La Madonna delle ciliegie. Un Riposo nella Fuga in Egitto nel Museo di San Martino

La Madonna delle ciliegie. Un Riposo nella Fuga in Egitto nel Museo di San Martino

La Madonna delle ciliegie. Un Riposo nella Fuga in Egitto nel Museo di San Martino – Nella Spezieria della Certosa di San Martino, Anna Imponente, direttore del Polo museale della Campania, Rita Pastorelli, direttore della Certosa e Museo di San Martino e le curatrici della mostra Ileana Creazzo e Annalisa Porzio, presentano ‘La Madonna delle ciliegie. Un Riposo nella Fuga in Egitto nel Museo di San Martino’. Tra le opere giunte in dono nel Museo di San Martino nell’Ottocento vi è una tela del pittore senese Francesco Vanni (1563 ca. – 1610), replica con variazioni del Riposo nella Fuga in Egitto di Federico Barocci della Pinacoteca Vaticana, a sua volta ispirato alla Madonna della Scodella del Correggio. Nelle opere il racconto sacro, mutuato dai Vangeli apocrifi, dà vita a una scena di gioiosa vita familiare in cui la Madonna raccoglie in una scodella l’acqua del torrente miracolosamente sgorgato mentre San Giuseppe offre al Bambino una ciocca di ciliegie, innovazione agreste del tema della palma da datteri sorta nel deserto per nutrire e ristorare la Sacra Famiglia. La tela del Museo di San Martino, restaurata nei laboratori del Museo, proviene dalla collezione Caracciolo di Avellino e viene presentata al pubblico insieme ad altre opere, fornendo spunti di riflessione non soltanto sulla formazione del patrimonio museale – in gran parte frutto di donazioni da parte di colti e encomiabili collezionisti privati – ma anche sul tema della replica e riproduzione nell’arte, tra copie e incisioni. In questa occasione saranno anche esposte sedici incisioni a bulino, acquaforte e acciaio, della donazione Ferrara Dentice, realizzate tra ‘500 e ‘800 da maestri italiani, tedeschi, fiamminghi e francesi, sul tema della Fuga in Egitto e del Riposo durante la Fuga, alcune di bellissima qualità e originale soggetto; in una vetrina, sarà anche presentato un raro volume di stampe tratte dai dipinti di Simon Vouet. L’esposizione è allestita nell’ampia sala della Spezieria della Certosa, dove la tela è affiancata dai ritratti “in pompa magna” di primo Seicento dei principi Camillo e Marino Caracciolo d’Avellino, antenati del donatore, da poco restaurati nel Laboratorio dell’Università Suor Orsola Benincasa. La mostra di approfondimento e valorizzazione di alcuni nuclei collezionistici del Museo è a cura di Ileana Creazzo e Annalisa Porzio, con il coordinamento di Rita Pastorelli, direttore del Museo di San Martino.

 

Redattore: SIMONETTA GOLIA

Data Fine: 19 marzo 2018

Costo del biglietto: 6,00 €

Prenotazione: Nessuna

Luogo: Napoli, Certosa e Museo di San Martino  largo San Martino, 5

Orario: 8.30 – 19.30ultimo ingresso ore 18.30

Telefono: +39 081 2294503

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi