Premio Frantoi dell’Arte 2011

Premio Frantoi dell’Arte 2011

“I frantoi dell’arte”: una spremitura di idee antiche e nuove nei frantoi della Liguria

Frantoi dell’arte giunge alla seconda edizione: il progetto di Sergio Maifredi per Teatri Possibili Liguria in collaborazione con ONAOO e Fondazione Gaber, sostenuto dalla Regione Liguria si svolgerà il 9 il 13 ed il 14 maggio 2011. In quella settimana i Frantoiani assegneranno il Premio Frantoi dell’arte 2011, assegnato nella prima edizione a Gino Paoli.  I protagonisti di questa’anno saranno Paolo Rossi, al frantoio Merano di Chiusavecchia, Imperia, lunedì 9 maggio, Federico Moccia al frantoio Sommaria, ad Alberga, venerdì 13 maqgio, la Senatrice Ombretta Colli a Oneglia, all’Isnardi Store del Frantoio Isnardi, sabato 14 maggio. Tutti gli  appuntamenti sono alle 17.30, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti. Info www.teatripossibililiguria.it  e www.oliveoil.org  0183767412

L’ospitalità per partecipare agli incontri e visitare  la costa e l’entroterra  della Liguria è affidata a  Mete di Liguria, una catena di b&b di charme in frantoi delle antiche famiglie imperiesi, produttrici di olio. www.metediliguria.it info@metediliguria.it.

La rassegna quest’anno ha come tema i colori della bandiera italiana: ad ogni personaggio viene consegnato un colore da spremere per parlare di un prodotto, l’olio, fortemente rappresentativo  della cultura italiana nel mondo.

Sergio Maifredi: “Nell’edizione di quest’anno abbiamo voluto ispirarci ai tre colori della bandiera italiana, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Tre colori, come tre suggestioni, come tre stati d’animo da cui partire per spremere idee.

Il verde: dal verde ecologia al verde dell’essere al verde; dal verde speranza al verde che rasserena, dalla gelosia che, scespirianamente, “è un mostro dagli occhi verdi” al verde militare….

Il bianco: dal bianco della purezza al bianco che assorbe ogni altro colore, dal bianco delle droghe più feroci al bianco della nebbia in cui ci si perde, dal bianco delle spose al bianco delle bandiere che s’arrendono.

Il rosso: dal rosso della rabbia al rosso della bandiera rossa, dal rosso del pericolo al rosso della riserva, dal rosso dell’errore al rosso della passione.

Abbiamo scelto i colori della nostra bandiera anche per ribadire che l’eccellenza della Cultura dell’Olio è italiana. Altri Paesi vantano eccellenti produzioni, ma l’Italia rimane la detentrice del brand di qualità.

Con gli amici di Onaoo, senza i quali questo progetto non potrebbe esistere, con il forte sostegno della Regione Liguria che ha creduto nel connubio tra Arte ed Economia, Olio e Teatro e con i nostri nuovi compagni di viaggio, la Fondazione Gaber, che ci onora della sua collaborazione, abbiamo in mente strade future: creare relazioni con altre Regioni italiane ed un progetto europeo che veda coinvolti più Paesi produttori. Già la prima edizione dei Frantoi dell’Arte ha avuto un  momento internazionale durante “Talking and tasting Olive Oil”: ad ogni bottiglia d’olio, di ogni diverso Paese, venne abbinata una poesia di un autore del Paese produttore. In quell’occasione fu preziosa la collaborazione con il Festival Internazionale di Poesia di Claudio Pozzani.

L’olio è la cultura del mediterraneo, dove arriva l’ulivo arriva la cultura mediterranea. La Liguria è protagonista della storia dell’Olio d’Oliva. Regione Liguria, Teatri Possibili Liguria, Onaoo e Fondazione Gaber questo vogliono raccontare”.

 

La rassegna  prevede tre incontri :

Paolo Rossi  sarà  a Chiusavecchia – Imperia, lunedi 9 maggio alle ore 17.30 ospite del Frantoio Merano di Chiusavecchia – colore rosso

Federico Moccia  ad Alberga,  venerdi 13 maggio alle 17.30 ospite del Frantoio Sommariva ad Alberga – colore bianco

Ombretta Colli a Imperia – Oneglia, sabato 14 maggio  alle 17.30, allo Store Isnardi del Frantoio Isnardi – colore verde.

La rassegna,  ideata da Sergio Maifredi, propone all’ospite di incontrare il pubblico nei frantoi, da sempre luogo di incontro, già ai tempi dei Greci e dei Romani agorà dove scambiare idee, attivare piani di lavoro, programmare le attività sociali della comunità per il nuovo anno  di produzione. Il compito dato agli ospiti sempre accompagnati da Sergio Maifredi e quello di portare un\’idea e di spremerla, realizzando la metafora richiesta dal frantoio. In ogni incontro è prevista una degustazione di olio, per non dimenticare il sapore della nostra cultura, a cura dei grandi professionisti di ONAOO, la più antica associazione di assaggiatori d’olio d’Italia.

Tutti gli  incontri sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi