Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, inaugurazione delle nuove sale espositive

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, inaugurazione delle nuove sale espositive

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, inaugurazione delle nuove sale espositive – Venerdì 14 ottobre, alle ore 18.00, presso Palazzo Costabili, detto “di Ludovico il Moro”, a Ferrara in via XX Settembre 122, avrà luogo l’inaugurazione dei nuovi allestimenti del Museo Archeologico Nazionale.

 

Alla presenza del Direttore Regionale dei Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna, Carla Di Francesco, del Soprintendente per i Beni Archeologici Filippo Maria Gambari, del Direttore del Museo Caterina Cornelio, del Presidente della Provincia di Ferrara Marcella Zappaterra, del Sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani e del Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Massimo Maisto, verranno presentate le nuove quattro sale espositive che di fatto concludono la serie di iniziative di restauro e valorizzazione (con il recente allestimento della Sala delle Piroghe e della Sala degli Ori ed il restauro del Giardino neo-rinascimentale e del Giardino di Levante) iniziate negli anni Novanta e oggi arrivate a definitivo compimento.

 

Saranno inoltre presenti all’inagurazione il Prefetto Raimondo Provvidenza e l’Onorevole Dario Franceschini.

 

I nuovi spazi espositivi, situati al piano terra e mai aperti al pubblico in precedenza, si presentano con importanti novità soprattutto in materia di strumenti didattici e tecnologie della comunicazione nel tentativo di avvicinare il pubblico in un modo sempre più coinvolgente, emozionale e completo, all’esperienza museale.

–       una prima sala, interamente dedicata all’abitato di Spina, per la prima volta illustrata con dovizia di materiali che mostrano gli aspetti urbanistici, architettonici e sociali dell’insediamento deltizio. La sala, dotata di particolari attrezzature tecnologiche quali touch screen e video proiettori sincronizzati, viene animata da una proiezione di immagini su tre pareti che immerge il visitatore all’interno di scene di vita quotidiana delle popolazioni di Spina con suggestivi effetti tridimensionali;

–       una seconda sala con gli affreschi che raffigurano le storie di Giuseppe, realizzati dal Garofalo e da Dosso Dossi, dedicata ai culti e ai miti corredata da appositi video relativi ali argomenti trattati;

–       una terza sala con gli affreschi delle sibille e dei profeti sempre del Garofalo e del Dossi, dedicata ai popoli e alle scritture di Spina ed anch’essa integrata con contributi video;

–       una quarta sala, detta della “la Cappelletta”, ospita una delle due biblioteche virtuali e conclude il percorso a piano terra dedicato “alla città dei vivi” e rappresenta per il visitatore il trait-d’union con il piano superiore.

 

Le nuove sale completano quindi un percorso che prosegue al piano nobile, nucleo originario del Museo, interamente dedicato alla necropoli della città etrusca, che annovera capolavori della pittura vascolare attica, bronzi etruschi, preziosi oggetti di importazione da tutto il mediterraneo a cui si aggiungono i sontuosi gioielli esposti nella bellissima Sala degli Ori.

 

In fine un’ulteriore novità: l’apertura al primo piano di una zona relax, un vero e proprio salotto che permetterà ai visitatori di soffermarsi e vivere più a lungo il Museo grazie alla possibilità di approfondimenti didattici e tattili e nella quale hanno trovato posto anche il banco tattile, all’interno del percorso per non vedenti.

 

L’ingresso all’inaugurazione è aperto a tutti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi