Il fotografo Horia Manolache alla XIII edizione della Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea e Design di Firenze

Nel periodo 23-31 ottobre 2021, presso la Fortezza da Basso di Firenze, avrà luogo la XIII edizione della Florence Biennale – Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea e Design di Firenze, biennale che riunisce su una superficie di 11000 mq oltre 450 artisti provenienti da circa 65 paesi che presentano oltre 1000 opere. Il tema dell’edizione di quest’anno della Biennale è Eternal Feminin. Concepts of feminity in contemporary art and design.

L’Istituto Culturale Romeno di Bucarest tramite l’Accademia di Romania in Roma sostiene all’edizione di quest’anno della Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea e Design di Firenze la partecipazione del fotografo romeno Horia Manolache, selezionato dagli organizzatori della Biennale per presentare due dei suoi lavori fotografici: Maria II of Portugal e Leopold Duke of Brabant. Le due opere fotografiche fanno parte del progetto Repainting History/ Ridipingere la Storia, progetto di cui Horia Manolache dichiara: „Ho continuato a fotografare persone sradicate a causa della guerra, della povertà o della mancanza di prospettive e sono arrivate, da rifugiate, in paesi molto diversi dal loro di origine. Ho quindi completato il loro viaggio fisico con l’opportunità di viaggiare nel tempo, questa volta da re e regine. I classici ritratti dei leader politici europei sono sostituiti da immagini d’immigranti che indossano abiti reali e provocano lo spettatore a un esercizio mentale: c’è qualcosa che non va in queste immagini? Cerco di stimolare la mente dello spettatore, liberandola dalle barriere infondate dei pregiudizi e confrontandola con una realtà alternativa per incoraggiare una verità contemporanea: noi versus loro.

Maggiori informazioni sulla Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea e Design si trovano sul sito: https://www.florencebiennale.org/.

Horia Manolache, fotografo e regista, con uno stile narrativo, originale e grafico, cattura la bellezza quotidiana lasciando spazio allo spettatore per interpretare la propria storia. Le sue opere possono essere viste in riviste e gallerie d’arte. Ha realizzato i progetti fotografici:”Viața din sens opus” / “La vita dal senso contrario”, “The chairs”, “The prince and the pauper”, “Mâini de copii” / “Mani di bambini”, “Ultimele fabrici comuniste” / “Le ultime fabbriche comuniste”, “Repainting history”. Ha organizzato la gala di beneficenza “Mână cu mână” / “Mano per mano” all’Hilton Garden Inn di Bucarest. Le sue opere sono state pubblicate su Rangefinder, Huffington Post, METRO News, CNN Arabic e viste alla Corden Potts Gallery, Rayko Gallery,4×5 Gallery, Espace Beaurepaire, Le Magasin de Jouets Galerie, Photoplace Gallery, De Young Museum San Francisco, France Cultural Center (Thailandia) ecc. Il libro”The prince and the pauper”, pubblicato nel 2017 è stato nominato nello stesso anno per il premio “ViennaPhotoBookAward”.

Laureato presso l’Accademia d’Arte di San Francisco nel 2018, ha ottenuto una serie di riconoscimenti e premi onorifici come:; Prix de la Photographie Paris (2014); International Photography Award– IPA: 1st Place / Editorial/Personality (2015); 1st Place Winner at Longford art photograph y(2015); Forbes 30 under 30 (2016); Lorenzo il magnifico award– Florence Biennale (2017); selezionato per The Eddie Adams Workshop (2018); Unica Social Implication Award (2019) e per Felix Schoeller Photo Award 2019. Maggiori informazioni sull’attività del fotografo Horia Manolache sono disponibili sul sito:https://www.horiamanolache.com/