The Bubu Day, un giorno con l’orso al Museo di Zoologia di Roma

The Bubu Day, un giorno con l’orso al Museo di Zoologia di Roma

The Bubu Day, un giorno con l’orso al Museo di Zoologia di Roma – Una giornata dedicata all’orso bruno in Italia, per informare, coinvolgere e sensibilizzare il pubblico sulla presenza di questa specie nel nostro Paese e sull’impegno necessario per la sua conservazione.

 

L’evento, “The Bubu Day – Un giorno con l’Orso”, organizzato da Wildlife Conservation Photography e dal WWF Italia per il Life Arctos, è promosso dall’ Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Dipartimento Cultura, dal Museo Civico di Zoologia, si terrà al Museo stesso con ingresso gratuito ed è organizzato in due momenti.

 

La mattina, dalle 10.00 alle 14.00, presso la Sala Conferenze del Museo, dopo un saluto del Direttore del Museo, Claudio Manicastri, il tema dell’orso verrà presentato da Fulco Pratesi (Presidente onorario del WWF Italia) e da Gloria Svampa (Curatrice del settore mammiferi del Museo Civico di Zoologia).  Seguirà un incontro, coordinato da Grazia Francescato (Ambientalista), con i due fotografi naturalisti – Roberto Isotti e Daniele Cambone (Wildlife Conservation Photography), che hanno realizzato un reportage sull’orso bruno e che racconteranno le “avventure” legate alla realizzazione del loro lavoro. All’incontro parteciperanno anche Fabrizio Carbone (videomaker e giornalista), Max Paiella (attore), Angelo Gandolfi (fotografo naturalista) e Federico Gemma (wildlife artist).

 

Il pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00, sarà il momento degli esperti che, introdotti da Dante Caserta (WWF Italia), riveleranno al grande pubblico le loro ricerche finalizzate allo studio delle popolazioni alpine e appenniniche di orso bruno, con un linguaggio accessibile anche ai non addetti ai lavori. Infine Massimiliano Rocco (WWF Italia), che coordina l’incontro, illustrerà il progetto europeo LIFE Arctos di cui è referente nazionale, perché conservare i tesori della biodiversità come l’orso, ma anche il lupo e la lince, è possibile solo se si porta avanti una politica di coesistenza e condivisione, ed è quanto l’associazione sta facendo con numerosi interventi anche a livello europeo coinvolgendo comunità locali e istituzioni, come verrà illustrato nel pomeriggio in un incontro aperto a tutti.

 

L’Orso è da sempre presente nella tradizione popolare come un animale grande, misterioso, temibile, ma anche curioso e simpatico, tanto da ispirare alcuni fra i più simpatici personaggi delle favole e dei cartoni animati. Una specie fra le più carismatiche della fauna italiana, svolge un ruolo decisivo nell’equilibrio dell’ambiente in cui vive e la sua conservazione si riflette sulla vita di tutte le altre specie del territorio.

 

Una giornata particolare che si pone l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico. La fotografia e la pittura sono strumenti fondamentali per ispirare il pubblico e farlo riflettere sui grandi temi della salvaguardia ambientale. A tale scopo faranno da cornice all’evento alcune mostre sul tema dell’orso e della sua conservazione:

ü    “ORSI TRA LE NUVOLE” 10 fumettisti per il WWF, tra cui Milo Manara e Bruno Bozzetto (a cura del WWF Italia);

ü    “DIPINGERE L’ORSO” 10 pittori naturalisti per l’Orso (a cura di Ars et Natura);

ü    “PERCHE’ PROTEGGERE L’ORSO” mostra fotografica (a cura del WWF Italia e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare).

ü    Le opere originali saranno esposte nella sala delle conferenze, mentre il cortile coperto del museo ospiterà la mostra fotografica. L’esposizione durerà per tutta la giornata e rimarrà visitabile anche domenica 23.

 

L’orso bruno è una specie diffusa in Italia sia sulle Alpi (in particolare nel Parco Naturale Adamello-Brenta) che nell’Appennino centrale (Parco d’Abruzzo, Lazio e Molise), dove frequenta gli ambienti forestali. E’ onnivoro, cioè si nutre di un’ampia varietà di risorse alimentari, a seconda della stagione, che vanno dalle bacche, i germogli di piante, i fiori, i tuberi, ma anche insetti, lombrichi e chiocciole. La sua passione per il miele è proverbiale.

 

L’orso trascorre il periodo invernale in letargo, un sonno prolungato durante il quale il suo metabolismo si riduce e il suo peso diminuisce anche di un terzo. E’ un animale solitario, ma si avvicina ai suoi simili in primavera durante il periodo dell’accoppiamento.

 

 

INFO

Museo Civico di Zoologia

Via Ulisse Aldrovandi 18 – I-00197 Roma

+39 06 67109270

+39 060608

www.museodizoologia.it

Orari Museo: ore 9 – 19

Ingresso libero all’evento

 

Wildlife Conservation Photography

wildlife@homoambiens.com ; www.homoambiens.com/Conservationx

 

WWF Italia

www.wwf.it

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi