La Polizia di Stato di Genova ha rintracciato e arrestato i fratelli Pineiro Fernandez per traffico internazionale di stupefacenti

polizia di spalle

 

La Polizia di Stato di Genova, coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, in collaborazione con la Polizia Spagnola, ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP di Genova, con contestuale mandato d’arresto europeo, rintracciando e tratto arrestando due fratelli spagnoli ritenuti a capo di un pericoloso cartello di narco-trafficanti in grado di importare, dalla Colombia, ingenti quantitativi di cocaina in Europa ed in Italia.

 

 

L’organizzazione spagnola, ben ramificata in Europa, si avvaleva di numerosi fiancheggiatori che, grazie a telefoni satellitari e computer, erano in grado di eludere le investigazioni delle Forze di Polizia ed organizzare il trasporto di ingenti quantitativi di droga via mare.

 

 

A capo dell’organizzazione i fratelli PINEIRO FERNANDEZ, più volte indagati dalla polizia spagnola per traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio ma sempre sfuggiti alla cattura.

Gli stessi sono ritenuti i responsabili dell’importazione in Italia di 50 chilogrammi di cocaina sequestrati dalla Squadra Mobile a Bocca di Magra (SP) il 19 Marzo scorso. Nella circostanza sono stati arrestati due cittadini spagnoli, corrieri dell’organizzazione.

 

 

Il trasporto dell’ingente carico di cocaina è avvenuto grazie all’utilizzo di imbarcazioni veloci in grado di affiancare una nave cargo che aveva, a sua volta, trasportato lo stupefacente dalle zone di produzione, generalmente la Colombia fino al luogo di scambio precedentemente concordato con i trafficanti.

 

 

Determinanti per il buon esito della complessa operazione di P.G. la collaborazione tra la magistratura e le forze di polizia di Italia e Spagna nonché il coordinamento della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, del Servizio Interpol e della Divisione S.I.RE.NE. del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

 

Genova, 1 Dicembre 2011

Share