Scippatrice in erba finisce in manette. Ri arrestato anche il nonno ladro

Scippatrice in erba finisce in manette. Ri arrestato anche il nonno ladro

Pigneto – A bordo di uno scooter tenta di scippare la borsa ad una ragazza di 20 anni, che resiste e viene trascinata a terra. Studentessa universitaria 19enne arrestata.

 

Roma – Questa notte, i Carabinieri della Stazione Roma piazza Dante hanno arrestato una studentessa universitaria 19enne di San Benedetto del Tronto (AP), già conosciuta alle forze dell’ordine, con l’accusa di tentata rapina, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. La ragazza, mentre percorreva a bordo di un ciclomotore via del Pigneto, ha avvicinato alle spalle una 20enne romana che stava camminando lungo la strada. All’improvviso la ladra ha afferrato la borsa della vittima tentando di scipparla, ma la 20enne ha resistito, afferrando con due mani la tracolla e finendo scaraventata a terra. A quel punto la scippatrice, invece di desistere, ha perseverato nel suo intento, incalzando la povera malcapitata che nel frattempo ha tentato di scappare. Non paga, la studentessa, raggiunta nuovamente la sua vittima, l’ha violentemente aggredita e minacciata finché l’intervento dei Carabinieri della Stazione Roma piazza Dante non ha messo fine alle sue angherie. Anche i militari hanno dovuto fare i conti con la violenza della malvivente, schivando calci e pugni, ma alla fine sono riusciti a immobilizzarla. La refurtiva, una fotocamera del valore di 50 euro, è stata restituita alla vittima, che è dovuta ricorrere alle cure dell’ospedale “Vannini” a causa delle lesioni riportate nell’aggressione. Ne avrà per 15 giorni. La rapinatrice è stata trattenuta in caserma in attesa di essere sottoposta al rito direttissimo.

 

 

Fa l’elemosina sul marciapiede di Piazza Venezia esibendo un cucciolo di cane di 40 giorni per impietosire i passanti. Nomade 22enne multata dai carabinieri.

 

 

Roma – Una nomade di 22 anni proveniente dal campo di Prima Porta è stata contravvenzionata dai Carabinieri del Comando Roma piazza Venezia  per aver impiegato nell’accattonaggio un cucciolo di cane di soli 40 giorni. La ragazza, che si era posizionata su un marciapiede sottostante il Palazzo Venezia, portava con sé il cucciolo di meticcio allo scopo di impietosire i passanti e far si che questi le corrispondessero un’offerta in denaro. L’intervento dei Carabinieri ha permesso di affidare il cucciolo di cane ad un veterinario del canile del Comune di Roma, mentre alla ragazza, portata in caserma, è stata elevata una contravvenzione di 100 euro.

 

 

Stazione Termini – 3 arresti e 4 denunce dei carabinieri in due giorni. Sanzionato anche un tassista abusivo.

 

 

Roma – Sono 3 gli arresti e quattro le denunce operati, in soli due giorni, dai Carabinieri del Gruppo di Roma nel corso di un’operazione straordinaria di controllo nell’area della Stazione Termini, principale varco di accesso alla Capitale per migliaia di turisti italiani e stranieri. I militari, in abiti civili ed in divisa, hanno focalizzato la loro attenzione, oltre che su eventuali fenomeni di criminalità, sull’abusivismo commerciale e sul fenomeno dei tassisti abusivi. I risultati non si sono fatti attendere: in poche ore, infatti, sono state arrestate tre persone e denunciate a piede libero altre quattro. L’ultimo a finire in manette, ieri sera, un cittadino marocchino di 34 anni, sorpreso nei pressi di piazza dei Cinquecento mentre cedeva una dose di hashish a due giovani acquirenti. I Carabinieri, di servizio di pattuglia in tutta l’area di Termini, lo hanno bloccato e arrestato. Due cingalesi sono stati denunciati dagli stessi Carabinieri, nel pomeriggio di ieri, dopo essere stati sorpresi a vendere borse con marchi contraffatti. Altri arresti e denunce erano stati compiuti nella giornata di ieri: in particolare, i Carabinieri hanno bloccato un cittadino romeno di 44 anni sul quale l’Autorità Giudiziaria di Podoleni (Romania) aveva spiccato, già nel 2007, un mandato di arresto europeo per furto aggravato. Associato al carcere di Regina Coeli, dovrà scontare  4 anni e 6 mesi di reclusione. Poco dopo, i Carabinieri hanno proceduto al controllo di un altro cittadino romeno 26enne, sorpreso in evidente stato di alterazione psico-fisica mentre continuava imperterrito a consumare bevande alcoliche. Alla richiesta di esibire i documenti, il giovane ha tentato di dileguarsi aggredendo i militari. Inevitabile l’arresto con l’accusa di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Un cittadino senegalese di 27 anni ed un cittadino bengalese di 24 anni, invece, sono stati denunciati a piede libero per commercio di prodotti con marchi contraffatti. I due stranieri avevano allestito due improvvisate bancarelle lungo i marciapiedi della stazione ferroviaria, sulle quali erano esposte borse, portafogli, pochette, cinture e berretti con marchi taroccati. Altra refurtiva è stata recuperata dai Carabinieri abbandonata in strada. E’ finito nei guai anche un tassista abusivo di 46 anni, originario della provincia di Agrigento ma da tempo residente nella Capitale. I militari lo hanno intercettato nei pressi della stazione Termini, a bordo della sua autovettura, sprovvisto di qualsiasi autorizzazione all’esercizio del trasporto di persone. L’auto è stata sequestrata ai fini della confisca mentre per il 46enne è scattata la sanzione amministrativa prevista dal Codice della Strada.

 

 

Il “ladro di biciclette” 74enne torna nuovamente a colpire. Questa volta e’ stato sorpreso mentre rubava oggetti dal bauletto di uno scooter parcheggiato sul lungotevere. “Nonno furto” ri-arrestato.

 

 

Roma – E’ finito nuovamente in manette il pensionato 74enne balzato agli onori della cronaca la scorsa settimana dopo essere stato sorpreso a rubare biciclette per la terza volta in 40 giorni. “Nonno furto” è tornato a colpire nuovamente nel tardo pomeriggio dell’altro ieri: questa volta, però, nel suo mirino è finito il bauletto di un motorino parcheggiato sul Lungotevere Thaon de Revel. Il 74enne è stato sorpreso dai Carabinieri della Stazione Roma Flaminia mentre stava rovistando tra gli oggetti contenuti nel bauletto, alcuni dei quali erano già “scivolati” nelle sue tasche. Per il pensionato un nuovo arresto da aggiungere alla carriera criminale e un nuovo rito direttissimo tenutosi ieri. L’arresto è stato convalidato e, in attesa di giudizio, è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di firma presso la caserma dei Carabinieri un giorno a settimana. Come al solito ha ammesso le proprie responsabilità, giustificandosi che è più forte di lui, promettendo di non ricascarci mai più. Solo pochi giorni fa, infatti, era stato arresto dai Carabinieri della Stazione Roma Monte Mario subito dopo essere salito sulla sella di una bici che aveva appena rubato in via Angelo Fava.

 

 

Tiburtina – Rapina gioielleria armato di coltello. individuato ed arrestato.

 

 

Roma – I Carabinieri della Stazione Roma Casalbertone hanno arrestato un romano di 40 anni, con l’accusa di rapina a mano armata, per aver messo a segno un colpo ai danni di una gioielleria sulla via Tiburtina. L’uomo, ieri sera verso le 20 circa, è entrato nell’esercizio ed armato di coltello ha minacciato il titolare facendosi consegnare 3000 euro e vari monili in oro per poi fuggire facendo perdere le proprie trecce. I Carabinieri,  giunti immediatamente sul posto a seguito di richiesta al 112, dopo aver raccolto la testimonianza e la denuncia della vittima si sono messi immediatamente sulle tracce del rapinatore, riuscendolo ad individuare e a bloccare in via Vacuna, poco distante da dove era stato messo a segno il colpo. L’intera refurtiva è stata recuperata e restituita al gioielliere mentre il rapinatore sarà processato con rito direttissimo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi