Daniela Spalletta e Giovanni Mazzarino presentano in concerto il nuovo album “Sikania”

Daniela Spalletta e Giovanni Mazzarino presentano in concerto il nuovo album “Sikania”

Daniela Spalletta e Giovanni Mazzarino presentano in concerto il nuovo album “Sikania” – Lunedì 22 gennaio alle ore 18, presso il Fazioli Showroom di Milano, sarà presentato live ufficialmente “Sikania, il nuovo progetto discografico di due musicisti siciliani doc: la cantanteDaniela Spalletta e il pianista e compositore Giovanni Mazzarino. Uscito con l’etichetta Jazzy Records lo scorso dicembre, il disco è stato inciso nel pluripremiato studio Artesuono del Sound Engeneer Stefano Amerio, insieme a tre talentuosi protagonisti della scena jazz nostrana: Francesco Patti al sassofono tenore, Gabriele Evangelista al contrabbasso e Alessandro Paternesi alla batteria. Per il primo live a Milano, accanto a Patti vi saranno il contrabbassista Alberto Fidone e il batterista Giuseppe Tringali.

Ideato e prodotto da Jazzy Records con il supporto di MiBACT e SIAE nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura (Ed. 2016)”, “Sikania” prende nome dall’antico toponimo della Sicilia, ed è un viaggio sentimentale e musicale nell’isola, nei suoi luoghi, nelle sue atmosfere, nella sua storia ricca di vicende e di contrasti. Un percorso musicale attraverso la profonda ispirazione che la natura e la cultura, la storia e l’identità di questa terra suscitano nell’animo di chi, percorrendone i sentieri, sa coglierne le innumerevoli sfumature emotive.

Il progetto si sviluppa a partire da una serie di composizioni originali per quartetto firmate e arrangiate da Giovanni Mazzarino, musicista originario di Messina e che ha sempre trovato nella Sicilia profonda ispirazione per la sua musica, sulla quale la straordinaria vocalist Daniela Spalletta canta, con virtuosismo mai fine a se stesso, testi in dialetto da lei appositamente scritti per il progetto. In alcune parti il canto del tema vero e proprio lascia spazio al vocalese, di cui la Spalletta è assoluta maestra, facendo emergere nel lavoro quasi il senso di un antico coro greco.

Le 9 tracce dell’album sono concepite in forma di Suite ed esplorano in più direzioni la “sicilianità” fatta di personaggi iconici (A Basilissa, la “bella donna”), credenze religiose e tradizioni (Li santi e li fedeli), o a luoghi-archetipo della Sicilia (Sophiana): vita vissuta, condivisa, raccontata, a volte soltanto immaginata. La forza e la passionalità, gli scenari a tinte forti, i caratteri delle persone sono strettamente connessi ai luoghi: la musica di Mazzarino, evocativa e intrisa di malinconia, restituisce tutto questo con intensità ed eleganza, e grazie alla tavolozza vocale della Spalletta trova nuove occasioni espressive, sfumature e sensazioni emotive molto intense.

Il dialetto siciliano è una vera e propria lingua, e pertanto non è stato scelto solo come “omaggio” alla terra dei protagonisti di questo disco, ma per un preciso recupero filologico di valorizzazione degli elementi più fortemente identitari della Sicilia: la parola-storia, come nella più tipica tradizione orale, ciò che oggi chiameremmo “storytelling”.
La Jazzy Records ha voluto inserire nel libretto del cd la traduzione a fronte dei testi in siciliano, per consentire a chiunque di apprezzare la magia del canto dialettale, e ha affidato l’aspetto visivo del disco a un suo collaboratore storico, Paolo Galletta, che ha realizzato l’intero corredo fotografico e video.

Giovanni Mazzarino, nato a Messina nel 1965, pianista, compositore e arrangiatore, vive tra la Sicilia e Milano (è titolare della cattedra di pianoforte jazz presso il Conservatorio A. Corelli di Messina). Ha inciso 20 album a proprio nome e partecipato a oltre 50 dischi come sideman. Attivo sin dalla metà degli anni Ottanta, ha affiancato per molto tempo il grande vibrafonista Enzo Randisi, e ha avuto modo di confrontarsi ancora giovanissimo con alcuni nomi storici del jazz italiano, come Franco Cerri, Gianni Basso, Enrico Rava, Paolo Fresu, Flavio Boltro e tanti altri ancora. Tra le sue collaborazioni più importanti, ricordiamo quelle con artisti internazionali quali Randy Brecker,Tom Harrell, Steve Swallow, Adam Nussbaum Steve Grossmann ,Lester Bowie, Mark Murphy, e tanti altri ancora.

Daniela Spalletta, laureata in Canto jazz al Conservatorio “V. Bellini” di Palermo, ha studiato anche pianoforte e canto lirico e barocco. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo album da leader, “D/Birth”, insieme al trio musicale siciliano Urban Fabula, con Max Ionata come special guest. “D/Birth” è stato selezionato tra i dischi dell’anno della rivista Jazzit. Nel 2014 ha scritto insieme a Norma Winstone i testi del disco “Willow: a jazz suite”, un lavoro filologico sulla musica di Steve Swallow, mentre nel 2016 è stata ospite dell’album “Shemà” del pianista pugliese Donatello D’Attoma e della compilation “Janis” dedicata a Janis Joplin e allegata all’Espresso di Repubblica. È docente di Canto jazz presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Arturo Toscanini” di Ribera (AG).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi