Spregevole, lo spettacolo con Edoardo Pesce in scena al Teatro Ambra di Roma

Spregevole: un testo (di Dario D’Amato) e un’interpretazione unica (di Edoardo Pesce) che non a torto possono essere definite un vero e proprio “rosario della rabbia”, in scena dal 7 al 10 maggio al Teatro Ambra alla Garbatella di Roma. Diretto dal giovane regista Gabriele Galli, Pesce affronta un monologo duro e cruento che denuncia il rancore di un disincanto svanito, quello per la propria città, Roma, alla pari di qualsiasi amore scaduto.

Si tratta di uno spettacolo totalmente provocatorio, tanto ricco di denunce verbali quanto di ricerca di riconferme delle passate aspettative: “è il racconto di un uomo che si sta perdendo – afferma Edoardo Pesce in questa sua importante prova d’attore sul palco – e nel suo ordinario giorno di follia quotidiana si ritrova solo con le sue parole e con quelle dell’Antico Testamento. Stornellatore dell’odio, dell’insofferenza, scorretto, brutale eppure appassionato, quasi lirico, il protagonista prende la Città Eterna come uno spartito e ci cammina sopra, in una discesa siderale che parte come qualcosa che dovrebbe scatenare la risata per poi sprofondare nell’amarezza”.

Secondo D’Amato – autore di questa pièce già presentata in passato in forma di mise en espace da Francesco Pannofino e Massimiliano Bruno e ricomposta per l’occasione, riaggiornata, proprio per Edoardo Pesce – “qualcosa sta per succedere – e probabilmente molto è già successo – nella vita del protagonista. Per espiare una colpa se la prende con la città che l’ha generato. Questa liturgia della disperazione, espressa goccia dopo goccia in un elenco del peggio e attraverso un’aggressività verbale minatoria, in qualche modo, alla fine, lo purifica. Lasciando però nel finale negli spettatori un’incognita interpretativa basata sull’eterna dialettica tra Bene e Male”.

“Spregevole è il viaggio dentro la mente andata a male di un uomo – dichiara il regista Galli – Un uomo dichiaratamente Spregevole: è l’acido percorso a ritroso, dal veleno del presente a quella sofferenza che l’ha portato a spruzzarlo sul mondo; su tutto ciò che non è sé stesso. Il personaggio in scena è l’antagonista, ma il protagonista siamo noi, o meglio è il pubblico, che allo stesso tempo è oggetto e spettatore. Come se dall’interno di una bolla di sapone che di tanto in tanto viene fatta esplodere, decidesse prima di farsi spiare e poi improvvisamente di tenere una lezione su come si fa ad essere ad essere Spregevole. E come ogni cattivo che si rispetti, ci appassiona e parteggiamo per lui, di nascosto, più di quanto la nostra morale ci permette di esprimere. In attesa di una redenzione che lui stesso non vuole.”

Chiuso nel suo mondo, sulle tavole di un palcoscenico claustrofobico, l’attore si fa oratore in un luogo libero dove potersi esprimere, dove non esistono giudizi morali, ma dove il mondo esterno, di tanto in tanto bussa alla porta, e in quel momento, all’improvviso, sarà lui stesso a dover fare i conti col destino.

Dal 7 al 10 maggio 2015

Teatro Ambra alla Garbatella
Piazza Giovanni da Triora, 15 – 00154 Roma

SPETTACOLI:
dal giovedì al sabato ore 21:00
domenica ore 17:00

EDOARDO PESCE
Romano, classe ’79, frequenta la scuola “Ribalte”, diretta da Enzo Garinei, e successivamente la scuola “Teatro Azione”, diretta da Isabella Del Bianco e Cristiano Censi.
Tra i lavori più interessanti possiamo citare la prima e seconda stagione della miniserie tv di enorme successo “Romanzo criminale – La serie”, regia di Stefano Sollima, dove è coprotagonista con il ruolo di Ruggero Buffoni. Ha lavorato anche nel film “20 sigarette”, regia di Aureliano Amadei, nel ruolo di Tino.
Sempre in tv è coprotagonista insieme a Raoul Bova della miniserie tv “Ultimo 4 – L’occhio del falco” e interpreta Sergio nella serie tv “Un matrimonio”, di Pupi Avati.
Ha partecipato al secondo film di Massimiliano Bruno “Viva l’Italia”, nel ruolo di Mazzone, ed è nel cast del primo lungometraggio diretto da Enrico Maria Artale “Il terzo tempo”, prodotto da Aurelio De Laurentis e il CSC, in concorso alla mostra del cinema di Venezia 2013.
Nel 2013 è presente in “Squadra antimafia – Palermo oggi 5”, dove recita al fianco di Francesco Montanari, nel ruolo del mafioso Michele Catena. Nello stesso anno comincia a girare la sesta serie della fiction “I Cesaroni”, nel quale interpreta il ruolo di Annibale Cesaroni e che verrà trasmessa nel 2014.
Edoardo fa parte dell’ Orchestraccia, suona la chitarra e canta. Ha fondato un gruppo “blues, soul, romanesco”, i Saint Peter’s Stones. Nel 2015 torna al cinema con il film “Se Dio vuole”, al fianco di Giallini, Morante e Gassman.

DARIO D’AMATO
Si forma nei workshop dei Riverside Studios di Londra, sotto la guida di Hanif Kureishi e Terry Gilliam. Vince la borsa di studio come allievo corsista della scuola Fiction Mediaset e dal 2003 lavora come sceneggiatore per Mediaset/Rai/ Sky , firmando serie tv mainstream (per Rai/Mediaset) e piloti low budget (tra questi “Trash” (Trio Medusa) tra i progetti pilota comedy selezionati dal RomeFictionFest 2010 e Limbo in sviluppo per Floptv/Fox Factory). Nel novembre 2008 è uscito il suo romanzo d’esordio “Morire in fondo è trendy” (zero91edizioni).
E ‘inoltre drammaturgo, finalista di Napoli drammaturgia in festival e del premio per la nuova drammaturgia Patroni Griffi/Teatro Eliseo. Suoi testi sono stati interpretati da Valerio Aprea/ Massimiliano Bruno e Francesco Pannofino. Un suo racconto è stato finalista del concorso Minimum Fax/Accattone “Roma, la violenza che viene” – . Attualmente sta scrivendo un lungometraggio per la regia di Giuseppe Marco Albano.

GABRIELE GALLI
Esordisce come attore in teatro all’età di quattro anni nel capolavoro di Beckett “Aspettando Godot” al Teatro Marrucino di Chieti; cresciuto tra palcoscenici e camerini continua la carriera d’attore in diverse compagnie tra cui quella di Flavio Bucci. Si laurea in Lettere e si forma come regista e sceneggiatore presso la London Film Academy, dove collabora con professionisti del calibro di Gillies Mackinnon e Richard Kwietniowski. Alterna come attore, autore e regista impegni teatrali a quelli televisivi e cinematografici, tra cui il documentario “La vita degli Altri” nominato miglior Documentario al Festival del cinema Nino Manfredi.
Attualmente è in preparazione con il Pilot della sua serie “Super Italian Family”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi