Turchese, una fiaba d’altri tempi sul ciglio dell’ultimo metrò

Sandro Cisolla, dopo la longeva esperienza artistica con la band punk degli Airway, ha deciso di intraprendere la carriera solista con il nome d’arte di Turchese, colore che rappresenta per antonomasia serenità e leggerezza, proprio come l’ascolto del suo singolo di debutto. L’atmosfera che si respira, sia con una base che ammicca a certe sonorità vintage da fotoromanzo, sia con la storia che vede protagonisti un’attrice in cerca di successo e un musicista che si innamora di lei, è quella di una fiaba d’altri tempi ambientata però ai giorni nostri.

A fare da sfondo alla vicenda è infatti Cinecittà e la metropolitana ma a rendere ancora più attuale il pezzo è la riflessione universale che scaturisce dal testo: siamo dominati dall’apparenza che ci rende incapaci di instaurare rapporti sinceri con il prossimo e che ci fa innamorare solo del proprio ego. Dietro l’ironia e la freschezza dell’arrangiamento si nasconde quindi un’ombra malinconica, filo conduttore di questo nuovo corso del cantautore veneto.

Segui Turchese su Instagram
Segui Turchese su Facebook
Ascolta Turchese su Spotify