I Malavoglia di Giovanni Verga in scena al Quirino di Roma

I Malavoglia di Giovanni Verga in scena al Quirino di Roma

I Malavoglia di Giovanni Verga in scena al Quirino di Roma – Dall’8 al 20 novembre al Teatro Quirino di Roma andrà in scena i Malavoglia, il celebre romanzo di Giovanni Verga, con Ileana Rigano, Rosario Minardi, Vitalba Andrea, Francesca Ferro, Nadia De Luca, Vincenzo Volo, Rosario Marco Amato, Pietro Barbaro, Mario Opinato, Ciccio Abela, Giovanni Arezzo, Giovanni Fontanarosa, Verdiana Barbagallo, Gianmaria Aprile e   Gianni Sinatra. La regia è affidata a Guglielmo Ferro.

 

I Malavoglia, che la società Progetto Teatrando produce per la stagione 2016/2017, rientra nella missione culturale che la Produzione si è prefissata negli ultimi anni, con il preciso intento di inserirsi nel mercato teatrale italiano con un progetto drammaturgico che mira all’approfondimento della letteratura siciliana e verghiana nello specifico.

Dopo il Mastro Don Gesualdo, la messinscena de I Malavoglia è la seconda tappa della trasposizione teatrale dei romanzi del ciclo dei Vinti di Giovanni Verga.

L’impianto scenografico dello spettacolo rimodula l’iconografia del periodo come nel poetico bianco-nero de La Terra Trema di Luchino Visconti.

Il patriarca Padron ‘Ntoni, protagonista verghiano che fa della famiglia e del senso del dovere i suoi fondamenti di vita, è interpretato da Enrico Guarneri, attore che ha magistralmente conquistato il favore di un vasto pubblico. Guarneri, dotato di una innata vis comica e tecnicamente assurto al ruolo di attore poliedrico, si è dimostrato, nel corso di questi anni, capace di passare dal registro drammatico a quello grottesco con grande maestria interpretando molti dei personaggi che hanno fatto la storia della drammaturgia teatrale siciliana ed europea. È dotato quindi di tutte le qualità fisiche ed interpretative necessarie a incarnare perfettamente Padron ‘Ntoni ne I Malavoglia, il saggio popolare, austero, caparbio, che ha l’unico dovere di ripagare un debito, assicurare da mangiare alla propria famiglia e contrastare il fato avverso con tutte le forze che ha in corpo.

La messinscena dello spettacolo è affidata al regista Guglielmo Ferro, figlio di Turi Ferro, protagonista de I Malavoglia la prima volta nel 1982, che, da anni, si dedica alla drammaturgia contemporanea adottando una tecnica registica di respiro europeo. La sua profonda conoscenza del teatro contemporaneo, il gusto minimalista e moderno delle sue messinscene sono indispensabili per un’operazione culturale che mira, nel rispetto assoluto del valore storico-letterario del testo verghiano, ad una trasposizione più attuale de I Malavoglia.

 

Note di regia 

La regia centra il racconto sugli eventi più significativi che segnarono la vita della Famiglia Toscano di Acitrezza, lì dove, più di ogni altro passaggio narrativo, Verga punta a violentare ogni speranza di emancipazione dei suoi personaggi.

Il cinismo di quello che passa alla storia come l’ideale dell’ostrica verghiano assume ne I Malavoglia i toni di un’oscura fatalità, di un imponderabile ancestrale e indomito destino. In questa visione la riscrittura teatrale pone al centro dell’azione drammaturgica la Natura, scandendo lo spettacolo nei passaggi narrativi delle tempeste, delle morti in mare: la tempesta dove si perde il carico dei Lupini e muore Bastianazzo, la morte di Luca su una nave in guerra, la tempesta dove Padron ‘Ntoni si ferisce ed è poi costretto a vendere la Provvidenza.

Tutte le figure dei popolani, presenti nel romanzo, come personaggi socialmente riconducibili a quel periodo storico, sono stati sradicati dal contesto narrativo per diventare figure-ombra, senza nome, senza identità, voci della natura che amplificano la forza ingombrante esercitata sulle vicende dei protagonisti.

L’impianto scenico è una zattera, ispirata alla zattera della Medusa di Géricault, simbolo di una zolla di vita in balìa della Natura. È sulla zattera che la morte impera, e il destino avverso ai Malavoglia lascia che la violenza umana sfoghi in cannibalismo.

Guglielmo Ferro 

 

 

 

 

ORARI SPETTACOLI

da martedì a sabato ore 21

domenica ore 17

giovedì 10 e mercoledì 17 novembre ore 17
sabato 19 novembre ore 17 e ore 21

 

INFO

botteghino 06.6794585

mail biglietteria@teatroquirino.it

segreteria 06.6783042 int.1

mail segreteria@teatroquirino.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi