Le Rockstars dell'Arte in mostra a Peschiera del Garda - Oltre le colonne

Le Rockstars dell’Arte in mostra a Peschiera del Garda

Le Rockstars dell’Arte in mostra a Peschiera del Garda

Le Rockstars dell’Arte in mostra a Peschiera del Garda – Sabato 7 Luglio i più grandi interpreti della Pop Art e della Street Art si “sfideranno” nelle sale della Palazzina Storica del comune veronese. In mostra oltre 30 opere di Keith Haring, Roy Lichtenstein, Andy Warhol

Sarà intitolata le “Rockstars dell’Arte” la mostra organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Peschiera del Garda e curata da Matteo Vanzan di MV Eventi, aperta al pubblico da sabato 7 luglio fino a domenica 16 settembre 2018 presso la Palazzina Storica. I più grandi interpreti della Pop Art e della Street Art si sfideranno in un alternarsi di opere su carta firmate, pennarelli su materiali di recupero, fotografie, video, manifesti, disegni, fumetti e molto altro per ripercorrere le tappe fondamentali di un rinnovamento culturale globale che ha rivoluzionato il modo di concepire l’opera d’arte confrontandosi con la cultura di massa e con i mass media.

“Peschiera del Garda si appresta a inaugurare una nuova stagione espositiva, ricchissima di appuntamenti”, afferma l’assessore alla Cultura, Elisa Ciminelli. “Prosegue, per il quarto anno consecutivo, la collaborazione con l’agenzia Mv Eventi, che già ha proposto al nostro Comune eventi culturali e artistici unici nel loro genere. Si partirà domenica 10 giugno con la mostra intitolata “I piranha non sentono i sapori” che rimarrà aperta al pubblico fino al 1° luglio a ingresso libero e gratuito, per poi passare – dal 7 luglio al 16 settembre – all’esposizione “Rockstars dell’arte”, che porterà a Peschiera i nomi celebri di Haring, Lichtenstein e Warhol. Non cambia la location delle mostre, che come sempre si svolgeranno all’interno delle sale storiche della Palazzina del Comando di Piazzaforte, in Parco Catullo. Parallelamente a queste mostre principali, la Sala Conferenze ospiterà alcune mostre “collaterali” a ingresso gratuito. La scelta di insediare nel nostro Comune eventi di prestigio legati al mondo dell’arte e della cultura, nel senso più ampio del termine, risponde ad un unico obiettivo: far comprendere che Peschiera non è solo una rinomata meta turistica dalle encomiabili attrattive paesaggistiche e mondane, ma è anche una cittadina con potenzialità culturali straordinarie, che necessitano di essere valorizzate al meglio. Ciò significa integrare l’offerta turistica arilicense, innalzandone chiaramente il livello culturale e, soprattutto, dare valore alle nostre eccellenze. Promuovere simili eventi ci consente di ampliare il bacino dei nostri visitatori, accogliendo e coinvolgendo fasce di pubblico estremamente eterogenee, dando spessore e importanza al turismo culturale e, al contempo, soddisfare le esigenze dei nostri cittadini”.

In un complessivo di oltre 30 opere non verranno descritte solamente le opere d’arte e le vite dei protagonisti attraverso un importante apparato didattico, ma anche la rivoluzione nel concetto stesso di opera d’arte perché, come spiega il curatore Matteo Vanzan, “proprio per l’affermarsi su scala mondiale di queste vere e proprie rockstars, famose come Mick Jagger e John Lennon, si è venuto a creare un nuovo rapporto con l’opera d’arte allargando la sfera del desiderio di possesso di qualsivoglia cimelio legato alla firma di queste personalità. Come i collezionisti di Elvis Presley, gli amanti dell’Arte contemporanea vogliono circondarsi di oggetti che, proprio in virtù della firma autografa, si trasformano in opere d’arte. D’altra parte il dollaro non è altro che una moneta come l’euro, ma una volta firmato da Warhol diventa un’opera d’arte di Andy Warhol a tutti gli effetti”.

Keith Haring, esprimendo concetti universali, come nascita, morte, amore, sesso e guerra, con il primato della linea e l’immediatezza del messaggio, è stato in grado di richiamare l’attenzione di un vasto pubblico, trasformando il proprio segno nel linguaggio visivo del XX secolo. Le sue opere sono invase da bambini, cani, angeli, mostri, televisori, computer, figure di cartoon in una iconografia che vuole veicolare messaggi immediati su diversi temi della sua epoca.

Dipinge su tutti i materiali: dagli iniziali disegni con il gesso bianco su carta nera incollata sui manifesti pubblicitari nelle stazioni della metropolitana di New York, passa a dipingere sulla plastica o su legno, utilizzando anche oggetti di scarto e materiali di recupero, passando vari murales che realizza ovunque. Diversamente Roy Lichtenstein scelse la tecnica del linguaggio puntinato, utilizzato per realizzare i fumetti, non solo per esplorare un altro metodo espressivo ma anche per criticare la tecnica pittorica dell’astrattismo e per trovare una nuova forma artistica che coniugasse arte e cultura popolare. È un modo nuovo di contaminare l’Arte, con stili presi dalla cultura “bassa”. Sono fumetti, è vero, ma realizzati con la visione propria dell’artista. La sua ricerca espressiva è una delle espressioni più originali della cultura americana del secondo dopoguerra che, utilizzando una tecnica meccanica per trasformarla in un lavoro manuale artistico, ottiene un’opera d’arte da un disegno ripetitivo. La ripetizione è poi alla base delle opere di Andy Warhol, artista istrionico che, sai sobborghi di Pittsburg, scala le vette dell’arte internazionale diventando ben presto il re di New York. Prendendo immagini pubblicitarie di grandi marchi commerciali, o immagini d’impatto come incidenti stradali o sedie elettriche, riesce a svuotarle di ogni significato rendendole quasi banali. La sua arte, che portava gli scaffali di un supermercato all’interno di un museo o di una mostra d’arte, è provocatoria: secondo il più grande esponente della Pop Art l’arte doveva essere “consumata” come un qualsiasi altro prodotto commerciale. In queste sue opere non vi è alcuna scelta estetica, ma neppure alcuna intenzione polemica nei confronti della società di massa. Semplicemente documentano l’universo visivo in cui si muove la “società dell’immagine” e dei consumi.

“Quest’anno abbiamo voluto focalizzare l’attenzione sui tre artisti che più hanno segnato l’immaginario collettivo per spunto creativo” conclude Vanzan “tessendo come filo conduttore il concetto di libertà, un’attitudine propria al linguaggio del Novecento e che vede in queste tre personalità la ricchezza culturale fondante di molti artisti a seguire celebrati dalla critica. Pensiamo anche solo ai primi interventi metropolitani di Haring che, inseguito dalle forze dell’ordine, creava nelle stazioni di New York un vero e proprio museo nell’underground inizialmente ripudiato ma, come nel caso di Warhol, successivamente osannato”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi