Poesia e Musica nello scenario dell’Acropoli tra la Torre Angioina e la Cappella Palatina

Poesia e Musica nello scenario dell’Acropoli  tra la Torre Angioina e la Cappella Palatina. La Soprintendenza di Salerno apre di sera il Parco Archeologico di Elea-Velia. Venerdì 8 settembre, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino, diretta da Francesca Casule, insieme al Comune di Salento e con il patrocinio del Comune di Ascea, ha organizzato, presso il Parco Archeologico di Elea-Velia, l’iniziativa Eco poetica, una manifestazione all’insegna della poesia e della musica.

Alle ore 19.30 il prof. Menotti Lerro tiene un reading di versi nello scenario dell’Acropoli*, tra la Torre angioina e la Cappella Palatina, intrecciando la poesia al suono dei flautisti Chiara Palmieri, Raffaele Palazzo e Francesco Cirillo del Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno, che eseguono musiche di Bach, Mozart e Debussy.

Partecipano Funzionari della Soprintendenza e Amministratori Locali. L’evento rientra nel programma delle aperture straordinarie del sito di Velia (3 ore serali), previste dal MiBACT nel piano di valorizzazione 2017.

*Servizio navetta disponibile dalle ore 19.00 con partenza nei pressi dell’ingresso del Parco Archeologico. Ingresso al Parco 3.00 euro / Info: 0974 271016  –  0974 972396.

Ingresso 3 euro