Festival Internazionale Propatria-Giovani Talenti Romeni, al via la IX edizione

Festival Internazionale Propatria-Giovani Talenti Romeni, al via la IX edizione

Festival Internazionale Propatria-Giovani Talenti Romeni, al via la IX edizione – Per il Festival Internazionale Propatria – Giovani Talenti Romeni, martedì 8 ottobre al Teatro di Testaccio verrà presentato lo spettacolo, “Drumul” (La strada), interpretato da Marius Bizău, una storia di riscatto e di autoformazione dagli anni ‘80 in Romania a fine anni ‘90 in Italia, dal bambino Silviù al giovanotto Marius, da uno sfortunato e triste ragazzino ad un adulto bello e preparato con ottima dizione e sguardo sicuro, scolpito e passato attraverso varie peripezie.

“La strada” ci fornisce così, un utile ripasso degli ultimi 30 anni, che hanno visto la cruciale epoca di passaggio, in Romania, da un regime ed una economia statalista ad una liberale: “in mezzo, il bambino Silviù che baratta l’olio con la panna” . Non mancano sentimenti forti: il rimpianto e la nostalgia per profumi, paesaggi e città indimenticabili come Roman, il risentimento per le discriminazioni, più o meno velate, patite da straniero in Italia, oppure il vulnus di chi è strappato dalle proprie radici ma che non si scoraggia o soccombe, grazie anche ad una pazzesca coprotagonista, la madre, assente fisicamente ma presente in ogni angolo del testo e del cuore della vicenda.

Infatti la madre di Marius, con la sua femminile e magica intraprendenza, gli insegna a risorgere e inventarsi soluzioni in ogni circostanza. Come quando scrive una lettera per perorare la causa familiare e coraggiosamente la consegna direttamente nelle mani di Elena Ceausescu, ottenendo il risultato sperato.

Si avverte, in questo monologo di circa un’ora e mezza, scorrevole e sincero, la rabbia per ogni schiaffo preso dalla vita, per una partenza esistenziale in salita: il regime, lo stato di continua e paranoica allerta vissuta per il fatto che gran parte dei concittadini rumeni erano legati alla Securitate, sommato alle problematiche private (il padre dedito al bere e manesco con la moglie). Tale asprezza accentua la gravità del dire, in un teatro dove la scena è scarna e scura, ma la perfetta e simbiotica armonia fra la recitazione di Bizău e l’accompagnamento musicale del polistrumentista Daniele Ercoli, che passa dal KAVAL (flauto diffuso in varie forme in tutto l’ex Impero ottomano) al BAGLAMA’ (strumento tipico del Rebetiko), dalla TROMBA al CONTRABBASSO, alleggerisce il pathos e al contempo estende la gamma emotiva del racconto grazie alle infinite variazioni che la voce dei diversi suddetti strumenti suggerisce, spingendoci verso sonorità di terre ed epoche remote, o pizzicandoci con allegri improvvisi risvolti.

La vita di Silviù Marius non è stata facile, ma affanno e rabbia si stemperano, man mano che il racconto procede, diretto verso un destino dagli esiti migliori e gratificanti per il piccolo Silviù che, grazie agli anni di studio, alla sua perseveranza, e grazie ad incontri positivi (come quello con un illuminato professore liceale che lo indirizza verso il teatro) arriva a tracciarsi da solo, più che trovare, la sua drumul, la sua strada. Studi e teatro possono considerarsi i suoi secondi genitori, la redenzione dagli anni oscuri, la maniera per autoaffermarsi e non soccombere al fato.

E nel finale, molto bello, egli ci saluta dandoci un messaggio davvero importante: il suo sentirsi, finalmente, e serenamente, a metà fra Italiano e Rumeno, anzi, di una terza nazionalità che non si può spiegare né circoscrivere, ma che gli fa capire e godere della cultura adottiva come di quella originaria, e che gli regala emozioni uniche, di cui egli è attualmente consapevole e fiero.

Riappacificato con le sue precedenti esperienze, quasi vite stratificate e lontane nel tempo, egli è quasi una creatura nuova, figlia del coraggio della madre, alla quale, giustamente, questo spettacolo è dedicato come un intenso inno d’amore e gratitudine.

Marius, nato in Romania, è un attore internazionale che si è trasferito in Italia con la sua famiglia. Si è diplomato presso la Scuola di recitazione nazionale “Silvio D’Amico” (equivalente RADA) a Roma nel 2008.

Durante quegli anni accademici ha lavorato con registi provenienti da tutta Europa e Russia, come: Wyn Jones (Guildhall, Londra), Gabor Stefan (National Drama School di Budapest), Vladimir Olshansky (Teatro Nazionale di San Pietroburgo). Poco dopo il diploma, ha iniziato a recitare e girare l’Italia con le classiche opere shakespeariane, collaborando con alcuni dei più acclamati registi, Luca Ronconi, Armando Pugliese, Emma Dante. Dal 2010 divide il suo tempo tra teatro, televisione e cinema. È presente nei film diretti da Paul Haggis, John Cassar, David Hansen, Ricky Tognazzi e Jan MIchelini.

Nel 2016 ha preso parte al progetto “We are here” messo in scena dal National Theatre (Londra) e diretto da Rufus Norris. Grazie al suo dono per gli accenti, continua a lavorare in tre lingue: inglese, italiano e rumeno.

Martedì 8 ottobre, ore 20.30

Teatro di Testaccio

Via Romolo Gessi 8 Roma

INGRESSO LIBERO

INFO

www.propatriavox.it

#FestivalPropatria2019  #GreenEdition

https://www.facebook.com/propatriafestival/

tel. 0039-3668986379 –  info@propatrivox.it

#MRPRomania www.facebook.com/mprpromania

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi