Pandemonio, la mostra itinerante di Sergio Padovani approda al Complesso di San Paolo di Modena

SERGIO PADOVANI. Pandemonio

a cura di Cesare Biasini Selvaggi

con Francesca Baboni e Stefano Taddei

Complesso di San Paolo, Modena

16 marzo – 5 maggio 2024

Preview riservata alla stampa: venerdì 15 marzo, ore 11.30 (accrediti: info@csart.it)

Inaugurazione: sabato 16 marzo, ore 17.30

Dopo i positivi riscontri e il grande afflusso di visitatori registrato a Roma, la mostra itinerante dell’artista Sergio Padovani (Modena, 1972), intitolata Pandemonio, dal 16 marzo al 5 maggio 2024 fa tappa a Modena, sua città natale.

Organizzata dalla Fondazione THE BANK ETS – Istituto per gli Studi sulla Pittura Contemporanea con il patrocinio del Comune di Modena, l’esposizione sarà inaugurata sabato 16 marzo 2024, alle ore 17.30.

La personale, curata da Cesare Biasini Selvaggi con Francesca Baboni e Stefano Taddei, raccoglie un’ampia selezione di dipinti, di grandi dimensioni e di recente produzione. Una pittura figurativa visionaria che si fonda su composizioni fantastiche quanto allucinate, scene inquietanti, paesaggi incendiati da venature crudeli e qualche pennellata di mélo, tra onirico e mostruoso, delizia e oscenità.

«Continua l’impegno nel valorizzare un luogo d’arte, riconsegnato alcuni anni fa alla città: il Complesso di San Paolo è ormai un punto fermo nella mappa culturale di Modena», dichiara l’Assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi. «È un grande onore ospitare la mostra e i lavori di Sergio Padovani, che torna nella sua città natale, e farlo in collaborazione con importanti istituzioni culturali del nostro paese, in una logica virtuosa che valorizza artisti del territorio».

«Siamo felici – dichiara Cesare Biasini Selvaggi – di fare tappa a Modena con questa mostra per rendere omaggio alla città natale di Sergio Padovani. L’esposizione, inaugurata a Roma nelle sale dei Musei di San Salvatore in Lauro, è stato un successo di pubblico, stampa, critica e da parte dei collezionisti, oltre qualsiasi aspettativa. Contestualmente alla mostra, diverse opere di Sergio Padovani sono infatti entrate in importanti raccolte d’arte della capitale mentre, dal 25 aprile, l’artista modenese sarà protagonista di una personale alla Galerie Schwab Beaubourg di Parigi».

«Portare finalmente Sergio Padovani nella sua città natale, dopo tappe importanti come quella romana, è per noi una grande soddisfazione», affermano Francesca Baboni e Stefano Taddei. «Dopo il passaggio su Roma, pensiamo che questo progetto possa segnare un forte consolidamento della sua maturità artistica e stilistica. Il Complesso di San Paolo è sembrato essere il luogo ideale per un artista che da sempre affianca il sacro ad una visionarietà laica arricchita da musica, pittura e suggestioni legate ad un immaginario antico».

«Il sostantivo Pandemonio – racconta Sergio Padovani – si è radicato in me non dal Milton di Paradiso perduto, ma da La franca sostanza del degrado del poeta mantovano Ivano Ferrari. La parola pandemonio è saltata fuori come minimo comun denominatore di un universo di immagini narrate, a volte anche crude e difficili da sopportare, che però testimoniavano il momento reale, non solo sociale e politico, ma anche estremamente mio… la mia confusione, il tormento di quei giorni sfocati, la pittura che dirompeva nella mia vita».

La mostra, realizzata con il sostegno di Integra Consulting Srl, è aperta gratuitamente al pubblico da mercoledì a venerdì 16.00-19.00, sabato e domenica 10.00-13.00 e 16.00-19.00, aperture straordinarie 31 marzo, 1 aprile, 1 maggio.

A seguire, il progetto espositivo sarà trasferito a Bassano del Grappa (VI), presso la sede della Fondazione THE BANK ETS – Istituto per gli Studi sulla Pittura Contemporanea, dove sarà presentato anche il catalogo pubblicato da Il Cigno GG Edizioni con i contributi critici di Cesare Biasini Selvaggi, Francesca Baboni, Stefano Taddei e ulteriori testi di approfondimento afferenti a diverse discipline.

Per informazioni: T. +39 335 7180804, info@fondazionethebank.orgwww.fondazionethebank.org.

Articolo precedenteAbbracciami Pirla, spettacolo di e con Fabrizio Bianchi e Alessandro Grima, diretto da Luca Rodella, in scena al Teatro Kopò di Roma
Articolo successivoGiuseppina Torre sarà in concerto a Minervino Murge e a Barletta