Ruba una macchina perchè in ritardo. Ai carabinieri assicura che l&#39avrebbe restituita

Ruba una macchina perchè in ritardo. Ai carabinieri assicura che l&#39avrebbe restituita

“Rubavo l’auto perché sono in ritardo, domani l’avrei restituita”

 

Roma – Un cittadino romeno di 28 anni sottoposto agli arresti domiciliari è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Flaminia, per evasione e tentato furto aggravato. L’uomo, al quale era stato concesso un permesso per potersi recare al Ser.T di via Fornovo in zona Prati,  per seguire un programma terapeutico, è stato sorpreso in via Guido Reni dai militari mentre stava armeggiando con il quadro di accensione di un’autovettura. Immediatamente fermato dai Carabinieri il 28enne si sarebbe giustificato dicendo che essendo in ritardo e dovendo rientrare presto in casa perchè ai domiciliari, stava “cercando” un mezzo di trasporto che poi avrebbe provveduto a restituire il giorno seguente. Dai successivi accertamenti è emerso che non era la prima volta che il “topo d’auto” rimaneva fuori casa oltre l’orario consentito. Arrestato sarà processato con rito direttissimo.

 

 

Ostia – Con un forchettone da cucina tentano rapina al ristorante. In manette 2 tossicodipendenti.

 

 

Due tossicodipendenti 38enni, B.P. e P.C., nullafacenti, già conosciuti alle forze dell’ordine poiché sottoposti all’obbligo di firma per altro reato, sono finiti di nuovo in manette, arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma Ostia, questa volta per aver tentato di rapinare un ristorante utilizzando un forchettone. I due, approfittando della confusione sono riusciti ad introdursi nella cucina, di un ristorante in Via Capitan Consalvo. Sono stati poi sorpresi dal titolare e temendo di essere nuovamente arrestati, hanno preso un grosso forchettone da cucina e lo hanno minacciato, intimandogli di non provare a fermarli, riuscendo così ad allontanarsi, seppur a mani vuote. Il ristoratore si è quindi recato presso la Stazione Carabinieri di Ostia per sporgere denuncia di quanto accaduto, fornendo una dettagliata descrizione dei due delinquenti, tale da permettere ai militari di capire subito che si trattava di B.P. e P.C.. I due erano già sottoposti alla misura all’obbligo di firma, proprio presso quella caserma, pertanto i militari hanno soltanto dovuto attendere che verso sera si presentassero a firmare. Giunti in caserma, per loro sono scattate immediatamente le manette, inconsapevoli del fatto che il titolare del ristorante si trovava ancora in caserma e nel più classico dei film polizieschi, da dietro un apposito vetro oscurato li aveva riconosciuti entrambi come autori del reato perpetrato ai suoi danni. Dopo l’arresto i 38enni sono stati riassociati al carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria a cui dovranno rispondere dell’accusa di tentata rapina impropria, in concorso.

 

Roma – Violenza tra le mura domestiche. Romeno picchia moglie. Arrestato dai carabinieri per maltrattamenti in famiglia.

 

 

Tor Bella Monaca – I Carabinieri della Stazione di Tor Bella Monaca hanno arrestato un cittadino romeno di 22 anni, con l’accusa di lesioni personali aggravate e maltrattamenti in famiglia. L’uomo è stato sorpreso all’interno della propria abitazione mentre, sotto l’effetto dell’alcol ed al culmine dell’ennesima lite familiare per futili motivi stava prendendo a schiaffi e pugni la moglie connazionale 22enne. I militari, intervenuti a seguito di segnalazione giunta al numero di pronto intervento 112, hanno bloccato l’uomo, lo hanno ammanettato e portato in caserma. La donna accompagnata al vicino ospedale di Tor Vergata è stata medicata e poi dimessa con 7 giorni di prognosi. L’uomo è stato trattenuto in caserma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

 

Nomentano – Carabinieri sequestrano attrezzature da 007 per clonare i bancomat

 

Roma – Grazie a microcamere e apparecchiature da 007 avevano manomesso uno sportello bancomat in via Rodolfo Lanciani al Nomentano, clonando le carte di ignari clienti. La banda, composta da due moldavi e un romeno, è stata scoperta dai Carabinieri della Stazione Roma Nomentana. Tutti e tre sono finiti in manette. I Carabinieri, nel corso di un servizio di controllo preventivo, hanno notato che sul bancomat erano stati attaccati dei dispositivi posticci. Così è stato organizzato un servizio di osservazione, tenendo costantemente d’occhio la banca in questione. Quando gli stranieri si sono avvicinati per recuperare la sofisticata apparecchiatura per carpire i codici dei bancomat, è scattato il blitz dei Carabinieri. I tre sono stati bloccati proprio mentre disinstallavano i dispositivi che sono stati sequestrati. Dovranno rispondere di frode informatica e clonazione di carte di credito.

Carabinieri controllano un romano ai domiciliari e scoprono una piantagione di marijuana a Manziana. Arrestato il “coltivatore” e denunciano il complice. Sequestrate 48 piante.

 

 

Roma – I Carabinieri della Stazione Roma Villa Bonelli nel corso di un controllo ai domiciliari di un 38 enne romano hanno scoperto che quest’ultimo aveva contatti con un 41 enne di Manziana che in casa aveva un giardino adibito a piantagione di marijuana. Il proprietario di casa è finito in manette mentre il complice romano è stato denunciato.  Proprio a seguito di un normale controllo di routine, nei confronti del romano, per verificare che  si trovasse in a casa, i militari hanno notato che l’uomo aveva frettolosamente accartocciato e buttato via un foglietto di carta che li ha insospettiti. I Carabinieri dopo averlo raccolto e fotografato con discrezione, hanno accertato che vi era annotato un indirizzo di Manziana.  A seguito di indagini avviate con la collaborazione dei Carabinieri della Stazione di Manziana, i militari della Stazione di Roma Villa Bonelli sono arrivati al “coltivatore diretto” che aveva nel giardino di casa ben 48 piante  di marijuana alte circa 1 metro e 70 ciascuna. Durante la perquisizione all’interno dell’abitazione i Carabinieri hanno trovato anche un revolver lanciarazzi illegalmente detenuto. Per il 41enne sono scattate le manette mentre per il 38enne è scattata la denuncia a piede libero. Per entrambi l’accusa è di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso. Il proprietario dell’orto dovrà anche rispondere per l’arma che deteneva illegalmente.

 

 

 

Cassia – Controlli alla circolazione stradale dei carabinieri. Denunciati 5 automibilisti positivi al test dell’etilometro

 

(Rm) – I Carabinieri della Compagnia di Roma Cassia hanno effettuato un servizio di controllo alla circolazione stradale per prevenire e reprimere le violazioni connesse alla guida in stato di ebbrezza. I controlli sono stati eseguiti principalmente lungo la via Cassia ed altre arterie di comunicazione limitrofe con l’utilizzo degli etilometri in dotazione e drug test. Cinque automobilisti sono stati sorpresi positivi, con valori superiori a quelli previsti dalla legge. Tutti sono stati denunciati a piede libero per guida in stato di ebbrezza con il ritiro contestuale delle patenti di guida. Nel corso del servizio i militari hanno identificato più di 150 persone e sottoposto a controllo un centinaio di mezzi.

 

 

Carabinieri arrestano 30enne romana parcheggiatrice abusiva. Minacciava gli automobilisti dicendo: “O mi dai i solfi o ti rigo la macchina”

 

Roma – Una parcheggiatrice abusiva, romana, di  30 anni, è stata arrestata la scorsa notte nei pressi dello stadio Olimpico, per tentata estorsione ai danni di un automobilista dai Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale. La donna, vecchia conoscenza dei militari, verso le due di notte, nei pressi di Largo De Bosis, dopo aver fatto parcheggiare l’auto di un automobilista ha minacciato di danneggiargliela qualora non avesse corrisposto la somma richiesta. Il rifiuto dell’automobilista ha fatto infuriare la parcheggiatrice abusiva che dopo averlo minacciato anche di morte ha tentato di chiamare in suo aiuto anche altri parcheggiatori della zona. Nel frattempo una pattuglia del Nucleo Operativo dei Carabinieri, in transito, notato il gruppetto si è avvicinata e dopo aver avuto contezza di quello che stava succedendo hanno arrestato la donna. Dopo averla ammanettata e portata in caserma e stata trattenuta in attesa del rito direttissimo.

 

 

 

Arrestato rapinatore di farmacie che, armato di taglierino si e’ fatto consegnare l’incasso

 

Roma – È ora detenuto presso il carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’ autorità giudiziaria, l’uomo arrestato l’altra sera dai Carabinieri della Compagnia di Roma Casilina, autore di una rapina ad una Farmacia di via dei Platani. I militari dell’Arma sono intervenuti a seguito della telefonata al 112 da parte del titolare che aveva denunciato di aver appena subito una rapina. L’uomo ha fornito una dettagliata descrizione del rapinatore, grazie alla quale i militari hanno subito rintracciato il 51enne, mentre stava tentando di far perdere le proprie tracce. L’uomo già conosciuto alle Forze dell’Ordine, è stato arrestato e  dovrà rispondere di rapina aggravata mentre la refurtiva rinvenuta dai Carabinieri è stata restituita al legittimo proprietario.

 

In manette ladra con parrucca. Nei parcheggi dei centri commerciali distraeva le vittime per rubargli la borsa dal sedile

 

Roma – Per compiere i suoi colpi usava sempre una parrucca. Grazie a questo dettaglio i Carabinieri della Stazione Roma Medaglie d’Oro sono arrivati a lei dopo l’ennesimo furto messo a segno ai danni di un’anziana donna all’interno del parcheggio di un supermercato di via Cassia Antica. La tecnica utilizzata sempre la stessa: con una scusa del tipo “signora ha perso le chiavi” oppure “ha la ruota sgonfia” approfittava della distrazione delle vittime, durante le manovre con l’auto nel parcheggio, impossessandosi delle borse talvolta appoggiare sul cofano, talvolta sul sedile lato passeggero. La protagonista della vicenda è una cittadina messicana di 30 anni, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, arrestata con l’accusa di furto con destrezza. La donna è stata rintracciata dopo un’accurata attività d’indagine condotta dai militari. Durante la perquisizione effettuata a bordo della sua auto è stata rinvenuta e sequestrata la parrucca utilizzata per i furti. L’arrestata è stata associata alla Casa Circondariale di Roma Rebibbia.  Sono in corso ulteriore indagini volte ad accertare eventuali responsabilità della 30enne in altri furti commessi con lo stesso modus operandi.

 

 

Un apprezzamento di troppo ad una ragazza e ne scaturisce una rissa. 4 giovani arrestati

 

Roma – Un apprezzamento di troppo ad una ragazza è stata la causa che ieri notte, ha fatto scaturire una violenta rissa tra alcuni giovani italiani, nei pressi di un locale di via Costantino Nigra, zona Ponte Milvio. I Carabinieri della Compagnia di Roma Trionfale mentre transitavano nella zona hanno notato il gruppetto di ragazzi intenti a suonarsele di santa ragione e, prontamente intervenuti, li hanno bloccati. A finire in manette sono stati 4  giovani italiani, di età compresa tra i 20 ed i 23 anni, che fermati e soccorsi dai militari sono stati accompagnati presso l’ospedale più vicino per le cure del caso. Il più grave dei 4, ne avrà per 15 giorni a causa della rottura del setto nasale. Tutti dovranno rispondere dell’accusa di rissa aggravata.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi