Cramum partecipa alla DesignWeek di Milano con la mostra “(LA) NATURA (E’) MORTA?” e le opere inedite di Fulvio Morella e Bloom&me

Cramum partecipa alla DesignWeek 2021 di Milano con la mostra internazionale “(LA) NATURA (E’) MORTA?” a cura di Sabino Maria Frassà. La mostra apre il 7 settembre presso la prestigiosa Villa Mirabello, aperta per l’occasione al pubblico dopo il restauro.

La mostra è il momento conclusivo dell’ottava edizione premio Cramum che si caratterizza per affiancare ai giovani artisti finalisti – nominati tra meno di un mese – artisti di fama internazionaleQuest’anno la mostra si pregia così dell’adesione di 12 noti artisti fuori concorso: il duo Bloom&me (Carolina Trabattoni e Valeria Vaselli), Ludovico Bomben, Letizia Cariello, Gianluca Capozzi, Michele De Lucchi, David LaChapelle, Alberto Emiliano Durante, Ingar Krauss, Fulvio Morella, Paola Pezzi, Elena Salmistraro, Carla Tolomeo.
Tra le opere in mostra anche 
i due progetti artistici inediti di Bloom&Me e di Fulvio Morella incentrati sul tentativo di celebrare, catturare e conservare attraverso l’arte l’effimera bellezza della natura.

Bloom&me risponde alla domanda “La natura è morta?” posta dalla mostra con un ciclo di 8 opere intitolato “L’erbario apparente”, pensato come progetto site-specific per Villa Mirabello. Il duo formato da Carolina Trabattoni e Valeria Vaselli lavora su un mix di fotografia e disegno a china, e realizza una sorta di erbario in cui la natura è morta solo apparentemente. Come spiega il curatore della mostra Frassà “L’erbario ha origini antichissime; era un modo non solo per conservare le piante e i fiori, ma anche per catalogarli e confrontarli come un vero e proprio strumento di conoscenza. Il duo Bloom&Me reinterpreta l’erbario quale strumento di memoria oltre che di conoscenza. Nella memoria il reale si confonde e si fissa con la parte emozionale di ciascuno di noi; allo stesso modo le piante rappresentate “crescono” e si trasformano al di là di ciò che erano veramente. Con il loro sofisticato linguaggio le artiste cristallizzano la bellezza e l’armonia della natura nel suo splendore vitale in divenire. Tale forza è enfatizzata dallo sguardo fotografico di Carolina che ritrae i fiori sempre dal basso verso l’alto a celebrarne la grandiosità. Se grazie al suo sguardo la natura prende nuova forma, dal segno sottile (su entrambi i lati della carta) di Valeria si genera un intenso gioco di luci, ombre e rimandi caleidoscopici. In bilico tra il Magico mondo di Alice e quello di Lilliput, accompagnati dal vento sempre ritratto e fil-rouge del ciclo di opere, lo spettatore non può che perdersi in questo sogno a occhi aperti”.

Fulvio Morella è l’artista noto per esser riuscito a portare la tornitura del legno nell’arte contemporanea. In occasione della mostra “(LA) NATURA (E’) MORTA?” presenta l’inedito progetto Stone Wood: l’artista realizza per la prima volta sculture totemiche in frassino olivato che racchiudono inserti in pietra ollare della Valmalenco (Valtellina). Il curatore Frassà spiega come “secondo Fulvio Morella la natura è il più grande artista di sempre e l’essere umano non può che ispirarsi, imitare e tendere alla bellezza “naturale”. Proprio la riflessione sul significato più profondo di armonia e bellezza è una delle costanti dell’arte di Morella: se la natura spontaneamente è foriera di bellezza, l’essere umano per tendere a tale risultato deve mettere in atto uno sforzo titanico.  Dietro alle forme minimali ed essenziali che contraddistinguono il suo lavoro, si nasconde perciò una costante e infaticabile ricerca tecnico-materica. Il peso di tale ricerca non traspare però mai nelle opere, che rifuggono qualsiasi orpello, di cui del resto la natura non ha bisogno. Con Stone Wood l’artista rende omaggio e riflette sulla potente bellezza dell’acqua: la forza genitrice del suo scorrere è rappresentata attraverso l’accostamento del legno alla pietra tornita. Queste opere diventano così il luogo di incontro tra natura ed essere umano che finiscono con lo scrivere insieme – con venature e intagli – un racconto che parla di meditazione, silenzio e trascendenza“.

“(LA) NATURA (E’) MORTA”
Mostra collettiva curata da Sabino Maria Frassà e parte dell’ottava edizione del premio Cramum
presso Villa Mirabello, Via Villa Mirabello 6 Milano (fermata “Marche” metro Lilla)
Inaugurazione su invito martedì 7 settembre ore 18:00
Aperta dall’8 al 12 settembre dalle 11 alle 18:30
Per maggiori informazioni – 
infocramum@gmail.com