Per l’alto mare aperto: trent’anni di festival

Per l’alto mare aperto: trent’anni di festival

Per l’alto mare aperto: trent’anni di festival – Giovedì 7 marzo al via le prevendite per tutti gli spettacoli di Ravenna Festival 2019

In attesa che la XXX edizione di Ravenna Festival salpi “per l’alto mare aperto”, affrontando la straordinaria avventura della musica e delle arti con oltre cinquanta appuntamenti tra il 5 giugno e il 16 luglio – senza contare gli eventi quotidiani-, si aprono le prevendite per continuare a navigare fra i generi più disparati, visitando luoghi di spettacolo unici al mondo e scegliendo per compagni di viaggio artisti di fama internazionale. Da giovedì 7 marzo i biglietti per tutti gli eventi saranno disponibili presso la biglietteria del Teatro Alighieri, sul sito www.ravennafestival.org  e attraverso la rete di prevendite ufficiali attiva presso tutte le filiali della Cassa di Ravenna SpA, gli uffici IAT, i punti del circuito nazionale Vivaticket.

Il programma 2019, presentato a gennaio, si è nel frattempo arricchito di due richiami alla Grecia classica con Medea (18 giugno), melologo in un atto di Jiří Antonín Benda con la voce recitante di Chiara Muti, e l’Edipo a Colono di Sofocle (8 luglio) nella riscrittura di Ruggero Cappuccio. La XXX edizione – che si apre con l’esclusivo incontro fra i giganti della musica Riccardo Muti e Maurizio Pollini – ha scelto infatti per meta, letterale e metaforica, la Grecia: oltre al concerto dell’Amicizia con artisti italiani e greci diretti da Muti nella Nona di Beethoven, il tema include Leōnidas Kavakos con l’Orchestra Cherubini, la prima su testo di Ivano Dionigi con Vetrano e Randisi, il tributo a Zorba il greco e quello di Elena Bucci a Panagoulis, il mondo greco-bizantino con Nektaria Karantzi e Vassilis Tsabropoulos. La dimensione marittima emerge anche con l’omaggio a De André negli appuntamenti con Nicola Piovani e Neri Marcorè, con quello a Domenico Modugno riletto da Peppe Servillo & co., e nel concertoAttraverso l’acqua di Enzo Avitabile, ospite anche De Gregori. Alessandro Vanoli e Lino Guanciale si incontrano a Classis per Le parole e il mare, mentre il viaggio continua sulle orme dell’Harold en Italie di Berlioz, parte del programma dell’Orchestre National de France diretta da Emmanuel Krivine, e sull’Isola disabitata di Haydn con il Giardino Armonico di Giovanni Antonini (cui si uniscono le sorelle Labèque per Mozart); con i Tallis Scholars, per sette concerti in un giorno nelle basiliche, e attraverso il Purgatorio di Dante, sacra rappresentazione itinerante firmata e guidata da Marco Martinelli ed Ermanna Montanari. Doppio omaggio al viaggio psichedelico, con la coreografia Shine! di Micha van Hoecke e il concerto della superband del cofondatore dei Pink Floyd Nick Mason. Un altro batterista leggendario, Stewart Copeland dei Police, “accende” l’orchestra, ma il ritmo è fissato anche dalla settimana delle 100 percussioni. Fra gli ospiti di questo Festival anche Goran Bregović, con From Sarajevo per orchestra e tre violini, e l’eclettico Ben Harper con i The Innocent Criminals. Oltre alle meraviglie assolute della Martha Graham Dance Company e dell’Hamburg Ballett (sola tappa italiana nell’anno in cui John Neumeier festeggia 80 anni), la sezione danza include il gruppo Nanou con un lavoro ispirato da Miles Davis e il gran finale del 16 luglio: la pioggia di stelle internazionali di Les étoiles.

Info. 0544 249244 – 
tickets@ravennafestival.org

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi