Il mercante di Venezia in scena al Teatro Ghione di Roma

Il mercante di Venezia in scena al Teatro Ghione di Roma

Il mercante di Venezia in scena al Teatro Ghione di Roma – PECCIOLITEATRO, l’unica compagnia di prosa di giro professionale della provincia di Pisa (“costola “ del Festival 11 LUNE inventato da Buscemi col sindaco Silvano Crecchi e Renzo Macelloni presidente della Belvedere s.p.a.), giunta All’ottavo anno di attività, dopo il grande successo conseguito con L’AVARO di Moliere, approda alla messinscena di una delle opere teatrali più celeberrime di tutti i tempi: IL MERCANTE DI VENEZIA di William Shakespeare.

 

Scritto nel 1598, IL MERCANTE DI VENEZIA è una delle opere teatrali più famose e riuscite della storia del teatro di tutti i tempi, portata al successo sin dagli esordi a tutte le latitudini, e rappresenta un punto di arrivo drammatico e poetico quasi ineguagliabile.

 

Appannaggio da sempre di grandi attori, il personaggio dell’ebreo Shylock è uno dei più riusciti della drammaturgia shakespeariana, capace come pochi di portare con se una suggestione e un fascino che da soli valgono l’intero spettacolo . Stavolta  vi si cimenta Andrea Buscemi, in un ruolo a cui l’attore aderisce in modo pressoché perfetto.

 

Nell’opera l’ebreo e il cristiano partecipano del medesimo destino, e la finale solitudine e il dolore di Shylock sono anche quelli del suo antagonista Antonio, perché l’umana fragilità e la precarietà sono di tutti. Abilmente giocata attraverso tutti i registri del comico, del drammatico e del tragico, la commedia rappresenta l’immagine stessa della vita, qui –come accade nelle più riuscite opere del genio inglese- trasformata in un palcoscenico.

 

La produzione quest’anno si avvale della valida collaborazione della Fondazione Teatro Città di Livorno Carlo Goldoni, che con IL MERCANTE DI VENEZIA sposa il Progetto Shakespeare varato da PeccioliTeatro, comprendente altri tre titoli da esaurirsi in quattro stagioni                         ( parallelamente ad un workshop sull’universo del Grande Bardo condotto da Buscemi): segno evidente di una realtà artistica talmente cresciuta e apprezzata da meritare l’attenzione di una delle Fondazioni teatrali più importanti della Toscana e non solo, e che ha trovato stavolta una valida e costruttiva sponda nella sensibilità del presidente Marco Bertini ( lo spettacolo ha debuttato infatti in invernale all’interno della stagione teatrale del Goldoni di Livorno registrando uno straordinario successo di pubblico e critica per poi andare in tournèe in Tocana e in Italia).

 

Inoltre PECCIOLITEATRO quest’anno si è avvalsa del valido apporto della Provincia di Lucca – che patrocina l’impresa – e del Teatro del Giglio di Lucca, a riprova di un’ attenzione crescente al percorso della compagnia di Peccioli da parte delle Istituzioni del territorio. L’amichevole lungimiranza del presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli ha consentito alla Compagnia di provare lo spettacolo stavolta nelle magnifiche sale del napoleonico Palazzo Ducale, un caso senza precedenti.

 

Altra nota saliente è l’inserimento di Fanny Cadeo in compagnia, che attraverso il ruolo di Porzia aggiunge spessore e compiutezza al magico mondo di Belmonte, parallelo a quello più fisico di Venezia. Completano il cast alcuni attori “storici” del gruppo: Renato Raimo, reduce dalle recenti soddisfazioni televisive e a cui è affidato l’impervio compito di impersonare Antonio, il “mercante” del titolo, ruolo appannaggio da sempre di importanti attori: un’interpretazione velata di malinconia e virile compostezza; Livia Castellana (nel doppio ruolo di Nerissa e Lancillotto), Nicola Fanucchi (Bassanio), Giorgio Regali (Lorenzo, ma anche due dei pretendenti di Porzia), Martina Benedetti (Gessica, la figlia di Shylock) e Leo Giorgetti. Consulente ai costumi Elisabetta Bertini, e le musiche assai filologiche sono state appannaggio di Niccolò Buscemi, figlio d’arte. Assistente alla regia Rugiada Salom. Un gruppo affiatato e rodatissimo,  rappresentante certamente un “caso” artistico fra i più significativi d’Italia.

 

 

PERSONAGGI E INTERPRETI

 

L’ebreo Shylock – Andrea Buscemi

Porzia – Eva Robin’s

Il Mercante Antonio – Renato Raimo

Bassanio – Nicola Fanucchi

Lancillotto Gobbo/Nerissa – Livia Castellana

Gessica, Figlia Di Shylock – Martina Benedetti

Lorenzo/I Principi/ Il Doge – Giorgio Regali

Un Giannizzero  – Leo Giorgetti

 

Dal 4 al 6 Maggio al teatro Ghione di Roma.

Info: www.teatroghione.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi