Ruba portafoglio sulla metropolitana e viene arrestato

Ruba portafoglio sulla metropolitana e viene arrestato

Ruba portafoglio sulla metropolitana e viene arrestato – Borseggiatore arrestato da un carabiniere che si stava recando a  lavoro.

 

Roma – Un cittadino albanese di 22 anni è stato arrestato da un Carabiniere del Comando di Piazza Venezia, libero da servizio che si stava recando al lavoro, a bordo di un vagone della linea ”A” della metropolitana, all’altezza della fermata Termini. Il manolesta, approfittando della folla, si è avvicinato ad un gruppo di turisti americani sfilando il portafogli ad uno di essi. Sfortunatamente per lui, il Carabiniere in borghese ha notato la scena ed è immediatamente intervenuto bloccandolo e recuperando anche il portafogli. Il borseggiatore che ha dei precedenti è stato accompagnato in caserma ed è ora a disposizione dell’autorità Giudiziaria in attesa del rito per direttissimo.

 

Cittadini stranieri passeggiavano per le vie di Roma con documenti falsi. In quattro arrestate dai carabinieri.

 

Roma – Nella giornata di ieri, quattro cittadini stranieri sono stati arrestati dai Carabinieri di Roma nel corso di due distinti controlli effettuati al Centro Storico e a Monte Mario. In particolare, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno bloccato due cittadini ucraini di 27 e 29 anni, entrambi nella Capitale senza fissa dimora. Alla richiesta dei militari di esibire i documenti, i due hanno fornito carte di identità rilasciate dalle Autorità Bulgare che, da un esame più accurato, sono risultate contraffatte. Allo stesso modo, due cittadini romeni, lui di 29 anni, lei di 30 anni, pregiudicati e provenienti dal campo nomadi di via Cesare Lombroso, sono finiti in manette nella zona di Monte Mario: in questo caso la falsità dei loro documenti è stata immediatamente evidenziata dai Carabinieri della Stazione Roma Flaminia durante il controllo. I quattro cittadini stranieri, trattenuti in caserma, dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria dell’accusa di possesso di documenti falsi.

 

La Storta – Accompagna la fidanzata in caserma ma viene arrestato perchè ricercato per un sequestro di persona e  violenza sessuale.

 

Formello – I Carabinieri della Stazione di Roma La Storta hanno arrestato un 28enne cittadino romeno, colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma per i reati di sequestro di persona e violenza sessuale. L’uomo, nel 2006 sequestrò una 24enne sua connazionale, e dopo averla portata con la forza in una baracca, in zona Tomba di Nerone, abusò ripetutamente di lei. Ieri, il 28enne recatosi presso la Stazione Carabiniere di Roma La Storta, per accompagnare la sua fidanzata a sporgere una banale denuncia, ha insospettito i militari che lo hanno controllato. A seguito degli accertamenti, i Carabinieri hanno cosi scoperto che l’uomo era ricercato dal 2010 e deve scontare una pena di 5 anni e 11 mesi di reclusione. Arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Roma Rebibbia.

 

Ostia – Atti osceni in luogo pubblico: 34enne marocchino arrestato dai carabinieri

 

Ieri sera, i carabinieri della Compagnia di Ostia sono intervenuti in Corso Regina Maria Pia, dove hanno arrestato Z.Y., marocchino di 34 anni, nullafacente e residente in via Alfredo Ottaviani. Poco dopo le 20:00, l’attenzione di due carabinieri di pattuglia, è stata attratta dalla presenza, nei giardini antistanti la chiesa Regina Pacis, di un uomo intento ad urinare con disinvoltura, mostrando ai passanti, con spavalderia, le sue parti intime. I militari sono intervenuti per reprimere l’illecita condotta ma, quando si sono avvicinati, l’uomo, pur di sottrarsi al controllo e guadagnare la fuga, ha reagito con violenza spintonandoli. L’uomo è stato quindi condotto in caserma dove ha continuato ad inveire nei confronti dei carabinieri i quali non hanno esitato ad arrestarlo con l’accusa di atti osceni in luogo pubblico e resistenza a pubblico ufficiale. Questa mattina, nelle aule del Tribunale di Roma, sarà celebrato il giudizio direttissimo. Dagli accertamenti dei militari, è emerso che lo straniero vive in Italia da oltre 20 anni ed ha numerosi precedenti alle spalle.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi