Prova costume

Prova costume

Con l’arrivo dell’estate si ripresenta il dilemma prova costume, vissuto con un sorriso da alcune e con estrema ansia da altre. La scelta del bikini nuovo, infatti, spinge a fare i conti con la propria silhouette non sempre perfetta, con il rischio di mandare in depressione le donne che tendono ad amplificare il processo di auto-oggettivazione. A sostenerlo, è un’indagine condotta dalla psicologa Marika Tiggemann della Flinders University in Australia, e pubblicata sulla rivista Sex Roles.

 

 

Come ha spiegato la dottoressa, infatti,  l’auto-oggettivazione implica un senso di estraniamento tale che la donna/ragazza comincia a considerare il proprio corpo al pari di un oggetto. Questa visione distorta della realtà è la scintilla che fa scattare un’autocritica feroce verso se stesse, tanto da diventare fonte di depressione.

 

L’auto-oggettivazione porta ad essere sempre preoccupate del proprio aspetto, a provare vergogna del proprio corpo, ed è spesso l’anticamera dei disturbi del comportamento alimentare, ma anche della depressione. Le reazioni, chiaramente, sono diverse da donna a donna, e questo processo può avere modalità diverse, ci sono poi circostanze che possono persino esasperare questi sentimenti, tra cui la scelta di un vestito da indossare.

 

articolo tratto da MedicaLive

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi