Roma-città-mondo. Festa teatrale dell’intercultura al Teatro India di Roma. La programmazione dal 17 al 28 giugno

Roma-città-mondo. Festa teatrale dell’intercultura al Teatro India di Roma. La programmazione dal 17 al 28 giugno

Roma-città-mondo. Festa teatrale dell’intercultura al Teatro India di Roma. La programmazione dal 17 al 28 giugno – Un’occasione per abbattere le immaginarie barriere della distanza e della diversità
attraverso il teatro: linguaggi, azioni, interazioni che coniugano arte, cura
e cambiamento sociale. Dieci giorni di attività per favorire snodi, punti di contatto e
di incontro: zone di transito, all’interno delle quali circolino conoscenze, saperi
culture, lingue, differenze e somiglianze.
Il Teatro India si fa “villaggio” per reading, performance, laboratori, concerti e
video installazioni affinché i confini diventino una soglia, facile da oltrepassare.
L’intera manifestazione è a ingresso libero compresi gli spettacoli e i laboratori

Spettacoli  –  Musica  –  Laboratori per adulti e bambini  –  Festival diffuso

Gli appuntamenti della prima settimana

17 giugno ore 21.00
Famiglia
di Valentina Esposito
con Marcello Fonte, Alessandro Bernardini, Christian Cavorso, Chiara Cavalieri, Matteo Cateni, Viola Centi, Alessandro Forcinelli, Gabriella Indolfi, Piero Piccinin, Giancarlo Porcacchia, Fabio Rizzuto, Edoardo Timmi, Cristina Vagnoli
produzione Fort Apache Cinema Teatro
in collaborazione con Direzione di Rebibbia N.C., Tribunale di Sorveglianza di Roma, U.E.P.E. Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Roma, La Sapienza Università di Roma – Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo/Master di Teatro nel Sociale
“Siamo troppo vicini, ma non vicini abbastanza”. In occasione del matrimonio dell’ultima e unica figlia femmina di una numerosa famiglia tutta al maschile, si riuniscono nuovamente tre generazioni di persone legate da antichi dolori e irrisolte incomprensioni.

18 giugno
ore 20.00
I Buchi Bianchi
Regia e Drammaturgia di Massimo Sconci
Musiche dal vivo Josè de la Paz
Monologo vincitore del Premio “CortinScena 2018”
La storia di un bombardamento in una guerra silenziosa vissuta da un ragazzo siriano, una serie di racconti vissuti oppure mai accaduti, l’ironia del protagonista, in tutta la sua fragilità e la sua forza d’animo. Con un monologo teatrale è possibile cambiare il Mondo in pochi minuti?
durata 20’

ore 21.00
#Loro
scritto e diretto da Gabriele Linari
con la collaborazione drammaturgica di Marco Andreoli e degli attori in scena
con Janet Ferramo, Jaclin Gallo, Salima Khan, AilenMecchia, Janette Isabel Mecchia
Jessica Miceli, Carlotta Petruccioli, Sofia Pittaccio, Fabrizio Quojani
musiche originali Andrea Pantaleone, Cristiano Urbani
produzione CIES onlus e Labit
#LORO affronta lo spinoso tema degli haters e dell’hate-speech, puntando l’occhio performativo e creativo su tutte le pratiche di odio che si sono modificate e sviluppate online, soprattutto attraverso i social network. Otto postazioni, otto utenti anonimi. Una noia che si fa esistenziale e diventa rabbia pura, cieca.

19 giugno ore 21.00
Le storie degli altri
regia Annalisa Bianco
con Salis Gode, Diallo Amadou Abdoulaye, Mory Konate, Salif Kone, Noah Kanu, Ebrima Labou, Yahya Adams, Osakwe Destiny, Manuela Peirce
produzione EGUMTEATRO
in collaborazione con l’Associazione Migranti San Francesco Onlus
Lo spettacolo nasce dal progetto di laboratorio teatrale, rivolto ai minori non accompagnati del centro di accoglienza Migranti S. Francesco (Monteriggioni).
Ragazzi in scena per uno spettacolo divertente e pieno di energia. Ragazzi belli, spiritosi, intelligenti. Ragazzi che non sono un problema sociale e geo-politico ma sono i nostri ragazzi, gli amici dei nostri figli, i loro compagni di scuola. Uno spettacolo per rimettere al centro la questione umana, per ricordarci che essere umani non significa solo “aver paura” ma anche “amare” e “accogliere”.

20 giugno – Giornata Mondiale del Rifugiato 2018
ore  21.30
Kassandra (o del mondo come fine della rappresentazione)
di Kevin Rittberger
regia di Alessandra Cutolo
con Patience Sare e le ragazze nigeriane del gruppo Women Crossing, Silvia Gallerano, Simonetta Solder
una produzione PAV in collaborazione con Teatro di Roma – Teatro Nazionale
nell’ambito di FabulamundiPlaywriting Europe – Beyond Borders?
Sulle coste dell’Europa sud orientale, ogni giorno si svolge un dramma: i rifugiati provenienti dall’Africa sono bloccati lì, mezzi affamati e assetati, sulle barche sovraffollate, venuti nella speranza di condurre una vita dignitosa in Europa. Molti passano attraverso un’odissea lunga, un anno intero per essere mandati di nuovo indietro. E loro sono i fortunati, perché sono ancora vivi.  

22 giugno ore 20.30
Bolle di Sapone
regia e drammaturgia Lorenzo Collalti
con Grazia Capraro e Daniele Paoloni
produzione L’uomo di fumo – Compagnia teatrale
in collaborazione con Khora Teatro
Due personaggi timidi, ossessivamente timidi, vivono le loro vite in maniera surreale, intrappolati in una visione fantasiosa del quotidiano. Quando uno scherzo del destino li mette in contatto, sono costretti a rivoluzionare la loro vita per ospitare l’altro, volenti o nolenti. L’incontro di queste due piccole solitudini in una periferia metropolitana è il cuore di questo racconto. 

23 – 24 giugno ore 19.00
Narikhonto – voci oltre i confini
a cura di Asinitas Onlus
esito del laboratorio condotto da Emanuela Ponzano
In uno spazio sospeso tra il reale e l’onirico, un gruppo di donne di diversa età e nazionalità ci raccontano i passaggi del femminile attraverso le fiabe.Lo spettacolo è un susseguirsi di immagini archetipiche, di suggestioni poetiche, di sussurrata o furiosa coralità, attraverso il linguaggio dei corpi, della narrazione, dei canti, ma anche del teatro d’ombra, e dell’immagine.

info
community@teatrodiroma.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi