“Filling the music” è il primo coro pop di lingua italiana formato da bambini e ragazzi che ha totalizzato 100 milioni di visualizzazioni su Youtube

“Filling the music” è il primo coro pop di lingua italiana formato da bambini e ragazzi che ha totalizzato 100 milioni di visualizzazioni su Youtube

Filling the music è il primo coro pop di lingua italiana formato da bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e i 18 anni, un progetto nato tra Italia e Svizzera nel settembre del 2016, con l’intento di valorizzare giovanissimi cantanti.

Il coro interpreta cover in tempo reale dei più grandi successi del momento: da Gabbani a Baby K, dai Clean Bandit ai Modà, da Vasco a Ligabue. I video realizzati e presenti nel loro canale YouTube hanno totalizzato 100 milioni di visualizzazioni ottenendo il plauso di artisti come Vasco RossiLigabue, Gabbani, Mahmood, Ghali, J – Ax, Fedez, Federica Carta, Shade, Takagi e Ketra.

La direttrice artistica Tamara Brenni ha saputo innestare l’energia, la spontaneità e l’autenticità dei giovanissimi interpreti su un repertorio pop moderno e contemporaneo, con incursioni nel rap e nella trap, ottenendo un mix unico e originale. Ecco il video di presentazione del coro: https://www.youtube.com/watch?v=KkkEVHsTV-Y&feature=youtu.be

La direttrice Tamara Brenni racconta l’aneddoto da cui è nata l’idea di dar vita a Filling the Music”, un episodio che sottolinea anche la determinazione e la voglia che hanno questi ragazzi di mettersi alla prova: “il primo ingaggio importante è stato quello di cantare l’inno nazionale svizzero durante la partita ufficiale di calcio Svizzera-Moldavia. Tutti eccitati per questa opportunità, i giovanissimi coristi hanno messo il massimo impegno per prepararsi quando è arrivata la delusione: gli organizzatori avevano fatto un passo indietro perché sembrava scortese far cantare dal vivo l’inno svizzero e ricorrere a una registrazione audio per quello moldavo. Invece di abbatterci, abbiamo rilanciato: ‘Cantiamo anche quello moldavo’. E così, nel giro di cinque giorni, questi giovanissimi cantanti hanno imparato l’inno in lingua moldava e la loro doppia esibizione è stata un vero successo”.

Alla base di “Filling the music” c’è l’approccio maieutico applicato dalla direttrice artistica: “Ciascuno è chiamato a esprimere le proprie qualità e i propri talenti in funzione e nel rispetto del gruppo – spiega la direttrice -. L’obiettivo non è emulare e scimmiottare gli adultima interpretare ogni brano secondo le proprie capacità e potenzialità, mantenendo la freschezza e la spontaneità dei bambini. L’impegno, la fatica, la gioia, le difficoltà, le paure, i successi di un gruppo eterogeneo come quello dei coristi di “Filling he music” sono parte di un vero e proprio progetto educativo incentrato sulla costruzione e la valorizzazione del talento e sulla capacità di creare ed essere un vero gruppo. “

“Filling the music” – conclude Tamara Brenni – è un progetto family friendly: nasce infatti proprio con l’intento di rendere accessibili e idonee le canzoni dei “big” anche ai bambini più piccoli, ponendo particolare attenzione al testo e alle immagini. Infatti, i bambini e i ragazzi oggi non si limitano più ad ascoltare la musica ma preferiscono ‘vederla’ attraverso i videoclip”.

Attualmente sul canale YouTube di “Filling the music”, che ha raggiunto 100 milioni di visualizzazioni e conta più di 215 mila iscritti, sono caricati diversi video, tra cui il videoclip della cover di Volare” di Rovazzi, che è stato primo in tendenza su YouTube in Italia e in Svizzera per un intero week end (2, 3 e 4 giugno 2017) e sta per raggiungere 30 milioni di visualizzazioni.

il più visto è il videoclip della cover di “Occidentali’s Karma” di Gabbani con poco meno di 35 milioni di visualizzazioni (oltre il quadruplo della più riuscita delle parodie, ovvero quella di Favij). I videoclip di G come di giungla e di Un mondo migliore sono stati condivisi sulle pagine Facebook ufficiali di Ligabue e Vasco Rossi, lo stesso è accaduto per “Cara Italia” “Sconosciuti da una vita”, “Soldi”, “Senza farlo apposta” e “JAMBO”.

La collaborazione con la Federazione nazionale di calcio svizzera si è ripetuta in altre due occasioni ufficiali: nel mese di giugno e di novembre del 2018, i bambini e i di ragazzi “Filling the music” sono stati infatti chiamati a cantare l’inno giapponese e quello del regno del Qatar in partite ufficiali della nazionale di calcio svizzera. Nel frattempo, si sono susseguiti progetti e nuove esperienze, come i duetti con Mahmood Sergio Sylvestre, i live in piazze gremite di pubblico e la partecipazione come ospiti fissi alla trasmissione “Fuoriclasse” in onda in prima serata il sabato sera alle 20,45 su La1 della RSI, la televisione di stato svizzera.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi