Vivi l’arte. Gli appuntamenti a cura del collettivo formiano nella rassegna gaetana

Vivi l’arte. Gli appuntamenti a cura del collettivo formiano nella rassegna gaetana

Vivi l’arte. Gli appuntamenti a cura del collettivo formiano nella rassegna gaetana – Il Teatro Bertolt Brecht partecipa con gioia alla II Edizione di “Vivi l’arte”, la settimana culturale promossa dal Comune di Gaeta dal 22 al 30 Marzo. Tre gli appuntamenti a cura del collettivo formiano con musica, teatro per ragazzi e spettacolo d’autore.

Il 22 Marzo alle 21:30 presso Piazza De Vio “Racconti zingari” con le melodie dei Taraf de Metropulitana. Trascinante ensemble di musicisti zingari – voce, violino, fisarmonica, cymbalon, contrabbasso a 3 corde – passati dai matrimoni in Romania ai palchi di tutta Italia e d’Europa. Ritmi balcanici e orientaleggianti nelle stazioni e nei vagoni della metropolitana delle grandi città.

Si continua il 27 Marzo con il doppio spettacolo, alle 9 e alle 11, per i bambini delle scuole elementari di Gaeta presso il Teatro Ariston con “Le tre melarance” scritto e diretto da Maurizio Stammati in scena con Dilva Foddai e Valentina Ferraiuolo. La storia di un principe, di un re, di buffoni e saltimbanchi, di maghi, streghe e principesse, una storia di intrighi, magie e trasformazioni. Racconta magistralmente le contraddizioni della vita reale, portandole su un piano fantastico e mettendo al centro della vicenda un principe che non riesce più a ridere e che soltanto con un “maleficio” scopre il proprio destino e, in un modo assai rocambolesco, il proprio potenziale. Della favola delle tre Melarance in molti si sono innamorati nel corso dei secoli: scrittori, musicisti, poeti e pittori. Il suo fascino, i suoi misteri e le sue trovate burlesche hanno incantato grandi e piccoli.

Il 30 marzo alle 21 presso l’ex Chiesa di S. Salvatore (vico Caetani) si concludono gli appuntamenti a cura del collettivo formiano con lo spettacolo “La cena delle ceneri” da Giordano Bruno con la regia di Lello Serao. In questa messa in scena della compagnia Libera Scena Ensemble fi Napoli incontriamo Bruno a Londra nel 1584 come l’uomo che volle abbattere le mura nelle quali Aristotele, Tolomeo e le religioni rinchiudevano la Terra, come luogo di ogni imperfezione nei confronti delle stelle, e l’uomo stesso in quanto suscettibile di nascita e di morte. Criticando il medesimo Copernico, il filosofo nolano viene incontro a noi come colui che disegnò la fabbrica dei cieli e l’infinità della natura, per cui non esiste una genesi, ma continue fluttuazioni di materia, da cui si originano mondi differenti e inconoscibili tra loro. Egli morirà nel rogo per non accettare che la materia sia subordinata alla divina trascendenza. Al posto dell’arcaico universo chiuso, Bruno offre ancora oggi la visione di un infinito multiverso, dove centro e periferia sono la stessa cosa ed ogni evento, ogni essere vivente, se guardato mediante gli occhi dello spirito, si mostra come il volto possibile di Dio.

“Sono soddisfatta della tipologia degli eventi messi in calendario per favorire una maggiore conoscenza e diffusione di Gaeta. Dopo le riuscite esperienze pregresse, anche in questo contesto, ampio spazio è stato assegnato al Teatro Bertold Brecht, sia con eventi di piazza che, partendo dallo spettacolo, ci portano alla riflessione, ma soprattutto con l’iniziativa rivolta alle scuole di Gaeta in ambito teatrale”, afferma l’assessore alla cultura del Comune di Gaeta Sabina Mitrano.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi