Il Labirinto di una Vita. Un film di Riccardo Biadene

Il Labirinto di una Vita. Un film di Riccardo Biadene – Fondazione FIND e KAMA Productions presentano Dopo la World Premiere a Visions du Réel di Nyon in Prima Nazionale al Biografilm Festival di Bologna ALAIN DANIELOU – Il Labirinto di una Vita un film di Riccardo Biadene. Giovedì 15 giugno ore 19.30 – Cinema Jolly – (via G. Marconi 14, Bologna)

 

Per la prima volta sullo schermo la straordinaria vita di un uomo che ha portato l’India in Occidente.

 

 

Il film racconta il viaggio musicale, esistenziale e spirituale che Alain Daniélou – bretone d’origine, figlio di un ministro socialista e con un fratello cardinale, amico di A.Gide e J.Cocteau – intraprende dal 1932 con il compagno fotografo Raymond Burnier alla volta dell’India, lasciando un Occidente che non lo soddisfa. Dopo un periodo in Bengala presso lo scrittore premio Nobel Rabindranath Tagore, si stabilisce sulle rive del Gange a Benares, nel cuore della tradizione indiana. Qui vive nel palazzo di Rewa per quasi 20 anni studiando il sanscrito, i testi vedici, la filosofia, la musica e la danza indiane, alla ricerca di un’armonia fra natura e spirito che il continente in cui è nato sembra aver dimenticato. Diventa hindu e continua a ricevere visite di personalità indiane e occidentali, quali Jawaharlal Nehru, Jean Renoir, Cecil Beaton, Eleanor Roosvelt o Roberto Rossellini.

 

Alain Daniélou diviene un poliedrico studioso, indianista e musicologo di prima grandezza, che dal 1950 sotto l’egida dell’UNESCO registra e pubblica la prima collana di world music classica della storia e porta in Occidente i grandi musicisti d’Oriente, rivendicando un ruolo paritario per le musiche classiche non occidentali. Nel 1963, rientrato in Europa, fonda e dirige il primo Istituto Internazionale di Studi per la Musica Tradizionale a Berlino, e poi a Venezia l’Istituto Internazionale per gli Studi di Musica Comparata – attualmente attivo presso la Fondazione Giorgio Cini. Infine, nel 1969 dà luogo nei pressi di Roma alla Fondazione Harsharan – oggi Fondazione India-Europa di Nuovi Dialoghi – ove continua sino alla fine dei suoi giorni (1994) a tradurre testi classici indiani (Ramayana, Kamasutra) e a scrivere articoli e libri sulla mitologia e i riti arcaici (Shiva e Dioniso).

 

Il regista sarà presente con Ritwik Sanyal (Cantante classico dhrupad, ex-rettore Performing Arts BHU University Varanasi), Grazia Marchianò (Orientalista, direttrice Fondo Elemire Zolla), Adrian Navigante (direttore Intellectual Dialogues Fondazione FIND) e Pietro Faiella (attore, voce narrante del doc, traduttore).

 

Al termine della proiezione una breve performance di danza classica indiana Bharatanatyam e Kuchipudi NATARAJA: Omaggio al Signore che Danza di Atmananda, Marianna Biadene, Giuditta De Concini, con Sanjay Kansa Banik (musicista tabla, Orchestra di Piazza Vittorio) e Jacopo Pacifico (flauto bansuri).

Lo spettacolo proseguirà per gli ospiti del Festival alle ore 22.30 al Sympò, Biografilm Food Academy.

 

ALAIN DANIELOU Il Labirinto di una Vita di Riccardo Biadene (doc, Italia/Svizzera 2017, 78’) è prodotto da FIND Fondazione India-Europa di Nuovi Dialoghi e KAMA Productions.

 

KAMA Productions è una nuova casa di produzione che narra l’Oriente, la musica e le arti performative.

 

Sito del film: alaindanieloudocfilm.com

 

Il film è in replica al Biografilm lunedì 19 giugno, ore 15.30 sala Mastroianni, Cinema Lumiere.

 

Prossime proiezioni:

 

RAVENNA Festival, Ravenna, Teatro Alighieri, 22 giugno ore 18.00

presentano con il regista Franco Masotti (direttore Ravenna Festival) e Sandeep Virdee (direttore Darbar Festival Londra)

SUMMERMELA Festival, Roma, Cinema Farnese, 29 giugno ore 21.00

presentano con il regista Giorgio Milanetti (prof.letteratura hindi Univ.Sapienza), Adrian Navigante (FIND), Emanuele Trevi (scrittore)

RIVER FILM FESTIVAL, Padova, Porta Portello, 30 giugno ore 21.30

SOLE_LUNA Festival, Palermo, Chiesa dello Spasimo, 8 luglio ore 22.30