Un’ambulanza per la pace

Un’ambulanza per la pace

Dal 1° al 3 maggio, a Trento, luogo simbolo in Italia della Grande Guerra, la Fondazione Intercultura esporrà, grazie alla collaborazione con il Comune di Trento, nella centralissima Piazza Duomo, uno degli ultimi tre esemplari rimasti al mondo delle ambulanze che vennero utilizzate nelle due guerre mondiali dagli ambulanzieri dell’American Field Service, giovani studenti universitari che diedero origine cento anni fa al grande movimento di volontariato basato sugli scambi scolastici per adolescenti rappresentato in Italia dall’Associazione Onlus Intercultura. L’iniziativa è collocata all’interno del Convegno sulla risoluzione dei conflitti “Saper Vivere insieme” della Fondazione Intercultura, sotto il Patrocinio del Ministero per gli Affari Esteri, della Provincia autonoma di Trento  e dei Comuni di Trento e Rovereto.

 

Elaborate dalle Ford Model T, le ambulanze sono il simbolo della storia di questo movimento di volontariato che si riunirà per una tre giorni dedicata al tema della risoluzione dei conflitti. L’occasione sarà quella del Convegno internazionale “”Saper vivere insieme. Umanitarismo, riconciliazione, educazione alla convivenza” (www.sapervivereinsieme.org).
Il convegno si articolerà in una serie di testimonianze portate da individui ed organizzazioni che operano oggi nel settore dei soccorsi umanitari, della riconciliazione dopo un conflitto e dell’educazione dei giovani a vivere pacificamente insieme tra popoli di cultura, lingua e tradizione diverse. Ogni relatore presenterà il caso della sua organizzazione in una serie di seminari paralleli della durata di due ore, cui i partecipanti si possono iscrivere al momento dell’adesione. I lavori di sabato si terranno al Teatro Sociale di Trento. Quelli di domenica all’Auditorium Melotti di Rovereto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi