Arte in prima linea contro la violenza sulle donne a Riese Pio X

Arte in prima linea contro la violenza sulle donne a Riese Pio X

Arte in prima linea contro la violenza sulle donne a Riese Pio X – Giovedì 15 novembre al Centro culturale Casa Riese, nel trevigiano, si incontrano teatro, arte interattiva, musica e imprenditoria per lanciare all’unisono un messaggio universale contro la violenza. L’evento è a cura dell’assessore ai servizi socio sanitari, pubblica istruzione, parità, politiche giovanili e della famiglia di Riese Pio X, dott. Massimo Pisciotta

L’arte esce dalle gallerie e dalle fiere di settore per lanciare un messaggio universale: Stop alla violenza sulle donne. E’ questa l’azione performativa ideata dal comune di Riese Pio X, nel trevigiano, a cura del dottor Massimo Pisciotta, assessore ai servizi socio sanitari, pubblica istruzione, parità, politiche giovanili e della famiglia che giovedì 15 novembre coinvolge teatro, arte interattiva, musica e imprenditoria al Centro cultiurale “Casa Riere”. Da sempre attivo sul fronte della sensibilizzazione sulle problematiche legate all’universo femminile, la giunta comunale cura innumerevoli iniziative a sostegno della donna, tra le quali l’adesione all’importante campagna internazionale “Nastro rosa”promossa da LILT Nazionale e l’AIRC (associazione italiana per la ricerca sul cancro) e alla rassegna “Autunno al femminile nella Marca Occidentale”, con un ricco calendario di eventi dedicati.  Ed è proprio in questa rassegna che si inserisce.

Ecco il programma. Alle ore 20.30 presentazione dell’opera “Omnia Munda Mundis” dell’artista Ketra (Elena Pizzato), una scultura rosa che ritrae un grande tirapugni ma che scopriamo essere in realtà una giostra a dondolo. L’azione di decontestualizzazione diventa messaggio universale contro la violenza: l’arte ha il potere di distruggere l’arma, trasformandola in un dondolo inoffensivo e annientando in tal modo tutto ciò che prima quell’arma rappresentava. L’artista insieme all’associazione culturale Artway di Treviso ha ideato il format itinerante “Art against violence” che coinvolge comuni, aziende e pubblico. L’opera è stata esposta alla Biennale di Scultura a Piazzola sul Brenta (PD) nel parco di Villa Contarini, alla fiera d’arte Paratissima di Torino e in diverse altre esposizioni e happening, coinvolgendo realtà imprenditoriali del territorio. L’opera, riprodotta in tre esemplari, è stata realizzata grazie al sostegno di Simone Pellizzari, titolare di Tecnoproject, azienda trevigiana specializzata nella customizzazione di spazi commerciali, residenze, store di fascia luxury per le griffe di alta moda, forte sostenitore del connubio imprenditoria e arte.

A seguire, alle ore 21 è di scena lo spettacolo teatrale “Il Corpo Giusto” per la regia di Xenia De Luigi, in collaborazione con le donne dell’associazione “SpazioRosaBergamo” e la chitarrista Claudia Benasciutti. Tratto dal libro di Eve Ensler, drammaturga statunitense famosa soprattutto per l’opera “I monologhi della vagina” del 1996 e premiata con un Obie Award nel 1997, lo spettacolo di Xenia è un racconto collettivo delle riflessioni e le ossessioni di donne di ogni paese, religione ed estrazione sociale riguardo al fisico ideale e alle pressioni culturali inerenti. De Luigi è regista e drammaturga e si occupa di teatro, video, eventi, ma anche di diritti delle donne e di pari opportunità. Lo spettacolo per i temi trattati non è adatto ai minori di 14 anni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi