A SpazioCima Alessandro Morino in Private Rooms

Mercoledì 7 luglio alle ore 18.00, visitabile fino a giovedì 22 luglio, presso Galleria SpazioCima di Roma (via Ombrone 9), si inaugurerà la mostra personale di Alessandro Morino, Private rooms.
L’esposizione, a cura di Romina Guidelli e organizzata da Roberta Cima, è a ingresso libero, visitabile da lunedì a giovedì, dalle 15:30 alle 19:30.
LE OPERE IN MOSTRA – La galleria Spazio Cima accoglierà una selezione di opere appartenenti all’ultima produzione di Alessandro Morino (da fine 2019 al 2021), tutte eseguite in tecnica mista su tela e tutte in formato quadrato (da cm 25×25 a cm 100×100). Le opere scelte presenteranno una panoramica completa sulla poetica silenziosa e incisiva dell’artista. Particolare attenzione è stata rivolta alla tecnica pittorica conquistata nell’ultimo periodo da Morino: notevolmente più asciutta ed essenziale rispetto alle materiche tele della precedente produzione, di cui in mostra sarà esposta una sola opera esempio e testimone: Non c’è che questo andarsene, 2017, tecnica mista su tela, cm 100×100.

LE PAROLE DELLA CURATRICE – Gli ambienti di Alessandro Morino – racconta Romina Guidelli nel testo critico di presentazione della mostra – sono ‘terre franche’ nate da colore netto o da pennellate gestuali non materiche che si susseguono e coprono interamente il neutro bianco del fondo della tela. Questi colpi di pennello, veloci e asciutti, sembrano provocati da una invisibile finestra che lascia entrare vento nelle stanze dell’io… Le donne, gli uomini, i bambini ritratti sulle tele non si curano della nostra presenza perché appartengono all’universo dell’artista, solo si mostrano… Non è la figurazione che interessa all’artista, no la grazia né la maniera. L’uomo non è il protagonista della sua pittura, lo è della sua ricerca. L’uomo è lo strumento attraverso il quale Alessandro Morino racconta il vivere comune: l’uomo dentro la tela e l’uomo fuori dalla tela; l’attore e lo spettatore. I ‘suoi’ uomini condividono un momento qualunque di un giorno qualsiasi, ma in una stanza molto privata: la stanza dell’essere.
Organizzazione a cura di Roberta Cima