di luoghi, informazioni, e nozioni, ma la certezza di condurre verso i luoghi peculiari di questa città felice, dove anche lo stemma ha radici profonde e riflette scelte precise.
All’interno il visitatore trova tranquilli percorsi nel verde, che si sviluppano dentro e fuori l’abitato, ma anche escursioni piú impegnative e itinerari dove i fili conduttori sono archeologia, architettura, arte, e storia; approfondimenti tematici completano e diversificano i tracciati, questi hanno la possibilità di essere effettuati a piedi o in biciletta o a cavallo, abbandonando l’auto. Alcuni itinerari esulano dall’ordinario, indirizzano il turista a divenire osservatore e lettore di visuali non manifeste e ancora scopritore e testimone di cose che stanno scomparendo.
La scelta di un itinerario, la stagione in cui si percorre conducono ad un livello di conoscenza diverso in ambito culturale, sensoriale ed emotivo, la presunzione é quella di far camminare con il cuore oltre che con le gambe: nella Villa dove sono tanti alberi da abbracciare e prati su cui riposare, tra i vicoli e le fontane che raccontano la storia, all’ombra delle Olmate e delle salite per la faggeta, oppure al suono della cascata della Mola.
Passeggiando per le vie principali di Oriolo è facile vedere nei monumenti più importanti due particolari stemmi, uno con il pellicano e un altro con le stelle. Sono gli stemmi delle famiglie Santa Croce e Altieri proprietarie, nel corso dei secoli, del feudo di Viano, Ischia e Rota.
Campeggia in copertina lo stemma con il Pellicano, donato da Giorgio Santacroce, come arma ed emblema per il grazioso borgo di Oriolo da lui fondato.

Presentazione

ORIOLO ROMANO

LUNGO LA VIA CLODIA 

 

il Patrocinio del Polo Museale del Lazio

con il Patrocinio e il contributo del

Comune di Oriolo Romano

 

 

Una città e un  territorio ricco di storia

raccontato in una Guida

Sabato 16 settembre 2017 ore 17.30

Sala degli Avi di Palazzo Altieri

piazza Umberto I

Oriolo Romano (VT)

Interverranno

Emanuele Rallo, Sindaco di Oriolo Romano

Elisabetta De Minicis (Università della Tuscia)

Roberta Ferrini, archeologa

autrici/autori
che hanno contribuito alla realizzazione della Guida.

La Guida “Oriolo Romano lungo la via Clodia ”, progetto proposto dalla Casa Editrice Davide Ghaleb è stato ralizzato grazie al contributo del Comune di Oriolo Romano.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi