Démodé, il primo singolo di Tommaso Cesana

Démodé, il primo singolo di Tommaso Cesana – E’ fuori da pochi giorni il primo singolo di Tommaso Cesana prodotto da M&M-D&G Label seguito vocalmente dal noto vocal coach Massimo Guidi.

Il giovane cantautore veneto esce in tutte le piattaforme con ” Démodé” un brano fresco e che racconta la storia di un ragazzo dei nostri giorni che nonostante la propria età vive l’amore un pò ” Stile Dèmodé”.

Nonostante i litigi i battibecchi e le mille storie “torni sempre tu.

E torni sempre tu, e torni sempre tu”

 

“… non guardiamo agli altri siamo

belli ma grezzi come dei diamanti

smettila di urlarmi contro

Sei l’unica lo sai

che io non mento

al massimo poi sfasato e me ne pento…”

Questo è il primo singolo di una serie di brani che il giovane Cantautore sta preparando da mesi.

Tommaso Cesana ha iniziato a fare musica molto giovane , scrivendo i primi testi all età di 12 anni.

A 14 inizia a produrre i primi arrangiamenti per i suoi pezzi , passando dall inglese all italiano .

A 16 anni è stato chiamato da radio company per cantare al loro evento a Padova davanti a 70.000 persone.

Quest’ estate ha partecipato al provino di amici a Roma.

Démodé

Oggi mi sveglio da solo

Ma domani non lo so e ti aspetto

sai ci provo ad essere come vuoi.

Tu lo sai che perdo tempo nei discorsi con te

nessuno dei due è perfetto ma ricorda che

 

Suona un po’ banale

ma non posso fare a meno di te

ma sono stile demodé

e sarà quel che sarà.

Ti prego puoi restare quel secondo di più,

nonostante 1000 storie torni sempre tu.

E torni sempre tu, e torni sempre tu

 

Non guardiamo al resto

non guardiamo agli altri siamo

belli ma grezzi come dei diamanti

smettila di urlarmi contro

Sei l’unica lo sai

che io non mento

al massimo poi sfasato e me ne pento

al massimo me ne vado

poi torno e se potessi io ti darei il mondo

morale della favola se lei piange vuol dire amala

E se stronza vuol dire cercala

E se si stacca tu prendila e dimostrarle

che la vuoi e nessuno è perfetto

ma ricorda che

 

Suona un po’ banale

ma non posso fare a meno di te

ma sono stile demodé e sarà quel che sarà.

Ti prego puoi restare quel secondo di più,

nonostante 1000 storie torni sempre tu.

E torni sempre tu, e torni sempre tu

 

E io non so come finirà ma lo sai te

ci chiediamo sempre come va

anche se sappiamo che non va bene

se non sei con me

e io con te mandami

a la posizione che ti raggiungo dove sei

 

Suona un po’ banale

ma non posso fare a meno di te

ma sono stile demodé

e sarà quel che sarà.

Ti prego puoi restare quel secondo di più,

nonostante 1000 storie torni sempre tu.

E torni sempre tu, e torni sempre tu