Palazzi aperti al Museo delle Palafitte di Fiave

Palazzi aperti al Museo delle Palafitte di Fiave

Palazzi aperti al Museo delle Palafitte di Fiave – Nell’ambito di “Palazzi Aperti 2013. I Municipi del Trentino per i Beni Culturali”, domenica 12 maggio il Museo delle Palafitte di Fiavé ospita due iniziative realizzate in collaborazione con il Comune di Fiavé, il Centro Studi Judicaria e l’Ecomuseo della Judicaria “dalle Dolomiti al Garda”. Per l’occasione il museo sarà visitabile con ingresso gratuito dalle ore 14 alle 18.  Il primo appuntamento è alle ore 15 con la visita guidata a Casa Carli, condotta da Graziano Riccadonna, presidente del Centro Studi Judicaria. L’edificio che ospita il museo rispecchia la tipicità delle antiche case rustico-signorili delle Valli Giudicarie con il caratteristico ponte di esercizio che immette direttamente al piano superiore. Alle ore 16 nella sala conferenze del museo si terrà la presentazione della guida breve del sito fortificato di Monte San Martino nel Lomaso. Interverranno Guido Donati, presidente dell’Ecomuseo della Judicaria “dalle Dolomiti al Garda”, Enrico Cavada, Elia Forte e Costanza Miotello dell’Ufficio Beni archeologici della Provincia autonoma di Trento.

 

Accogliendo le sollecitazioni di numerosi escursionisti che in questi anni sono saliti sul monte, la guida è stata pensata e realizzata per accompagnare la visita narrando quanto il luogo ha conservato di quella che è stata un’estesa fortezza, dimenticata dalla storia e sulla quale gli archeologi stanno lavorando orma da oltre dieci anni. Imponenti i resti che occupano su una superficie di oltre 15.000 mq: le mura, estese per quasi un chilometro attorno alla sommità appiattita di uno sperone roccioso che si alza sul Lomaso e conservate fino ad oltre due metri di altezza. Le anticipano avancorpi e bastioni che costringono ad accedervi per una sola, stretta via dominata a sua volta da torri e da solidi speroni di difesa. Una volta entrati, camminando su percorsi che sono quelli antichi, si raggiungono varie aree e lo sguardo si apre sul paesaggio storico di questa terra con i suoi ordinati campi, i terrazzamenti coltivati, i paesi aggregati con le loro chiese e i castelli che contraddistinguono le Giudicarie. Al vertice si trova la chiesa di san Martino. Fondata al tramonto del mondo romano e all’alba dell’Europa può essere considerata tra i primi e più antichi luoghi della cristianità delle Alpi centrali. Sorta per volontà di uomini che appartengono a popoli scomparsi, Goti e Bizantini, ha attraversato sempre più in solitudine i secoli fino al Novecento, mentre ciò che le è stato accanto spariva lentamente alla vista, riconquistato e coperto da un ambiente regolato dalle sole leggi della natura. Dopo la presentazione, oltre che direttamente sul sito di monte san Martino la guida sarà reperibile presso la Biblioteca intercomunale di Valle a Ponte Arche e presso l’Azienda per il Turismo di Comano Terme Dolomiti di Brenta. Dai prossimi giorni sarà inoltre disponibile on-line sul portale dedicato al progetto di ricerca “Monte san Martino (www.small.tn.it) e sui portali dell’Ecomuseo della Judicaria (www.dolomiti-garda.it), del Comune di Comano Terme (www.comune.comanoterme.tn.it); dell’ApT Terme di Comano (www.visitacomano.it) e della Biblioteca intercomunale di Valle (www.ponte.arche@biblio.infotn.it).

Informazioni

Museo delle Palafitte di Fiavé
Via 3 Novembre, Fiavé (Trento)
tel. 0465 735019
museopalafittefiave@provincia.tn.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi