Trentofilmfestival, in scena la storia di Alfredo Paluselli

Trentofilmfestival, in scena la storia di Alfredo Paluselli

Al Teatro Cuminetti domenica 3 maggio alle 21, nell’ambito del TrentoFilmFestival andrà in scena lo spettacolo teatrale “Vento da Nord”, monologo teatrale dedicato ad Alfredo Paluselli con la regia e il testo di Mario Vanzo. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’assessorato all’ambiente della Provincia autonoma che, dell’ambiente dolomitico in cui si è svolta la vita di Paluselli, è gestore e responsabile (insieme alla Fondazione Dolomiti) della tutela e sviluppo. Ciò sia nei confronti dell’UNESCO sia del resto del mondo, posto che le Dolomiti sono patrimonio dell’umanità. Lo spettacolo nasce dal libro dedicato ad Alfredo Paluselli “pioniere delle Dolomiti e custode del Cimon della Pala” scritto dal nipote omonimo del protagonista dell’opera.  In scena, domenica 3 maggio, Mario Zucca con le musiche di Enrico Tommasini, la scenografia di Marco Nones e le luci di Mirko Bonelli. Carismatico e poliedrico Alfredo Paluselli è stato anche un pioniere dello sport, dello sci, dell’alpinismo a Passo Rolle e in tante altre parti del mondo. Per prenotazione biglietti tel. 0461 213834 Oppure direttamente al botteghino dell’Auditorium orario 10-19 o del Teatro Sociale. In alternativa con il circuito “Primi alla Prima” nelle Casse Rurali o, ancora, direttamente sul sito primiallaprima.it

 

“Quando ho letto il libro – dice Mario Vanzo – autore e regista del monologo – mi sono detto che si trattava di un uomo da ricordare e ho voluto dedicargli questo lavoro. Ritengo che l’esperienza di vita di uomini coraggiosi e intraprendenti come Alfredo Paluselli possa essere d’esempio ai giovani, possa mostrare loro che la vita si può affrontare con grinta e voglia di fare trasformandola in una vera avventura degna di essere vissuta.”
Il monologo non è una semplice trasposizione del libro, è una delle possibili letture della vita e dell’esperienza di Alfredo Paluselli, uomo dalla personalità molto profonda. Il monologo interpretato da Mario Zucca, attore e doppiatore di fama nazionale. “Quando gli ho sottoposto il mio testo” – continua Mario Vanzo – “Mario Zucca ne è stato molto colpito e non ha avuto la minima esitazione ad accettare di interpretarlo”.
Una scenografia particolare con elementi bianchi e trasparenti in plexiglas per riprodurre l’idea di neve, ghiaccio e freddo. Il titolo contiene un messaggio positivo: un vento buono che, prima o poi, arriva, basta saper aspettare. Il vento citato, infatti, è quello venuto da nord che mise fine al lunghissimo e durissimo inverno 1950/1951, quando a Passo Rolle furono misurati 27 metri di neve.

Per prenotazione biglietti:
tel. 0461 213834
Auditorium orario 10-19
Circuito “Primi alla Prima” nelle Casse Rurali
Direttamente sul sito www.primiallaprima.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi