La Banda musicale della Polizia di Stato protagonista ad Assisi nelle celebrazioni per i 150 anni dell’istituto Serafico

La Banda musicale della Polizia di Stato sarà protagonista ad Assisi nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell’istituto Serafico. Il concerto, che si inserisce nella cornice de “Il Cortile di Francesco” organizzato dal Sacro Convento di Assisi, si terrà nella Basilica Superiore di San Francesco domani 18 settembre alle 21.00 alla presenza del Vice capo vicario della polizia Prefetto Maria Luisa Pellizzari, del Prefetto di Perugia Armando Gradone, del Questore di Perugia Antonio Sbordone, del Vescovo Mons. Domenico Sorrentino, dell’avvocato Francesca Di Maolo Presidente dell’Istituto Serafico ed altre autorità civili e religiose.

La Polizia di Stato è da sempre vicina alle cause benefiche attraverso iniziative istituzionali a favore di ammalati, disabili, famiglie in difficoltà, bambini meno fortunati. Ma sono innumerevoli i gesti di concreta solidarietà che quotidianamente vengono compiuti dagli equipaggi sul territorio, segno di un “sentire” diffuso tra il personale.

Domani sera, nella emozionante cornice della Basilica Papale, la Polizia di Stato vuole esprimere questi sentimenti di solidarietà attraverso la musica, il linguaggio universale che raggiunge tutti senza distinzioni di opportunità. Continua così un percorso che ha visto la Banda musicale esibirsi per associazioni, onlus ed enti no profit che si occupano di disabilità, portando gioia alle persone più fragili, suonando nei luoghi più belli d’Italia dove la storia, la cultura e la natura hanno fatto da cornice a valori che rappresentano l’identità della Polizia di Stato.

—— 

Fondata a Roma nel 1928 con elementi provenienti dal Corpo delle Guardie di pubblica sicurezza, la Banda è nata in un periodo storico dominato da un profondo desiderio di rinnovamento e di ricerca nell’ambito degli strumenti a fiato. Primo direttore fu Giulio Andrea Marchesini, autore di Giocondità che è la marcia d’ordinanza della Polizia di Stato.  Composta da 103 elementi, guidati da un maestro direttore e da un maestro vice direttore, tutti provenienti dai più prestigiosi conservatori e selezionati attraverso rigorosi concorsi nazionali, svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, partecipando alle più importanti celebrazioni istituzionali.

Nella storia della Banda musicale della Polizia di Stato si segnalano collaborazioni con artisti di fama internazionale come Mariella Devia, Katia Ricciarelli, Amii Stewart, Vincenzo La Scola, Cheryl Porter, Stefano Bollani, Leon Bates, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Gianni Morandi, i Pooh e Renato Zero.  Le qualità timbriche, l’ottima fusione e l’omogeneità del suono, lo spiccato livello virtuosistico e la straordinaria duttilità interpretativa, nei diversi generi musicali qualificano oggi la Banda Musicale della Polizia di Stato tra le migliori Orchestre di fiati a livello internazionale.