Benito Mussolini, A Clara. Tutte le lettere a Clara Petacci 1943, 1945

Benito Mussolini, A Clara. Tutte le lettere a Clara Petacci 1943, 1945

Benito Mussolini, A Clara. Tutte le lettere a Clara Petacci 1943, 1945 – Martedì 6 dicembre alle ore 16, l’archivio centrale dello stato presenta il volume

 

Benito Mussolini, A Clara. Tutte le lettere a Clara Petacci 1943-1945

 

 

La pubblicazione delle lettere di Benito Mussolini a Clara Petacci durante i seicento giorni della repubblica di Salò costituisce per la ricerca storica un evento davvero eccezionale.

 

 

Coordina: Simonetta Fiori

Intervengono: Agostino Attanasio, Mauro Canali, Giovanni De Luna, Miguel Gotor.

Saranno presenti Elena Aga Rossi, Giuseppe Parlato e Luisa Montevecchi.

 

 

La loro edizione scientifica per iniziativa dell’Archivio centrale dello Stato, infatti, conclude una vicenda lunga e singolare, cominciata nel 1950, con il ritrovamento e l’acquisizione da parte dello Stato del fondo Petacci, e proseguita fin quasi ai nostri giorni con controversie giudiziarie e ripetute azioni legali.

 

 

E costituisce un evento eccezionale perché Il volume, rinnovando la lunga tradizione di edizioni di fonti relative alla storia più recente promosse dall’Archivio centrale, rende disponibile al mondo della ricerca e al pubblico un corpus documentario, finora inedito nella sua completezza, che getta nuova luce sulla storia di un periodo tragico e complesso della storia italiana.

 

 

Le lettere, sono conservate nell’archivio personale di Clara Petacci.

 

 

Scritte tra il 10 ottobre 1943 e il 18 aprile 1945, la maggior parte delle lettere di Mussolini, pur di carattere personale, contiene riferimenti alle vicende politiche di quel periodo, alle operazioni militari in corso, alle riunioni del Consiglio dei ministri, ai rapporti con le personalità tedesche, alle persone del suo entourage, alle questioni familiari ed inoltre commenti alla stampa nazionale ed estera.

 

 

Non mancano riflessioni sul passato, sulle vicende immediatamente precedenti e susseguenti il 25 luglio, e brevi nostalgici flash su periodi più sereni, dalle giornate di neve sul Terminillo, alle corse al mare, ai pomeriggi nella sala dello Zodiaco, leggendo riviste e ascoltando musica.

 

 

Nelle lettere trapela sempre più vivo il senso di impotenza di fronte agli eventi, la disillusione verso il comportamento degli italiani, la consapevolezza della scarsità dei mezzi militari, lo sconforto nell’assistere alle distruzioni di quanto aveva costruito, la premonizione di un tragico epilogo.

 

 

Nel volume sono pubblicati anche ampi stralci di lettere di Clara dalle quali emerge il ritratto della donna e il suo rapporto col duce.

 

 

I saggi introduttivi di Agostino Attanasio, sovrintendente all’Archivio Centrale dello Stato, e dei due storici Elena Aga Rossi e Giuseppe Parlato, si soffermano ciascuno su aspetti diversi del carteggio. L’introduzione di Luisa Montevecchi illustra le vicende delle carte e gli aspetti più rilevanti del carteggio. Il volume è corredato da un ricco apparato di note.

 

 

Sala conferenze Archivio Centrale dello Stato – Piazzale degli Archivi, 27 – Roma

 

www.acs.beniculturali.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi