Live painting performance e mostra della graphic novel Classici ambienti tossici all’Altrove Teatro Studio di Roma

PRESENTAZIONE, LIVE PAINTING PERFORMANCE E MOSTRA

della graphic novel

CLASSICI AMBIENTI TOSSICI

DI GARDUMS & KI (Gardums è Cristina Gardumi; Ki è Cristina Ki Casini)

BARTA EDIZIONI 

Moderano Luca Ralli e Alessio Trabacchini

Domenica 23 gennaio ore 17

Altrove Teatro Studio – Via Giorgio Scalia, 53 Roma  

Il 23 gennaio dalle ore 17.00, Cristina Gardumi, l’autrice del murales che accoglie da anni il pubblico dell’Altrove Teatro Studio, torna sul “luogo del delitto” per una giornata da trascorrere a tu per tu con il pubblico, all’insegna della condivisione di parole e immagini.

L’occasione è la prima presentazione romana della graphic novel Classici ambienti tossici edita da Barta edizionidisegnata proprio da Gardums e scritta dalla regista Cristina Ki Casini.

Chi non ha mai avuto problemi con la figura della Madre? Perché di questo racconta CLASSICI AMBIENTI TOSSICI, di questo e delle sue conseguenze.

Relazioni tossiche, ricordi, sessualità sovversiva, rielaborazione, sopravvivenza, fuga, accettazione e il disegno come incantesimo, che può trasformare il passato, trasfigurandolo inaspettatamente. Questi i temi che le opere sfacciatamente acrobatiche di Gardumi e le parole rimosse di Ki, affrontano dando forma ad una storia che è anche un prezioso album di foto di famiglia. Nel corso dell’evento Cristina disegnerà le dediche personalizzate sulle copie acquistate del libro, in un live painting insolito che coinvolgerà tutto il pubblico. Infatti, chi vorrà, potrà inviare all’indirizzo mail cristinagardumi@gmail.com le foto personali dei propri “classici ambienti” di famiglia, e l’artista interverrà su di esse in diretta, nel corso dell’evento.

Parallelamente alla presentazione e al live painting, nelle sale dell’Altrove si snoderà la mostra delle tavole originali. 

Si tratta di foto d’epoca, raccolte nel corso del tempo, su cui sono intervenuta inserendo con il disegno e la pittura nuovi elementi e personaggi, che con la loro sola presenza sono in grado di aprire nuovi livelli di lettura nell’immagine originale.” dice Gardumi. “Le mie creature portano la propria identità animale come una maschera, che nasconde, sì, ma così facendo rende più potente la loro gestualità. Credo che la mia formazione teatrale emerga anche da questo approccio compositivo alle immagini. Per questo non c’è luogo più adatto di un teatro in cui mostrare il mio lavoro.”