Un cerchio perfetto: il ritorno alle origini di Pensiero Nomade

Un cerchio perfetto: il ritorno alle origini di Pensiero Nomade

Filibusta Records pubblica il settimo album del progetto di Salvo Lazzara. Un’opera suggestiva all’insegna del nomadismo musicale, tra passato e futuro, dall’art rock alla world music

Un cerchio perfetto: il ritorno alle origini di Pensiero Nomade!

PENSIERO NOMADE

UN CERCHIO PERFETTO

Filibusta Records | Goodfellas

(13 tracce | 55 minuti)

«Questo disco è un ritorno alle mie proprie origini diciamo culturali, quindi alla Sicilia, ai suoi colori, alla bellezza terribile e inevitabile della mia isola. Poi alle origini della mia musica, quella suonata in maniera naturale, senza troppa elettronica, e anche alle origini stilistiche, certamente; quindi il progressive, il jazz, la musica classica contemporanea».

Arriva al settimo album Salvo Lazzara con il suo Pensiero Nomade, un laboratorio di nomadismo musicale che il polistrumentista ha fondato con l’obiettivo di coinvolgere temi, provenienze, ispirazioni e culture diverse, sin dal debutto del 2008. Un cerchio perfetto, come dichiarato dallo stesso autore, è un ritorno al passato – geografico, culturale, compositivo – ma anche l’inizio di un nuovo cammino. È un’operazione di cui Lazzara è orgoglioso per il senso di compiutezza e di rappresentatività che esprime: «La sensazione che ho avuto appena terminate le registrazioni, e ancora di più durante il mastering, è che questa volta non mancasse nulla, nulla di quello che in passato c’era stato nei miei lavori; questo però non mi dava la sensazione di eccessiva ricchezza, di ridondanza, piuttosto di completezza. Sentivo insomma che era tutto al posto giusto. Che ero arrivato finalmente nel posto giusto».

Siciliano di origine, romano di adozione, Salvo Lazzara ha immaginato e diretto Pensiero Nomade come un progetto caratterizzato dall’approccio nomade alla ricerca musicale, sia dal punto di vista timbrico, sia da quello del ritmo e delle derive sonore. I punti di riferimento sono le ispirazioni tradizionali ed etniche – una matrice quindi acustica – ma con forte contaminazione elettronica (sullo stile di Sakamoto, l’ultimo David Sylvian e Fennesz). I riferimenti in ambito jazz spaziano dagli Oregon di Ralph Towner a Steve Tibbetts a Terje Rypdal. Album dopo album Pensiero Nomade ha spaziato tra vari territori – jazz, ambient, minimal, world, rock – fino al ritorno alle origini di Un cerchio perfetto.

Tredici tracce che sprigionano fascino, mistero, ma anche familiarità e serenità, complice il coinvolgimento di figure autorevoli del nuovo progressive italiano come Andrea Pavoni, e musicisti attivi tra jazz e world music come Edmondo Romano e Luca Pietropaoli: «Nel mio disco Da nessun luogo già avevo avuto modo di apprezzare il talento, l’inventiva e la tecnica di arrangiamento di Andrea Pavoni, che stavolta ha avuto molto più spazio, con un risultato che mi lascia del tutto soddisfatto. I musicisti coinvolti sono stati assolutamente liberi, non c’era nessuna partitura prima del loro intervento, se non le parti di chitarra. Quello che si sente è frutto del loro talento e della loro sensibilità».

Un filo sottile di malinconia lega gli episodi di Un cerchio perfetto, accomunati da un desiderio di felicità, dal piacere del ricordo. Tra viaggi nel tempo, inni alla vita, nostalgia della terra e riflessioni disincantate sul presente, l’album si rivela un diario intimo ma universale, tra splendori primaverili e crepuscoli autunnali. Ancora una volta Pensiero Nomade brilla per equilibrio, rifiniture, eleganza, in un lavoro che abbraccia ballate, rock di frontiera, jazz contemporaneo e oasi acustiche. 

UN CERCHIO PERFETTO:

1. Bella che danzi (Lazzara)

2. Quasi non fosse più tempo (Lazzara – Pavoni)

3. Da qui si vede il mare (Lazzara – Pavoni)

4. Puntini (Pavoni) 

5. Rugiada tra le mani (Lazzara) 

6. La forma dell’aria (Lazzara)

7. Un cerchio perfetto (Lazzara)

8. Buio e magia (Lazzara – Pavoni) 

9. Volti e rivolti (Lazzara – Pavoni –Romano) 

10. Il suo sorriso antico (Lazzara) 

11. Come tramonto acceso (Lazzara) 

12. Sul finire (Lazzara – Pavoni) 

13. A te che sei (Pavoni)

Salvo Lazzara: chitarre, contrabbasso elettrico, arrangiamenti, 

Andrea Pavoni: piano, tastiere, programmazione, arrangiamenti, 

Michela Botti: voce (8, 12), 

Davide Guidoni: batterie, percussioni, 

Luca Pietropaoli: contrabbasso acustico (2, 7, 12), 

Edmondo Romano: clarinetto (3, 4, 13), low whistle (5), sax soprano (11), flauto basso (9), flauto dolce contralto (12).

https://pensieronomade.bandcamp.com/  

https://www.facebook.com/Pensieronomade/