Ecodesign e Bioeconomia, braccio e mente dello sviluppo sostenibile. Talk online con Marco Benedetti

Ecodesign e Bioeconomia, braccio e mente dello sviluppo sostenibile. Talk online con Marco Benedetti

Giovedì 28 gennaio 2021 alle ore 18, nell’ambito del ciclo di incontri “In Between”, organizzato da ISIA Faenza con i protagonisti del mondo del design, dell’arte e della creatività contemporanea, è previsto il talk online Ecodesign e Bioeconomia, braccio e mente dello sviluppo sostenibile con Marco Benedetti, tecnologo e vicepresidente dell’associazione nazionale Chimica Verde Bionet. La conferenza, introdotta dai saluti istituzionali di Maria Concetta Cossa e Giovanna Cassese, rispettivamente Direttore e Presidente di ISIA Faenza, potrà essere seguita pubblicamente sul canale YouTube di ISIA Faenza e sarà moderata da Alessandra Sanson, ricercatrice presso ISTEC-CNR (Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici del Consiglio Nazionale delle ricerche) e docente di Processi Industriali Ceramici dell’istituto faentino.

L’incontro verterà su diverse tematiche, dalla bioeconomia ai materiali sostenibili fino alle energie rinnovabili applicate alla progettazione, che Marco Benedetti affronterà alla luce della sua esperienza come vicepresidente di Chimica Verde Bionet, prima associazione nazionale senza scopo di lucro con l’obiettivo di promuovere e sviluppare la ricerca e l’applicazione industriale e commerciale di materie prime di origine biologica nel rispetto di criteri di sostenibilità ambientale, della salute di uomini e animali e di tutela della biodiversità e del paesaggio. Fondata nel 2006 da un gruppo di esperti del mondo dell’Università e della Ricerca pubblica italiana e da Legambiente Nazionale, l’associazione è aperta a imprese pubbliche e private, persone fisiche, studenti, associazioni non-profit che ne condividano le finalità, mettendo in atto un approccio strategico per la sostenibilità aziendale che massimizza la creazione di valore sia per l’azienda che per gli stakeholder. 

Marco Benedetti è Direttore Ricerca e Sviluppo della società di consulenze industriali Green Evolution sc di Prato e Vicepresidente dell’associazione nazionale Chimica Verde Bionet con delega al settore imballaggi e international networking. È inoltre membro della redazione dei magazine Ecofuturo e Ecquologia e Coordinatore per la Toscana di Legambiente Turismo. È esperto di biopolimeri e tecnologo per lo sviluppo di soluzioni ecocompatibili e sostenibili nei settori tessili tecnici e imballaggi. 

Alessandra Sanson è docente di Processi Industriali Ceramici all’ISIA di Faenza e ricercatrice presso ISTEC-CNR, dove è responsabile del gruppo di Materiali e Processi per l’Energia e per il quale coordina progetti in tema di decarbonizzazione ed energie rinnovabili. Dopo la laurea in Chimica Industriale all’Università di Padova, nel 2003 ha conseguito il Dottorato in Scienza dei Materiali presso la Cranfield University (UK). Autrice di oltre 70 articoli scientifici e tre brevetti, è stata Presidente del Panel di revisori CNR per Manifattura e Trasformazioni Avanzate per i bandi a valere sul Fondo Crescita Sostenibile del MiSE e coordinatore dei tavoli per la decarbonizzazione dell’Italia promossi dalla Vicepresidenza del Consiglio. È stata anche membro del Board Energia del MIUR per il 2020, del gruppo di progettualità del Dipartimento di Scienze Chimiche e Tecnologia dei Materiali del CNR nonché Contact Point Nazionale per Mission Innovation in tema di conversione solare. È rappresentante del Dipartimento di Scienze Chimiche e Scienze dei Materiali (DSCTM) del CNR nell’osservatorio della Chimica del Comune di Ravenna e partecipa per il CNR ai tavoli per l’idrogeno del MiSE.

In Between

Ecodesign e Bioeconomia, braccio e mente dello sviluppo sostenibile

Talk online con Marco Benedetti

Giovedì 28 gennaio 2021, ore 18

ISIA Faenza Design & Comunicazione è un’istituzione di primo piano nel mondo della creatività e della progettazione contemporanei che, fin dalla sua fondazione, opera nell’ambito dell’alta formazione del design, sviluppando un dialogo sempre più serrato tra formazione, ricerca, produzione e valorizzazione della cultura del design.