“Transparent”, il nuovo brano di Veronica Vitale I-Vee approda in radio e in digitale

È in radio e disponibile sulle piattaforme streaming e in digital downloadTRANSPARENT”, il nuovo brano di VERONICA VITALE I-VEE, artista e produttrice musicale d’avanguardia di origine italiana che negli ultimi dieci anni ha conquistato gli Stati Uniti.

È online anche il video del brano visibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=VuaEbvZxoxU.

Prodotto negli Stati Uniti da Visionary Vanguard Records e distribuito da AMA Amadea Music e The State51 Conspiracy, “TRANSPARENT” è un canto di rinascita e difesa contro ogni forma di bullismo, abuso di potere e di autolesionismo. È un brano le cui sonorità si collocano all’interno di un genere musicale futurista, definito da Veronica Vitale “Musica Liquida e Genere Fluido” di cui l’artista è pioniere e firmataria del Manifesto dell’Arte. 

«La mia è una di quelle storie che corre al contrario, ovvero dall’estero verso l’Italia dichiara Veronica Vitale Con “Transparent” ho voluto raccontare una storia, la mia, in cui, a prescindere dal contesto, chiunque potesse leggerla e percepire immediatamente l’idea di qualcuno che lotta per liberarsi, perché tutti abbiamo bisogno di venir fuori da una situazione o circostanza contraddittoria, e di essere liberi e felici. Sono un catalizzatore per il cambiamento: il futuro è adesso».

Il videoclip, diretto dal regista californiano Patrick J. Hamilton e prodotto da Atlanta Film Company e Red Digital Cinema Studios in qualità 8K, è impreziosito da particolari effetti speciali che danno vita al messaggio della canzone. 

«Oltre ad aver composto e co-prodotto il mio brano, ho co-diretto anche il video – afferma Veronica Vitale – Ho scelto di ambientarlo in un prefabbricato industriale del 1800 in Ohio. È un video fluido, in cui dopo aver tagliato il mio ultimo strato di pelle, rimango trasparente davanti agli occhi di chi mi voleva fantasma nel mondo, con tutte le crepe dell’anima, con il freddo gelido simile a quello di una cella frigorifero, e l’oscurità che mi ha circondato nella vita. Dietro il palco, sopra il palco, mentre provavo, mentre creavo, mentre aspettavo: è stata tutta una questione di gelo e gavetta». 

Veronica Vitale I-VEE è una pianista, imprenditrice per l’industria discografica statunitense, attivista per i diritti dell’infanzia, per l’emancipazione femminile e per lo sviluppo sostenibile, socialmente impegnata nella lotta contro il bullismo e l’abuso di potere. Si afferma prima in Germania nel 2010 con l’album di debuttoNel mio bosco Reale“, per il quale riceve il riconoscimento di artista internazionale al Der Musikmesse International Press Award MIPA. Viene coinvolta come unica voce italiana nella campagna di raccolta fondi “Song’s for Japan” promossa da Lady Gaga a supporto delle vittime dello tsunami e del terremoto di Fukushima del 2011. Si trasferisce nel 2013 prima a Seattle poi a Cincinnati e nel 2014 riceve il premio della critica al Concorso Internazionale di Winnenden, “Gitarren statt Knarren”. La versione acustica del brano “Under the Sky of Another Dreamha visto la partecipazione straordinaria di Leon Hendrix, fratello di Jimi Hendrix. Nel 2015 riceve il premio Act of Lovingkindness Award 2015 con il titolo di “Ambasciatore del movimento Groovemints Girls” per la King Records in Cincinnati. Collabora con la vincitrice di American Idol Jess Lamb & The Factory, producendo i brani “Lovers on the Run” e “Sweet Dreamer”, che si aggiudicano il Cincinnati Entertainment Awards nel 2016. Dal 2013 al 2018 collabora con il Maestro Stelvio Cipriani nella composizione di “Catechismo della Chiesa Cattolicadi Gjon Kolndrekaj e viene scelta come voce ufficiale del nuovo remake di “Anonimo Veneziano – To Be The One You Love”. Durante la pandemia, compone la preghiera per l’umanità “Hymn To Humanity, poi rilanciata in una versione corale che unisce oltre 200 voci e 25 lingue per un messaggio di pace e fratellanza universale. Fonda “Artist United – Organizzazione Non Profit e Piattaforma Artistica gratuita” per coinvolgere artisti di ogni nazione in progetti per il sociale. È stata la prima artista italiana indipendente a firmare negli Stati collaborazioni esclusive con alcuni dei nomi leggendari del panorama americano, da Bootsy Collins, bassista storico di James Browm, fino all’endorsement di Joe Jackson, padre di Micheal Jackson, fino a duettare con l’artista multi-platino The Mad Stuntman.