Arte e Rock&Roll, dalla biennale del 1964 a Woodstock

Arte e Rock&Roll, dalla biennale del 1964 a Woodstock

Arte e Rock&Roll, dalla biennale del 1964 a Woodstock – In esposizione fino a domenica 27 maggio all’Ex Cinema Cristallo di Grado anche due Keith Haring unici al mondo. E’ boom di visitatori

Cosa c’entrano i Rolling Stones e Jimi Hendrix con Andy Warhol e Roy Lichtenstein? È questa la domanda cui vuole rispondere la mostra “Arte e Rock&Roll: dalla Biennale del 1964 a Woodstock del 1969”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Grado in collaborazione con l’agenzia MV Eventi di Vicenza e curata da Matteo Vanzan presso le sale dell’ex cinema Cristallo di Grado. L’esposizione dall’apertura, avvenuta il 28 aprile, ad oggi sta registrando una notevole partecipazione di pubblico. “Stanno arrivando visitatori da Udine, Trieste e Gorizia appositamente per vedere questa mostra in attesa della prossima di Warhol ad agosto sempre qui a Grado – afferma il curatore Matteo vanzan –  tutti sono entusiasti, specialmente per il percorso rock e per i due Keith Haring unici al mondo presenti in sala”.

Un viaggio emozionale composto di immagini, opere d’arte, filmati e canzoni che accompagnerà il visitatore nelle grandi rivoluzioni degli anni sessanta prendendo come spunto i due eventi indimenticabili che segnarono il punto di rottura tra due epoche: la Biennale di Venezia del 1964 e il Festival di Woodstock del 1969.

“Con la mostra Arte e Rock&Roll inizia la collaborazione tra MV Eventi e il Comune di Grado, che proseguirà ad agosto con la mostra dedicata al grande artista americano Andy Warhol”, afferma l’Assessore alla Cultura Sara Polo. “L’Ex Cinema Cristallo ospiterà le opere degli artisti protagonisti dei movimenti d’avanguardia della seconda metà del Novecento, tra i quali Indiana, Rauschenberg, Schifano, Warhol, Rotella e molti altri. La mostra intende raccontare il percorso compiuto dall’arte e dalla musica negli anni sessanta. Un percorso che vuole immergere il visitatore nell’intrinseco connubio tra arte e musica che, in quegli anni, condusse a una vera e propria rivoluzione artistica e di costumi. Confido che Arte e Rock&Roll, anticipo della mostra di agosto, possa riscuotere il giusto successo di pubblico offrendo ai cittadini e ai visitatori un evento artistico e culturale di altissimo livello”.

“Con Woodstock si è concluso un capitolo” spiega Vanzan “L’inesauribile trasformazione ha avuto luogo nei mitici anni sessanta, anni di scoperta, di azzardo, di sogni e nuove possibilità di un mondo ricco d’opportunità. Se da un lato la 32a Biennale di Venezia ha sdoganato un’iconografia finalmente accessibile al pubblico portando l’arte al popolo con un linguaggio comprensibile a chi di arte non ne masticava, la musica di quei tre giorni indimenticabili ha portato, per la prima volta nella storia, l’unione totalizzante tra i musicisti e i desideri dei ragazzi sul prato. Finalmente le arti trovavano un definitivo punto d’incontro con il pubblico, senza l’intermediazione di storici dell’arte o critici musicali. Un pazzo sconvolgimento di ogni cosa che portò ad una vera e propria rivoluzione dei costumi e dello sguardo”.

La mostra “Arte e Rock&Roll” sarà visitabile fino a domenica 27 maggio 2018.

Gli orari:  venerdì dalle 16.00 alle 19.00, il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 con ingresso di 5 euro, ingresso gratuito per i minori di 14 anni.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi