Festival della Sostenibilità, il gran finale online

Festival della Sostenibilità: giovedì 29 ottobre il gran finale è online, con Le Buone Re-Azioni, Le Imprese Artiche di Best Explorer e ContestEco
L’appuntamento si propone di comprendere meglio gli obiettivi dell’Agenda 2030 in tempi di CoronaVirus. Nel contesto del workshop Arctic Sail Expeditions – Italia presenterà un racconto/intervista dal titolo Le Imprese Artiche di Best Explorer. Al termine la consegna dei riconoscimenti relativi al contest artistico ContestEco – oggi Premio Metro News 2020 – e il Premio Rinnovabili.it 2020 alla Start Up più creativa e innovativa che ha partecipato al Festival della Sostenibilità.

Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico “Estate Romana 2020 – 2021 – 2022″, fa parte di Romarama 2020, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE.
Il Festival ha inoltre ricevuto un contributo della Regione Lazio.

IL FESTIVAL – Gran finale per Fai la differenza, c’è… il Festival della Sostenibilità, il ricchissimo contenitore di progetti ed eventi che si è posto, nelle ultime cinque settimane, l’obiettivo di diffondere, in particolare tra i giovani, per mezzo di attività educational e green, i concetti di sviluppo sostenibile e di attenzione per l’ambiente. La kermesse green si concluderà giovedì 29 ottobre, dalle ore 9:45 alle ore 13:30, in modalità a distanza, come previsto da DPCM del 24/10/2020, e verrà condiviso per il largo pubblico sulla pagina Facebook di Fai la differenza, c’è… il Festival della Sostenibilità, con una piccola rappresentanza organizzativa in presenza presso Spazio Field – Palazzo Brancaccio. L’evento partirà con l’incontro/workshop Le Buone Re-Azioni, proseguirà con il racconto/intervista dal titolo Le Imprese Artiche di Best Explorer, e si concluderà con la consegna dei riconoscimenti del contest artistico ContestEco.

IL WORKSHOP “LE BUONE RE-AZIONI” – L’incontro/workshop Le Buone Re-Azioni è condotto da Mauro Spagnolo – consulente RAI e Direttore di Rinnovabili.it, partner dell’iniziativa – e coadiuvato da Stefano Bernardini – Presidente A.S.D. SUNRISE 1 e dal giornalista Gianluca Scarlata. L’appuntamento si propone di promuovere un cambiamento culturale nello stile di vita di tutti i giorni e di comprendere meglio gli obiettivi dell’Agenda 2030. Si parlerà di futuro, di economia circolare e sviluppo sostenibile dopo l’esperienza del Coronavirus. Nel contesto del workshop Arctic Sail Expeditions – Italia presenterà un racconto/intervista dal titolo Le Imprese Artiche di Best Explorer. Questa narra l’esperienza di navigazione di Best Explorer e del suo equipaggio durante le Spedizioni tra i ghiacci delle regioni Artiche (Passaggio a Nord Ovest, Passaggio a Nord Est e Periplo dell’Oceano Artico e del Polo Nord), utilizzando quattro canali di comunicazione: video/foto, musica/immagini, lettura e intervista-racconto dei protagonisti. Seguiranno le conclusioni dell’Expedition Leader Nanni Acquarone.

CONTESTECO – Seguirà la proclamazione dei vincitori di ContestEco, il concorso d’arte e design sostenibile più eco del web – oggi Award Metro News 2020 e la consegna dei riconoscimenti. Due le giurie chiamate a votare gli oltre venti appassionati di riciclo, tra artisti e amatori, di quest’anno: una social e una qualificata, quest’ultima presieduta da Valeria Arnaldi, giornalista di arte e cultura, scrittrice e curatrice di mostre. Al termine, anche la consegna dei riconoscimenti alla Start Up più creativa e innovativa che ha partecipato al Festival della Sostenibilità secondo Rinnovabili.it 2020. Pur realizzando l’evento in modalità a distanza – come prevede il DPCM – sarà creato uno studio web/tv proprio nel “recuperato” Spazio Field Brancaccio il nuovo spazio eventi e polo espositivo inserito nella suggestiva cornice di Palazzo Brancaccio, risultato di uno straordinario intervento di recupero e riqualificazione architettonica dove arte moderna e contemporanea, cultura e storia rivivono nel cuore di Roma.

SPAZIO FIELD – Esistono operazioni di recupero, materiale e spirituale, che si stagliano sull’orizzonte culturale della città di Roma e che riempiono di gioia i cuori dei romani che amano la loro città e che la vedono costantemente mortificata nella propria bellezza. Per Spazio Field si può parlare sicuramente di una di queste iniziative. Spazio Field si trova all’interno dell’ultima dimora patrizia sorta nel centro storico di Roma: Palazzo Brancaccio, edificio costruito a più riprese dal 1879 fino al 1922 sul Colle Oppio e affacciato su Via Merulana. L’intero primo piano, l’ammezzato nobile, di circa 1700 metri quadrati, ha ospitato dal 16 giugno 1958 al 31 ottobre 2017 il Museo nazionale d’arte orientale Giuseppe Tucci, prima che lo stesso fosse trasferito all’EUR presso il costituendo Museo delle Civiltà. Dopo l’addio del Museo Nazionale d’Arte Orientale, lo spazio d’arte è rimasto ad accumulare polvere fino a quando, nel 2019 è stato recuperato e restituito al patrimonio culturale e artistico della Città Eterna.