Castellana San Giovanni: da marzo due serate al mese dedicate alle bollicine nel nuovo ristorante di Marco Sacco e Matteo Morello

Castellana San Giovanni: da marzo due serate al mese dedicate alle bollicine nel nuovo ristorante di Marco Sacco e Matteo Morello – Grandi novità per CASTELLANA SAN GIOVANNI! Il ristorante dello chef stellato Marco Sacco e dell’imprenditore Matteo Morello, che ha aperto i battenti all’inizio di quest’anno nell’esclusiva cornice dell’antico monastero di San Giovanni a Saluzzo (Cuneo), da marzo dedicherà due serate al mese ai grandi vini del territorio. Primo appuntamento è mercoledì 11 marzo con la serata dedicata al Marcalberto Metodo Classico.

La prima serata prevede una cena con un menù fisso in cui ogni portata sarà accompagnata da un vino selezionato per l’occasione dalla produzione d’eccellenza delle cantine Marcalberto (prezzo del menù: 78 euro a persona).

“Abbiamo organizzato già un paio di eventi su questa linea e siamo molto contenti dei feedback ottenuti, così abbiamo deciso di trasformarlo in un format che vorremmo presentare al pubblico, due volte al mese. Gli scorsi eventi, hanno visto una buona affluenza e tanto interesse da parte dei clienti. È stato molto piacevole e divertente, qualcuno è addirittura rimasto di più rispetto all’evento, provando anche qualche bottiglia extra e la cosa non può che farci molto piacere, del resto, come ho sempre dichiarato “il vino trasmette cultura” ed è bello vedere come questo messaggio arrivi alle persone”.

Queste le parole di Mirko Galasso, sommelier di Castellana che vanta diverse collaborazioni di rilievo tra cui proprio quella con lo Chef Marco Sacco con cui ha lavorato al Piano 35 di Torino.

Ad affiancare Mirko Galasso da ora ci sarà anche la new entry Carlotta Rosso, giovane e brillante sommelier che dopo l’esperienza presso il ristorante Da Francesco (1 stella Michelin) a Cherasco, entra a far parte della “famiglia” Castellana.

Castellana San Giovanni nasce in un ambiente suggestivo risalente al XV secolo capace di evocare atmosfere cariche di storia e di bellezza. Una splendida volta a botte con mattoni a vista collocata proprio sotto alla Chiesa di San Giovanni, accoglie gli ospiti che possono apprezzare una cucina raffinata e permeata di passione, esperienza e innovazione, con una cura estrema alla qualità delle materie prime. L’accesso al ristorante durante il giorno permette la visita, a chi lo desidera, dell’incantevole chiostro gotico della chiesa, alla sala per conferenze ed eventi “Antico Refettorio dei Frati”, luogo culinario dal 1400, o di usufruire del già esistente Hotel de Charme San Giovanni Resort.

“Il territorio di Saluzzo offre prodotti di alta qualità agroalimentare, afferma Matteo Morello, e l’obbiettivo di Castellana San Giovanni è proprio quello di portarli in tavola valorizzandoli attraverso la rinomata cucina dello Chef Marco Sacco. Per me è una grande emozione, dopo anni di esperienza all’estero essere tornato ad investire nel mio Paese e nel mio territorio con questo nuovo ristorante che spero possa diventare un punto di riferimento per l’alta cucina piemontese e non solo”.

“Da Hong Kong dove la migliore rappresentazione dell’alta cucina piemontese è stata apprezzata da un pubblico internazionale e sempre affamato di novità, la sfida di Castellana arriva a Saluzzo, città che ha ispirato e continua a ispirare la mia cucina e il progetto imprenditoriale di Matteo, afferma Marco Sacco. Una tappa importante, che rappresenta l’inizio di un percorso ben più ampio. Vogliamo infatti replicare il modello Castellana nelle grandi città del mondo”.

Pochi piatti, ricchi di contenuto, racconto e cultura. Tutto in chiave contemporanea, ma ben immerso nelle radici di quel territorio ai piedi del Monviso. L’idea dello chef è appunto quella di valorizzare l’immenso patrimonio culinario che va dalle valli del Monviso, del Po e del Varaita, fino alle valli Grana e Maira, culle del Castelmagno e del Grana. In pianura si trovano invece, i migliori allevamenti di bestiame con le loro carni e prosciutti d’eccellenza made in Cuneo, insieme alla frutticultura del territorio.  Per finire, i pesci dei fiumi delle valli del saluzzese, che fanno parte della tradizione culinaria del territorio, cifra distintiva dello chef. Barolo e tartufo? Immancabili.

Un’ampia scelta, dal menu del Marchesato, 4/7 portate (prezzo a partire da 50 euro per le 4 portate a 80 euro per le 7 portate) reinterpretano alcuni dei piatti storici di Saluzzo e dintorni, al menu Piccolo Lago a Saluzzo, anch’esso con 4/7 portate (prezzo a partire da 80 euro per le 4 portate a 110 euro per le 7 portate) che, caratterizzato non solo dal repertorio dello storico ristorante Piccolo Lago con piatti iconici come il Flan di Bettelmatt, la Trota, Aglio nero o la Carbonara au koque, ma andrà ad aggiungere l’esperienza di Piano35, il ristorante più alto d’Italia, dove lo chef ha messo a punto per i suoi ospiti un viaggio gustativo che reinterpreta la migliore tradizione piemontese dal Vitello tonnato ai Ravioli di Torino. Prendendo sempre spunto dal format di Torino, al Castellana San Giovanni sarà disponibile per il pranzo un menu bistrot con piatti alla carta, presenti anche nella proposta serale come alternativa ai percorsi.

Ad affiancare lo chef in questa seconda avventura, Enrico Degani, già Executive chef al Castellana di Hong Kong, giovane talento piemontese con un curriculum denso di esperienze internazionali, che dirige i giochi in cucina con l’obiettivo di replicare il successo del format asiatico.

Il nome Castellana prende ispirazione proprio dalla maschera femminile tipica del Carnevale di Saluzzo, paese di origine di Matteo Morello, e intende rappresentare il forte legame con questo territorio e con le sue tradizioni popolari. 

Non solo cibo ma anche uno sguardo verso il prossimo… Castellana San Giovanni infatti ha avviato una collaborazione per aiutare due importanti realtà del territorio: Mai+Sole (http://www.maipiusole.it/)associazione che aiuta e sostiene le donne che hanno subito violenze e CECY Onlus (https://www.cecyonlus.org/), un’associazione nata per aiutare la popolazione del Nepal e soprattutto i bambini che spesso sono abbandonati o orfani attraverso la costruzione di scuole, ospedali e acquedotti.

Per contribuire a queste nobili iniziative Castellana ha stabilito che donerà un euro per ogni conto pagato dai propri clienti. Inoltre, qualora volessero, i clienti, al momento del conto, potranno fare una donazione aggiuntiva a favore dei progetti.

CASTELLANA RISTORANTE SAN GIOVANNI

Via Tapparelli, 9 – 12037 Saluzzo (Cuneo)

Prenotazioni disponibili: 0175- 518038 – reservations@castellanait.com

Orari apertura ristorante (pranzo 12.30-14.30, cena 19.30 -22.00). Aperto tutti i giorni tranne il lunedì.

www.facebook.com/Castellana-San-Giovanni-105321174337549/

www.instagram.com/castellana.sangiovanni/?hl=it