Montecitorio assediato, gli attivisti: Via la Casta. Il 21 giugno una ‘catena umana’ attorno al Palazzo

“L’obiettivo è quello di assediare Montecitorio chiedendo le dimissioni in primis del Capo dello Stato”. Qualcosa che non si è mai visto prima accadrà a Roma il 21 giugno: una Catena Umana Attorno al Parlamento Italiano. Le persone che si preparano ad arrivare nella Capitale, sono ora 10mila e nel tempo aumenteranno sempre più. La mobilitazione è partita da una pagina Facebook e sta contagiando tutto il web. Nell’era 2.0, in cui i social network sono i canali principali dell’informazione, le proteste nascono e si diffondono come lampi. “Chiederemo le dimissioni di tutti i vertici dello Stato e di tutti quei politici che da oltre 30 anni ci hanno ridotto così, chiederemo un processo ed il risarcimento del danno. Volgiamo un referendum sull’euro e la relativa Sovranità Monetaria, la nazionalizzazione delle banche“, spiegano gli attivisti dalla loro pagina.

Pullman, macchine e treni, tutti i mezzi possibili pur di arrivare nella Caput Mundi e creare un vero e proprio tsunami di gente che spaventi il governo. Da facebook a Roma, l’infezione è virale ed è già on line il sito web catenaumana.it, che terrà aggiornati sull’evento. “Via la Casta da Montecitorio”, questo lo slogan della manifestazione che, iniziata da pochi giorni, sta calamitando a sè un’intera nazione: l’Italia e i suoi italiani delusi.