“Ballo lento”, il nuovo singolo di RESCUE

E’ in rotazione radiofonica e disponibile su tutte le piattaforme digitali “Ballo lento”, il nuovo singolo di RESCUE. – Si tratta del terzo brano tratto dall’EP Invisibile, uscito l’11 novembre accompagnato dall’omonimo singolo e anticipato, lo scorso inverno, dal singolo “Laika”.

Il brano, ispirato a una giovane coppia incrociata durante una passeggiata, riflette sui gesti d’amore di un tempo, come il solido e rassicurante abbraccio di un ballo lento, immaginando le parole e i sentimenti che si sarebbero scambiati degli innamorati del passato, oltrepassando i confini del tempo e dello spazio che oggi li separano.

“Passeggiavo per strada e c’era una coppia seduta su una panchina che si baciava con una passione immane. Mi colpirono molto perché, sebbene molto giovani, sembrava si conoscessero e stessero insieme da una vita.
Per qualche motivo, poche ore dopo, mi sono ritrovato a scrivere quello a cui ho spesso pensato in questi anni. A cosa si direbbero i miei genitori se avessero la possibilità di vedersi e parlarsi ancora una volta. A cosa si direbbe oggi una coppia di innamorati di un tempo, negli anni in cui un abbraccio e un lento restituivano il segreto dell’universo.
Ne è venuta fuori una canzone d’amore che rema contro il tempo e lo spazio.
Sembra quasi che certi sentimenti costituiscano oramai degli ingranaggi ancestrali il cui funzionamento, nel contesto generale della vita, lasci il tempo che trova.
Credo si tratti di uno dei più gravi errori della nostra generazione.”

“Ballo lento” è anche diventato un bellissimo videoclip, oggi in anteprima esclusica sul sito di Rumore!
Prodotto come sempre da DIVISIONZERO, racconta per – suggestive – immagini, in modo del tutto figurato ed allo stesso tempo genuino, il passaggio dell’amore in ogni angolo del tempo.

La musica (e il cinema) sono sempre stati di casa nella famiglia di Vincenzo Di Sarno, cullato dalle canzoni di Neil Young, Van Morrison, Pink Floyd e dalle colonne sonore di compositori come John Barry ed Ennio Morricone.
Affrontare da bambino lo studio di uno strumento (prima pianoforte, poi chitarra) è in questo contesto cosa più che naturale, come – poco più grande – affacciarsi alla scrittura di piccole e rudimentali composizioni, nelle quali tende l’orecchio a quelle sonorità che avevano contraddistinto i suoi primi ascolti.

La musica resta di casa anche quando la casa si sposta: durante la sua infanzia, infatti, Vincenzo si trova a vivere in diverse regioni d’Italia, per poi tornare a Torre Annunziata, sua città d’origine che lascerà ancora, per un breve periodo, per quella Londra i cui suoni da sempre l’affascinano, spinto dalla voglia di respirare la cultura che così tanto lo aveva folgorato, e per perfezionare l’inglese che da sempre aveva utilizzato per dare voce alle sue prime composizioni.

Torna infine in Italia, con l’intenzione di presentare al pubblico il suo progetto musicale, per il quale sceglie il nome “Rescue“.

La sua prima pubblicazione è l’EP “A Rainbow In The Dark” (2013, Operà Music), attraverso il quale si rende subito evidente la matrice anglosassone che caratterizza la linea melodica del suo universo compositivo.
Quattro brani, quelli dell’EP, nei quali Vincenzo affida il suo cantato alla lingua inglese come processo del tutto naturale nel suo percorso creativo che proseguirà anche nel successivo singolo “Barcelona” (2014, Operà Music) e nel suo album d’esordio “Silence Here” (2016, Operà Music), da cui è tratto “Your Eyes” (scelto dal Gruppo Heineken per la sonorizzazione di un suo spot).
Accolto con grandissimo interesse dalla critica per aver messo in luce le peculiarità di un progetto intriso di sonorità ancora inedite nel panorama musicale italiano, “Silence Here” rappresenta per Rescue anche il passaggio di consegne verso l’inizio di un nuovo percorso.

L’intento di Vincenzo è oggi infatti quello di introdurre la fusione di una cifra stilistica tipicamente anglo-americana con la ricchezza espressiva della lingua italiana.
Il risultato di questo nuovo binomio è stato “Laika” (ottobre 2018), che ha aperto la strada a Rescue verso il cantautorato italiano, costituendo il primo singolo del suo nuovo “Invisibile EP” (autoprodotto, 2019).