Chicago Blues, il romanzo di Angelo Fabbri e Marilena Migiani

Esce il 9 ottobre “Chicago Blues” (WM Edizioni), un romanzo ambientato nell’omonima metropoli americana negli anni Trenta, nel periodo del proibizionismo e prima della Grande depressione del 1929 scritto da Angelo Fabbri e Marilena Migiani, con la prefazione di Mario Donatone, uno dei pianisti e delle vocalità più rilevanti della scena blues in Italia.

Angelo Fabbri e Marilena Migiani s’incontrano per la prima volta sul web, scoprendo nella diversità della loro scrittura, evocativa quella di Marilena, cinematografica quella di Angelo, armonie piuttosto che discordanze. Stili diversi ma compensativi, che non si sovrappongono ma si completano. Da qui è nato il progetto di Chicago Blues, romanzo al confine tra fantasia e realtà, ambientato nella Chicago degli anni ’30: un racconto in bianco e nero, sentimentale e crudele, col sottofondo emotivo di una colonna sonora blues.

Uno dei fili conduttori di “Chicago Blues” è la storia dei componenti di una famiglia di immigrati italoamericani attraverso l’atmosfera turbolenta di quegli anni in cui ogni cosa sembrava possibile e niente era davvero proibito.

Il secondo filo conduttore è quello della nascita del blues, raccontato attraverso i personaggi reali che ne hanno fatto la storia e altri di pura invenzione.

Una storia in cui le tensioni razziali sono vissute dai protagonisti senza enfasi, come una realtà quotidiana, accettata e considerata normale da tutti.

Angelo Fabbri

“Chicago Blues nasce da una domanda che io e Marilena ci siamo posti mentre stavamo lavorando alla correzione di alcuni testi – ha dichiarato Angelo Fabbri.

Io avevo appena finito di scrivere un racconto sul viaggio degli emigrati italiani, le loro speranze, le loro ansie e le loro paure. Marilena aveva trattato il tema dello schiavismo, della negritudine, intesa come l’insieme dei valori propri della tradizione culturale nera nelle sue diverse affermazioni ed espressioni. Era una serata invernale, di quelle che invogliavano più alle riflessioni che ad uscire, ad ascoltare della buona musica con in mano un bicchiere di liquore, ed è stato un attimo cercare su youtube una vecchia incisione di Robert Johnson, Me and the Devil Blues. Ecco, io credo che il romanzo sia nato in quel momento, perché in quella scarna melodia che veniva da quasi un secolo fa, nella voce malinconica di Johnson che si arrampicava sulle dissonanze, c’era tutto: il mistero, la sofferenza di un popolo, il fascino oscuro di un qualcosa di sommerso che stava prepotentemente per uscire alla luce.

Marilena Migiani

Dall’altro lato della giovane società americana c’erano loro, gli immigrati dalla vecchia Europa, una generazione di poveri, straccioni che fuggivano dalla fame e dalla morte per cercare oltre Oceano una speranza. Non la libertà, non la ricchezza, soltanto una speranza per loro e per i loro figli, anch’essi scacciati da una società ingrata per cui erano soltanto della manodopera da sfruttare, se non dei pesi.

Un melting pot esplosivo: È da questo – ci siamo detti – che è nato il sogno americano, quell’incredibile e inarrestabile esplosione che ha trasformato in poco più di una generazione gli States da una giovane nazione con enormi problemi di integrazione ad una potenza di livello mondiale.

Mario Donatone

Il blues ha rappresentato in questo contesto molto di più che un fenomeno culturale. Chicago Blues nasce dal tentativo di raccontarlo e anche di mostrare che pur nella violenza possono esistere i sentimenti, perché l’uomo non è mai diverso sa sé stesso ed ogni essere umano può trovare dentro di sé risorse inaspettate”.

“Sono felice – ha aggiunto l’editrice Ilaria Agostini – che il primo romanzo edito da WM Edizioni sia stato scritto a quattro mani da due delle penne più rilevanti del gruppo Writer Monkey: Angelo e Marilena, con la loro scrittura complementare, che riunisce la schiettezza cinematografica dell’uno e il preziosismo onirico e suadente dell’altra, hanno creato un amalgama sofisticato e coinvolgente, a suon di blues. Non era facile né scontato riuscirci.

Ad impreziosire la pubblicazione c’è poi la bellissima prefazione di Mario Donatone, uno dei pianisti e delle vocalità più rilevanti della scena blues in Italia.

La sua partecipazione a questo progetto rende valore all’opera e allo stesso tempo alla poetica stessa del gruppo di scrittura Writer Monkey, che fa della contaminazione e della convergenza artistica il suo mantra, come dimostrano gli eventi, ricchi di parole ma anche di musica, fotografia, pittura e… amici. Come diciamo sempre, da queste parti ‘succedono cose belle’”.

Titolo: Chicago Blues

Uscita: 9 ottobre 2021

Casa editrice: WM Edizioni

Copertina: Ilaria Agostini

Autori: Angelo Fabbri e Marilena Migiani

Prefazione: Mario Donatone

Fuori collana

Pagg: 355

Costo: 15,00 euro

GLI AUTORI:

Marilena Migiani nasce nel 1956 a Roma, dove vive e lavora. Scrive da sempre, ma con il matrimonio e la maternità ha un lungo periodo d’arresto. Riprende la sua attività di scrittrice dopo il divorzio, nel 2008, con il blog L’Antro Della Strega, diario on line e vetrina di racconti, alcuni dei quali pubblicati in raccolte collettive da Writer Monkey, la piattaforma di scrittura creativa con la quale da circa quattro anni collabora.

Angelo Fabbri nasce nel 1953 a Genova, dove vive. Ha lavorato in una grande azienda, occupandosi della comunicazione verso l’esterno ed è attualmente in pensione. Da circa tre anni fa parte dello staff editoriale del Laboratorio di Scrittura Creativa Writer Monkey, di cui ha curato diverse pubblicazioni, sia come caporedattore che partecipando direttamente alla scrittura e all’editing.